MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

domenica 21 settembre 2014

Essere donna oggi...

(chiedo scusa alle eventuali persone serie: sto lavorando come una bestia, quindi col vostro riverito permesso ogni tanto cazzeggio un po'. Vorrei provare ad attizzare un sano flame maschi contro femmine, e forse ci sono riuscito essendo cortese con l'on. Moretti e dando della babbiona a Nat - che, detto fra noi, non se lo merita, ma non diteglielo altrimenti frustrate il mio intento. Adesso provo l'assalto finale: se fallisco, torno a scrivere il libro. Se parte il contrattacco femminile, difendetemi!)

Nat ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "Inizia una giornata molto lunga...":

Ma infatti io spero solo che prima o poi sia Rockapasso a rispondermi. Diciamola tutta, voi maschietti siete così noiosi, alla fine... (a riprova, me ne dolgo con l'autore, cito il post qui sopra di Sandro Ceccato, possibile che non si riesca a sfumare con un po' più di delicatezza il proprio pensiero). Dopo una certa età si torna ad apprezzarsi di più tra donne (escludo Mein Ingenieur, ovviamente, che è l'uomo perfetto da ogni punto di vista - tranne lo scotoma sul problema euro - ma lui l'ho da tempo sottratto al mercato io e vigilo con ogni cura per soffocare sul nascere ogni concorrenza).
Postato da Nat in Goofynomics alle 21 settembre 2014 13:06




Che coincidenza! Anche Rockapasso è la donna perfetta sotto ogni punto di vista. Ha un unico difettuccio, secondo me molto molto femminile, il quale fa sì che io in casa la chiami con questo affettuoso nomignolo.

Meine Königin...

114 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Donna Rockapasso quando il flusso è più copioso,sbarazzina quando è il caso o marangona di un clitoride mai domo,al grido di "Alberto subitoooooo!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho capito il flame, ma mmo te stai a allarga'... Io poi ormai sono aggiogato ar libbro...

      Elimina
    2. Scusi prof.,allora vado con un evergreen:
      "La follia della donna,quel bisogno di scarpe che non vuole sentire ragioni:cosa sono i milioni quando in cambio ti danno...le scarpe?"

      Elimina
    3. Dai dai, quella è una coltissima citaziùn. Son sicuro che sai bene di chi, visto che li hai citati anche tu.

      (Mi permetto in modo molto anglosassone di usare la seconda persona)

      Attendo con ansia il prossimo libro; hai già deciso il titolo?
      Mi raccomando, come per il primo NON mettere "manette digitali" (DRM) perché son convinto che una parte del suo successo sia da attribuire anche a quello.
      Io l'ho acquistato e letto con piacere, lo consiglio a tutti ma non l'ho copiato a nessuno.
      Anche se sarebbe opportuno avere un programmillo per poter pagare i diritti d'autore di opere di cui si riceve una copia ....

      Elimina
    4. https://www.youtube.com/watch?v=3thekvRAPbk

      Grande Elio...

      Elimina
    5. Son schiantato dalle risate...mavete fatto ride abbestiiia!

      Elimina
    6. @buseca

      Carissimo, non so di cosa parli. La citazione ovviamente la conosco. Circa i famosi diritti di autore e Bagnai è diventato ricco, ti consiglio questa lettura così capisci quanto sono ricco. I 5 stelle della Basilicata hanno messo il pdf online (un giorno dopo quello in cui l'ho spedito a un collega citato in questo blog, ma non vi dico quale ed è una coincidenza), e me ne sono sempre battuto il belino, anche se, essendo loro degli onesti, una denuncia di stava bene. Per il resto, il mio libro un digitale non ha venduto quasi nulla. Chi lo compra vuole studiarlo, e gli ebook non si studiano.

      Il mio successo è dovuto al fatto che io sono io, e tu sei tu. Sul tuo libro fai un po' come ti pare, comunque vada sarà un successo. Vedi? Io non do consigli...

      Elimina
    7. @buseca; Bagnai
      Se posso, la mia esperienza è stata questa.
      Quando ho saputo del libro ero a Forlì, e il libro del prof. era difficilmente reperibile. Preso dalla foga informativa, ho scaricato il Pdf. A pagina settanta, ho comperato la prima copia. Alla fine del libro ho comperato la seconda. A giugno 2013 ho comperato la terza da regalare a mio cugino che si trasferiva a Londra (probabilmente a recuperare sovranità monetaria). Quindi sì, per me il discorso di buseca è valido.

      @ tutte le sgallettate
      ma che è colpa nostra se il motore immobile ha deciso di piazzarsi proprio tra le vostre gambe? Potevate metterlo tra gli occhi....no?
      Sono convinto che l'evoluzione superiore della specie umana sia imputabile proprio al fatto che noi, al pari dei maschi delle altre specie, stiamo sempre in caccia, ma voi, diversamente, non vi fate prede facilmente. Da qui l'effetto moltiplicatore per cui il maschio doveva sempre fare quel qualcosa in più per impressionarla...qualcosa in più... ecco spiegate le Petronas Tower. Ma il rovescio della medaglia, è che noi ci siamo organizzati, per tenere basse le vostre pretese, ergo dobbiamo mantenere "zitelli" gli ultimi due decili della distribuzione, scontando fastidiosi disordini sociali, i quali si manifestano per lo più sotto forma di colpi di acido nei forum e insensato chiacchiericcio denigrartorio sul posto di lavoro. Argomento, ovviamente, i primi due decili.

      Sul fatto che dopo una certa età ci si apprezzi di più tra donne, evidentente, alla perdita degli appetiti (che si manifesta con interminabili e pretestuose partite di Bridge o Canasta, con la comparsa di libri di Erica Jong, oppure con il crollo del mobiletto del bagno causa abuso di medicinali omeopatici), si placa quella spinta a occupare la posizione migliore e ci si accontenta della propria, pur modesta, pensione sociale. A quel punto prendete a specchiarvi nellla vita dei figli o dei nipoti, rovinando nuovamente la testè ricostruita dignità sociale.

      Elimina
    8. @ Emilio Pica:
      tu scrivi:
      sul fatto che dopo una certa età ci si apprezzi di più tra donne, evidentente, alla perdita degli appetiti (che si manifesta con interminabili e pretestuose partite di Bridge o Canasta, con la comparsa di libri di Erica Jong, oppure con il crollo del mobiletto del bagno causa abuso di medicinali omeopatici), si placa quella spinta a occupare la posizione migliore e ci si accontenta della propria, pur modesta, pensione sociale. A quel punto prendete a specchiarvi nellla vita dei figli o dei nipoti, rovinando nuovamente la testè ricostruita dignità sociale.


      Senti, su qualcosina hai indubbiamente ragione, ma, perdona la franchezza, la maggior parte sono osservazioni davvero banali e luogocomuniste!

      Ero fermamente intenzionata a non raccogliere la provocazione di questo flame lanciata dal Prof, ma come si fa davanti a certe cose?

      Elimina
    9. @Emilio Pica Scusa, tesoro, ma di quale evoluzione stai parlando? Sei la prova vivente che al massimo vi siete involuti. Non entro nel merito delle tue ragioni, perché francamente hai una prosa quasi impenetrabile: non riesco proprio a capire che diavolo hai in testa (o addirittura se hai una testa) per tua fortuna. Se invece scherzi, ahahahahahahah, quanto mi hai fatto ridere. Scusa, è che purtroppo i discorsi che vedono mescolati i termini "donne", "perdita degli appetiti" e "propria pur modesta pensione sociale" mi danno un'allergia che mi rende, come ben dici tu, particolarmente acida.

      Elimina
    10. ... and the winner is... Imaillio Paica!
      (scroscio di applausi in sala, il vincitore si avvia sorridente verso il palco a ritirare il premio...)

      Elimina
    11. @emmepi

      Io però quando parlo di luogocomunismi dico quali sono e perché lo sono!






      (vai, è partito il flame... Ce n'è voluta!)

      Elimina
    12. La servo immantinente Prof, scusandomi per non averlo fattio prima, ma sono al lavoro e non ho tutto il tempo che vorrei.
      La banalità: lo specchiarsi nella vita dei figli, nipoti ecc.
      I luoghi comuni: bridge/canasta ; Erica Jong ( quelle della mia generazione l’hanno letta a 16 anni); uso di medicinali omeopatici (che addirittura causano il crollo del mobiletto del bagno).
      Però per quello che mi riguarda il flame non è mai partito e a parte qualche raro femineo commento, ve la state suonando e cantando fra maschietti, mi pare!
      Detto questo: peace&love everybody! (cit)

      Elimina
    13. Ciao emmepi, ovviamente hai ragione, fanno quasi tenerezza. Purtroppo gli schiaffi mi sono partiti da soli quando, sia pure in un groviglio quasi incomprensibile di parole, sono riuscita a discernere la "pur modesta pensione sociale". Forse perché mi ha rinverdito un altro accesso di rabbia, legato al simpaticone nostro di una volta, quello che tanto ha giovato all'immagine delle donne italiane, quando pronunciò il celebre "signorina, si trovi un marito ricco". Non so, probabilmente alcuni non lo colgono, che questo equivale a darti apertamente della puttana.
      Ma consoliamoci con il Poeta, emmepi, che perlomeno era uno che sapeva scrivere:

      Tanto gentile e tanto onesta pare
      La donna mia quand'ella altrui saluta
      Che ogni lingua divien tremando muta
      E gli occhi non l'ardiscon di guardare.

      Ella sen va, sentendosi laudare
      Benignamente d'umiltà vestuta
      E par che sia una cosa venuta
      Di cielo in terra, miracolo a mostrare.

      Mostrasi sì piacente a chi la mira
      E dà per gli occhi una dolcezza al core
      Che intender non la può chi non la prova

      E par che dalle labbia sua si mova
      Un spirito soave, pien d'amore
      Che va dicendo all'anima: sospira!

      (Scusa gli errori, ma con l'iPad non si riesce né a copincollare né a verificare il testo su qualche sito, ed è tardi. Vedi però perché trovo che si siano un filo involuti, non dico che non sia anche in parte colpa nostra. Un ultimo nanetto e chiudo: l'altro giorno Benigni, su richiesta di recitare qualcosa di Dante durante una trasmissione di Minoli, ha detto che avrebbe recitato "il re dei sonetti", e sai che ha fatto Minoli? LO HA INTERROTTO A METÀ.

      Elimina
    14. Non sono di corsa oggi, di più! Non ho neanche letto il nuovo post del Prof.
      Solo una cosa posso dirti Nat: ti stimo, sorella!
      E a buon intenditor poche parole...magari a Pescara ci conosciamo? Facciamo l'angolo "Vintage"?

      Elimina
  3. No, vabbe', queste sono armi non convenzionali, straproibite dalla convenzione di Ginevra. Torno ad ascoltare Pergolesi, che è meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed era meglio che l'avessi fatto sul serio. Prof, ora sono arrabbiata anche con lei, devo riascoltarmi almeno duecento volte il Tiento de dos bajos per perdonarla di avere abusato della mia fiducia innescando questo flame a partire da un mio post pieno di null'altro che candore e innocenza.
      Colpa mia che non ho rispettato una delle regole base della netiquette (mai alimentare flame).
      Mi ritiro in un silenzio corrucciato e sdegnoso.

      Elimina
    2. Visto? Posso farti fare quello che voglio. L'ingegnere ha le ore contate. E penZa che mo' metto pure sul sito un paio di inediti, robba forte, e il mio esame di diploma (la specialistica di flauto)...

      Elimina
    3. Ho visto, ho visto... Eh, il senso di colpa, eh, alle volte dà perfino buoni risultati ;-)

      Elimina
  4. Eh eh ! Ma anche è è! Ma voi donne col trucco semipermanente sembrate sempre piuttosto naturali.Io sto comunque col Ghandi.

    Dopo una certa età si torna ad apprezzarsi di più tra donne

    Questa è una frase sessista o un lapsus di scrittura freudiano?
    Sappiamo che la Terra è un composto organico dove l'amore e il sesso si rispettano a vicenda anche con fraseggi popolani e non sempre glamour che porta istintivamente a dei fatti.
    Abbiamo sublimato la scimmia che è in noi ma non è necessario disconoscerlo!
    Si,le sfumature sono il vostro segreto ed è per questo che vi amiamo.
    Ma il perbenismo di facciata,anche se onesta virtude,appartiene a persone con una punta d'acido nel cuore.
    Comunque è vero,siamo noiosissimi.Come potrei dimostrare il contrario dopo che Rocco ha vinto quel premio ai Macchianera?

    Sibilla Aleramo a Dino Campana

    6 agosto 1916

    I nostri corpi su le zolle dure, le spighe che frusciano sopra la fronte, mentre le stelle incupiscono il cielo. Non ho saputo che abbracciarti. Tu che m’avevi portata così lontano. Oh tu non hai bisogno di me! È vero che vuoi ch’io ritorni? Come una bambina di dieci anni. È vero che mi aspetti? Rivedere la luce d’oro che ti ride sul volto. Tacere insieme, tanto, stesi al sole d’autunno. Ho paura di morire prima! Dino, Dino, ti amo! Ho visto i miei occhi stamane, c’è tutto il cupo bagliore del miracolo. Non so, ho paura. È vero che mi hai detto ‘amore’? Non hai bisogno di me. Eppure la gioia è così forte. Son tua. . Sono felice, tremo per te ma di me son sicura.E poi non è vero, son sicura anche di te, vivremo, siamo belli. Dimmi. Io non posso più dormire,ma tu hai la mia sciarpa azzurra, ti aiuta a portare i tuoi sogni? Scrivimi!

    ( cioè...scrivigli! )

    RispondiElimina
  5. Un altro fogno infranto: le quote rosa. Ero proprio beata.
    L'inconsistenza della Moretti, peraltro in buona compagnia tra le donne in parlamento a sinistra come a destra, è avvilente.
    Ne deriva che è avvilente il fatto che a determinare la carriera non siano il merito e le capacità,
    Del resto questa pare essere la matrice di un disegno assai diffuso nel Paese e credo che le conseguenze siano sotto gli occhi di tutti.
    Detto ciò le donne che fanno carriera in politica, come in parecchi altri settori, hanno solo un diffettuccio: sono scelte dagli uomini (loro stessi spesso arrivati alla posizione non per capacità)
    E gli uomini si sa quando si tratta di donne, anche i più dotati del ben dell'intelletto, sono BEATI.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah0', e mme la lassate perde 'a Moretti? Io però mi ricordavo che era bionda....

      Elimina
    2. Gentilissima Zoe, l'inconsistenza delle sue osservazioni è provata da un semplice quanto incontestabile fatto: l'elettorato ATTIVO è composto in maggioranza da DONNE. Se in politica vi sono poche donne elette dunque la colpa è… delle donne. E le reazioni di alcune donne al trattamento urbano riservato dal cavajere alla signora Moretti spiega anche il PERCHE' di questo fatto...

      Elimina
    3. Ok. in quanto maggioranza dell'elettorato attivo ci assumiamo la qualunque responsabiità, non ultima l'avvento dell'euro, e la chiudiamo lì.

      Elimina
    4. Zoe! A Zooooeeeeeee!? Però si mme piji d'aceto subito er flame se spegne. Che fai, remi contro?

      Elimina
    5. @Zoe 21 settembre 2014 20:58

      Ma no, dai. Che c'entra l'euro con i maschi e le foemine? Lei ha mai votato per l'euro?!?

      Semplicemente, è una questione aritmetica: le donne sono poco rappresentate politicamente principalmente perché stanno sui coglioni… alle donne. Questo è tanto più vero se pensa che ci sono sicuramente non pochi voti di uomini fra quelli presi dalle donne che si presentano alle elezioni.

      Ad esempio: fra i millemila voti presi dalla signora Moretti non pensa che ce ne saranno un bel pacco di uomini "intortati" dagli occhioni - e non solo - di quella bella gazzella?

      P.s.: ho detto "gazzella", da non confondere col tipo umano della "cerbiatta" (es. la ministra Boschi), né con quello della "gatta" (rigorosamente in italiano!, nota per il curatore der blogghe) (es. l'on. Carfagna)

      Elimina
    6. Brava Zoe, non starci.
      L'ultima volta eravamo le adoratrici di Priapo-Renzi, pensa un po'.
      Siamo condannate a fare gli specchi delle loro pulsioni, ma non ci pesa per nulla perchè abbiamo le spalle larghe e forti.

      Elimina
    7. Zoe vede chiaramente le strozzature dal lato dell' offerta,
      Scusi Prof. se remo contro, ho avuto un infanzia difficile.

      Elimina
    8. @chiaraped 21 settembre 2014 22:54

      Gentilissima ac reverendissima,
      non si tratta di "starci" ma di prendere atto di una semplicissima realtà che sta nei numeri, sia detto senza voler fare polemica.

      E adesso due citazioni di autori amati dal nostro carissimo ospite:

      La donna, solo il diavolo sa cos'è: io non ci capisco niente.
      Dostoevskij

      Lasciamo le belle donne agli uomini senza fantasia.
      Marcel Proust

      Altre due per par condicio, che non si pensi che sia misogino ( :-))))))) ):

      L'unica cosa che mi consola del fatto di essere donna, è la certezza [sic!] che non ne sposerò mai una.
      Caroline Schlegel

      Quanti uomini ho avuto? Miei o delle altre?
      Mae West

      E infine, in cauda venenum:

      I rapinatori ti chiedono la borsa o la vita. Le donne vogliono tutte e due.
      Samuel Butler

      Elimina
  6. Beh, da amante della west coast music, dedico a tutte le signore del blog questa splendida Guinnevere di David Crosby (Tuning: E B D G A D) eseguita con Nash.

    Dice il geniale Crosby:
    "That is a very unusual song, it's in a very strange tuning (EBDGAD) with strange time signatures. It's about three women that I loved. One of who was Christine Hinton, the girl who got killed who was my girlfriend, and one of who was Joni Mitchell and the other one is somebody that I can't tell. It might be my best song."

    RispondiElimina
  7. “Hojotoho”.

    (Alessandra da Firenze...e oggi sono a 56)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mizzeca signo', mo' son pronto a invadere la Polonia...

      Elimina
  8. Zingly e San Paolo: trova le differenze.

    «Saulo frattanto, sempre fremente minaccia e strage contro i discepoli del Signore, si presentò al sommo sacerdote e gli chiese lettere per le sinagoghe di Damasco al fine di essere autorizzato a condurre in catene a Gerusalemme uomini e donne, seguaci della dottrina di Cristo, che avesse trovati. E avvenne che, mentre era in viaggio e stava per avvicinarsi a Damasco, all'improvviso lo avvolse una luce dal cielo e cadendo a terra udì una voce che gli diceva: «Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?». Rispose: «Chi sei, o Signore?». E la voce: «Io sono Gesù, che tu perseguiti! Orsù, alzati ed entra nella città e ti sarà detto ciò che devi fare». Gli uomini che facevano il cammino con lui si erano fermati ammutoliti, sentendo la voce ma non vedendo nessuno. Saulo si alzò da terra ma, aperti gli occhi, non vedeva nulla. Così, guidandolo per mano, lo condussero a Damasco, dove rimase tre giorni senza vedere e senza prendere né cibo né bevanda. »   (Atti 9,1-9)

    "Luigi Zingales, perchè ho cambiato UN PO' (nome proprio di fiume) idea su euro e Merkel".

    Dio mi perdoni la blasfemia.

    RispondiElimina
  9. non c'è nessun flame, si affermi sin da ora la superiorità della donna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ruffiano schifoso, non è così che otterrai ciò che vuoi...

      Elimina
    2. Figliuòlo tu sbagli candeggio: se è vero che la uàllera non vuole penzieri, è anche vero che alla patonza non piacciono gli zerbini (è scienza, mica cotiche).

      Elimina
    3. sgamato subitisssssssssimo.. devo ripensare la strategia

      Elimina
    4. Beh tanto qualsiasi che sia la strategia dipende solo da loro come va a finire.
      (da sentire fino alla fine, o non sentire proprio, mi raccomando)

      Elimina
    5. con tutta questa saggezza devo chiedere al prof di aprire uno spazio sul blog tipo "posta del cuore"!

      Elimina
    6. Ben detto mister Correttore . Sfido che alle donne piacciono molto i bronzi
      di Riace . Hanno le facce da veri teppisti . Altro che il glabro latin lover nostrano ,

      Elimina
    7. Non so. Visto l'argomento, non potrebbe essere più calzante un titolo tipo "Domande del cxxxo"?

      Elimina
  10. Adam Smith, Teoria dei sentimenti morali, BUR 2008, Parte I (L' appropriatezza dell' azione), Sezione II (I gradi delle diverse passioni in accordo con l' appropriatezza), Cap. I (Le passioni che derivano dal corpo), p. 113.

    "Il caso è lo stesso per quel che riguarda la passione con cui la natura unisce i due sessi. Nonostante sia per natura la passione piu' violenta, tutte le volte che si esprime in modo intenso è indecente, anche tra persone per le quali il più completo abbandono a essa è riconosciuto perfettamente innocente da tutte le leggi, sia umane che divine. Sembra tuttavia che esista un certo grado di simpatia anche nei riguardi di questa passione. Parlare a una donna come parleremmo a un uomo è inappropriato: ci si aspetta che la compagnia femminile ispiri più gioia, più spensieratezza e più attenzione, e una totale insensibilità per il gentil sesso rende un uomo in una certa misura disprezzabile anche agli stessi uomini."

    Pubblicità progresso:) chiedilo al tuo giornalaio di fiducia!.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sso' d'accordo, pure l'omo che martratta i cani, i gatti, i criceti, i pesci rossi, 'e galine e tutti li artri animali de compagnia è uno zozzone da disprezzare!

      Elimina
    2. Unione tra due sessi=tortura.
      Marco S.

      Elimina
  11. Di domenica il cazzeggio è ammesso io sto leggendo erwin rommel memorie 1 la prima guerra mondiale, ma a parte qs per i non addentro al blog chi é rockapasso ? È del pd?
    Sorry x la domanda accetterò eventuali cazziatoni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pigi il cursore del mouse sulla parola "glossario" nel quadratino azzurro appena sotto la frase "L'economia esiste ecc. ecc…." riportata sotto il titolo del blog, le si aprirà un mondo...

      Elimina
    2. Se va al menu' la trova alla voce "glossario''e si rendera' conto di cosa ha osato chiedere.... :-)

      Elimina
    3. Io sto entrando nel bunker antiatomico. Dopo aver letto "Rodelinda" e "È del pd?" nello stesso post, penso che tra poco inizierà l'inverno nucleare. Se qualcuno su questo blog sopravviverà (ne dubito), lo prego affinché venga a liberarmi.
      Per il resto è stato bellissimo!

      Elimina
    4. Azzo in furlam la femine del paron

      Elimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. “Credetemi dunque, amico mio, prendete le cose per quello che valgono, le donne per quello che sono, [...]
    Questo discorso era saggio, e di una logica di cui non avrei mai creduto capace Prudence.
    Non seppi che cosa rispondere, se non che aveva ragione; le tesi la mano e la ringraziai dei suoi consigli.
    "Andiamo, andiamo", mi disse, "scacciate queste cattive teorie e ridete; la vita è affascinante, mio caro, tutto dipende dalla lente attraverso la quale la si guarda. Ecco, consultate il vostro amico Gaston: eccone uno che mi sembra capire l'amore come lo capisco io. Ciò di cui dovete convincervi, altrimenti diventerete un ragazzo noioso, è che qui vicino c'è una bella ragazza che attende con impazienza che l'uomo che è con lei se ne vada, e che pensa a voi, conserva per voi la sua notte e vi ama, ne sono certa. Adesso venite con me alla finestra, e guardiamo andar via il conte, che non tarderà a cederci il posto".
    Prudence aprì una finestra, e ci appoggiammo al davanzale l'uno accanto all'altra.
    Lei guardava i rari passanti, io sognavo.”

    RispondiElimina
  14. «La famosa disuguaglianza tra istinto sessuale dell’uomo e della donna, così spontaneamente moderata in “amore”, coincide con il minore potere immaginativo della femmina umana rispetto al maschio. La natura, cauta e previdente, ha voluto così, perché se la donna si fosse trovata dotata di tanta fantasia quanta ne ha l’uomo, la lubricità avrebbe annegato il pianeta e la specie umana sarebbe scomparsa polverizzata dai piaceri»
    Ortega y Gasset

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che di lievi imprecisioni se ne sono scritte e se ne scrivono tante...

      Elimina
    2. Me sa che Ortega ha preso 'na toppata col "minor potere immaginativo"...

      Elimina
  15. "La bellezza è la miglior lettera di raccomandazione per una donna."
    Aristotele

    RispondiElimina
  16. Alle 18:56 Ro passa da casa tornando dall'Umbria e andando a una prova e ancora non sa che tutti sanno che il suo vero nome è Rodelinda... Ma sento accumularsi umidità nell'aria...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Okkei, niente panico, chiamo Ban-Ki moon e le faccio mandare a casa un reparto di caschi blu dotati di mezzi blindati da dispiegare fra ingresso-corridoio-cucina-salotto-zona notte… se ce l'ha vada con una scusa nel box/in cantina e ne esca dopo l'arrivo delle truppe...

      Elimina
  17. Non sono superiori in assoluto ma in alcuni campi si, per esempio nel nostro caso (mio edi mia moglie) la pigrizia, io sono pigro e mia moglie no, è attiva come una che sniffi coca da mattina a sera, credo sia il metabolismo.
    Poi come faccia a fare tutto quello che fa in casa a dispetto delle ore che passa al telefono con le amiche e colleghe di lavoro è un mistero che se svelato risolverebbe tutti i problemi di competitività dell'Italia e potremmo tenerci persino l'euro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trovo questa ultima osservazione potenzialmente molto perciolosa; potrebbe essere utilzzata strumentalmente dal nemico! Non cerca altro.

      Elimina
    2. ahaa, ho detto mistero da svelare, provaci te se ci riesci.
      Secondo me non ce la fai, sto in una botte "de ferooo". ;-)

      Elimina
  18. Sai che puoi sempre contare su di me! Basta dirlo! (Karl Kraus mi perdonerà...)

    "Divido le donne in colpose e dolose!"(2 luglio 1907)

    L'immoralità dell'uomo trionfa sull'amoralità della donna.

    La donna è coinvolta sessualmente in tutti gli affari della vita. A volte perfino nell'amore.

    Molte donne vorrebbero sognare insieme con gli uomini senza andarci a letto. Bisogna far loro presente con decisione l'inattuabilità di un tale proposito.

    Personalità della donna è l'inconsistenza nobilitata dall'incoscienza.

    ma debbo continuare..... o basta così?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Cosmesi: scienza del cosmo della donna". (Kraus)

      Elimina
  19. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbe', questo è un coming out in piena regola! Sei geloso pure tu?

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Giorgio, se anche tu mi diventi un hooligan decerebrato tiro su la cler.

      E quanto all'effetto che, nella mia diversa omosessualità, possono farmi le donne, ti ricordo che oltre a essere monopolizzato da Rockapasso, sono anche mitridatizzato dal mio lavoro. Le studentesse più bruttine (quando mi leggono sono morto, va da sé) le ho prese nel mio staff, te le ricordi? Mi pare di sì.

      Vieni una volta a lezione, così capirai che se uno che fa il mio lavoro non si adegua immediatamente all'imperativo di considerare una donna come una persona e non come una collezione di orifizi variamente ordinati secondo le proprie preferenze, è meglio che si leghi al collo una macina da mulino...

      Quindi la Moretti può essere bella quanto le pare: buon per lei, ma a me m'arimbarza.

      Per lei, come per tutti quelli, maschietti e femminucce, che stanno difendendo questo progetto criminale (così lo chiama Zingales) provo solo una profonda pietas. Non che io non sia capace di odiare. Ma l'odio è una risorsa preziosa, da riservare a chi se la merita veramente.

      Er Nutella per me deve capovolgere le sue prospettive. La Moretti credo che ci arriverà da sé. Sono aperte le scommesse, e l'aspetto esteriore non c'entra. Se uno è del PD è chiaro che difende il capitale, quindi la Moretti non tradisce. Poi, per carità, son sottili distinguo, e comunque non dipende da noi.

      Ma tu ripijate, per favore.

      Elimina
    4. Vabbe’, così mi pento di aver dato basso sfogo al mio disprezzo... cancello...

      Elimina
  20. Ho notato che la Fantozzi e la Moretti hanno fatto più o meno la stessa premessa: non sono economista, il professor Bagnai conosce sicuramente meglio gli aspetti economici.

    Ne deduco che entrambe sappiano perfettamente:
    1) chi è lei e cosa sostiene (anche se fingono di ricordare a malapena il suo nome)
    2) che lei dice la verità e ha ragione
    3) che loro sanno di mentire e hanno torto.
    Sanno di non poter sostenere l'insostenibile e allora cercano di portare il dibattito sulla dimensione irrazionale emozionale-onirico-idealistica, pur senza rifiutare e confutare la razionalità economica perché sono consapevoli che ne uscirebbero sconfitte.
    Cercano di contrapporre una superiore nobiltà degli ideali politici alla becera razionalità economica, mentre sappiamo che le scelte economiche sono necessariamente politiche.

    La Moretti parla con più convinzione, sicurezza e passione della Fantozzi (forse perché una è nel pieno del successo elettorale e l'altra nel pieno del fallimento dell'Unità).
    Non ho colto segnali non dico di "redenzione" ma neanche di apertura nella replica della Moretti, solo i soliti luogocomunismi: Prodi, 70 anni di pace, la Cina, impossibilità di uscita...
    La scarsità di tempo le ha risparmiato la risposta alla domanda chiave: perché tutte le decisioni in EU sono così difficili da prendere, ma sull'euro la quadra si è trovata subito?". Mi sarebbe piaciuto sentirla.
    Non escludo che in futuro possa "accorrere in soccorso ai vincitori", insieme a decine di colleghi maschi, naturalmente.

    La invece Fantozzi sembrava confusa e infelice. Secondo me ha meno possibilità di essere accolta sul carro dei vincitori.

    RispondiElimina
  21. Vabbe', Profe, io l'avevo censurato il mio commento, dicendomi che non avevo capito un emerito della sua strategia adottata ad atreju, ma mo' mi scappa, e cercando il pelino nell'ovone devo dire che il suo/nostro discorso funziona meglio con le Fantozzi che con le Alessandre

    RispondiElimina
  22. Anche se ci azzecca con l'argomento, e possibile avere il paper di assimetrie sulle conseguenze dell'uscita dall'euro?
    Grazie
    Poi una volta vogliamo parlare della spending review fatta sulla pelle dei lavoratori delle imprese, come quelle di pulizia o di altri servizi a bassissimo valore aggiunto, che chi come lavora nel settore pubblico deve fare?
    Non ne posso più di tagliare il 5% o 10% di appalti che causano o licenziamenti o riduzioni di paghe a persone che percepiscono 800 euro al mese
    Non parlatemi poi degli 80 euro altrimenti apriamo il discorso sulle coop nate come strumento di emancipazione dei lavoratori e trasformate in legali strumenti di sfruttamento e fermiamoci qui

    RispondiElimina
  23. Bagnai-sensei, avendo da tempo raggiunto la pace dei sensi non mi intrometto in questo spinoso argomento. Già dato.
    Le segnalo invece lo splendido intervento del prof. Sapir su vocidall'estero:

    "Oggi sentiamo che c'è un desiderio di affermare una legalità "senza radici", senza riferimenti alla legittimità che le è necessaria per esprimersi: la sovranità."

    "Avremo l’apparenza della democrazia, ma non la sua sostanza."

    Just my two cents: c'è un serio problema di DEMOCRAZIA in Europa e quelli come Boeri (o Becchetti) et similia è sbalorditivo che non l'abbiano ancora capito.

    Chinacat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chinacat la democrazia è finita con l'elezione diretta e con il maggioritario, le liste blocate sono la diretta conseguenza della rivoluzione del 1992/93
      IL SONNO DELLA RAGIONE GENERA MOSTRI

      Elimina
    2. Caro Gianfranco dici così perché ignori I MOSTRI GENERATI DAL RISVEGLIO DELLA RAGIONE ,
      Pensa al secolo dei lumi . La ghigliottina viene pari pari da quelle idee .
      E' molto più razionale del boia giusto ?
      In questo secolo così poco romantico persino un assurdità come l'euro
      viene fatta passare per cosa molto razionale .
      La razionalità dei mercati poi......

      Elimina
    3. Sosteneva John Ralston Saul ne I BASTARDI DI VOLTAIRE - La dittatura della Ragione in Occidente che la ragione è semplicemente un metodo e i guai nascono dalla pretesa di proporla come principio morale.

      Ma questa, aggiungo io, è un'operazione di sostituzione abituale per il potere: la ragione è uno strumento con potenzialità di liberazione, di emancipazione, come sottolineava Carl Sagan (non trovo la citazione, dovete fidarvi della mia memoria), proprio per questo è stato espropriata e mutata in principio a giustificazione delle peggiori porcate.

      Il problema però non è la ragione o il senso religioso, ma quando li si usa a scopo di dominio. Ma attenzione, il potere è una forza§ cieca che soggioga sia il soggetto che la subisce passivamente, sia il soggetto che se ne fa agente. Entrambi nelle nostre società "democratiche" sono convinti di essere liberi.

      ____________________
      § il "potente" non possiede il potere, è il potere che possiede il potente; il potere "smaltisce" il potente —a volte con modi assai tragici e/o cruenti— quando non più utile alle sue modalità di funzionamento e riproduzione, ad esempio quando il potente vaneggia di potersi sottrarre alla sua logica.

      Tenendo inoltre presente che secondo lo psichiatra (fra le altre qualifiche) Alex Comfort: «Andando ben oltre l'adagio secondo cui il potere corrompe … il potere seleziona nell'ascesa della sua scala gerarchica personalità psicopatiche e sociopatiche.» Una tesi per certi versi simile viene sviluppata dallo psichiatra polacco Andrzej Lobaczewski in Political Ponerology.

      Parecchio tempo fa adottai la seguente ipotesi di lavoro per tentare di dare una spiegazione al manifestarsi di questa natura impersonale del potere (spesso non riconosciuta esplicitamente, ma implicita nel linguaggio): il potere è un emergente dei sistemi sociali, che a seconda delle condizioni si manifesta con minore o maggiore virulenza nei suoi effetti nefasti.

      Dato che mi mancavano sia gli strumenti che le capacità per approfondire, rimase un'ipotesi vaga, senza che riuscissi o a dargli sostanza o a scartarla per manifesta infondatezza. Per curiosità poco fa ho fatto una breve ricerca ed è venuto fuori questo CV della Dott.ssa Ilaria Bertazzi ove si legge:

      ---
      Education and Academic Qualifications

      January 2012 – current
      PhD Candidate
      with scholarship at XXVII Ciclo at the PhD program in Economics "Vilfredo Pareto" , Università degli Studi di Torino.
      Research project: POWER AS EMERGENT PROPERTY IN DEBT/CREDIT RELATIOSHIP[sic].
      ---

      Questo ci riporta a pesce alla Goofynomics.

      Elimina
  24. Ho appena finito di rivedere “Ritorno al futuro”, pellicola del 1985. Alla fine del film, lo scienziato Emmett “doc” Brown viaggia nel tempo avanti di 30 anni. Nel 1985 Robert Zemeckis si immaginava che nell'anno 2015 avremmo avuto tutti quanti una macchina volante ed avremmo fatto il pieno prelevando la spazzatura dai cassonetti e infilandola nel serbatoio della vettura. Oggi guardo il prezzo della benza, 1.842 €/l, qualcosa dev'essere andato storto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo studiato i compiuter e gli aifon invece dell'energia. Guess why... Andrà a finire che invece di spostarci fisicamente a basso costo resteremo a casa nostra immersi in una realtà virtuale sempre più realistica, per sfuggire ad una realtà vera sempre più di merda. La seconda opzione va tanto a genio ai padroni, quindi non serve chiedersi come andrà a finire.

      Elimina
  25. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. eeeeh... 'st' fascist' alle volte so daxì tr'mon': essere prese sul Serio... essere preso sul Brembo... ma ti pare che mò dobbiamo stare a sindacare sul corso d'acqua? L'importante è prenderle, no?

      R'cchion'!

      Elimina
    3. "•Le donne sono fatte per essere amate, non per essere capite."
      O.Wilde

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  26. OT
    Interessante intervento di Marco Veronese Passarella VS Pietro Ichino
    Non lo conosco ma quello dice corrisponde alle verità tecniche che il Prof ci ha pazientemente insegnato.
    Puntata del 21/09/14 ore 20.40 (ospite Fusaro) se il link fosse, come temo, impreciso.

    RispondiElimina
  27. Anche Spinoza, oggi, dedica un paio di versi al flame del giorno:

    Solo una donna su due sa dov’è la vagina. L’amica in bagno serve a dare indicazioni.

    RispondiElimina
  28. Moretti Madia Boschi Picerno Bonafé: tutte nocchiero di un veliero proiettato verso il mare dell'Europa, al grido di "riforme e subito!!!" (...e Rosy Bindi intanto rosica....)

    RispondiElimina
  29. Profumando di dolci e avendo sempre una ricetta pronta, donne uomini e bambini cadono letteralmente ai miei piedi, altro che Bach!
    L'ha capito anche mia moglie però...

    RispondiElimina
  30. Sono stupito di non trovare nessuno che si ricordi di Schopenhauer. Copio da wikiquote quella che preferisco: "Più guardo gli uomini, meno mi piacciono. Se soltanto potessi dire la stessa cosa delle donne, tutto sarebbe a posto." o, forse più in tema, "Tra ciò che uno ha non ho annoverato la moglie e i figli, poiché da questi è meglio dire che si è posseduti."

    RispondiElimina
  31. A volte il bisogno di ossitocina dell'organismo provoca disastri, e a volte meraviglie quali sono i figli.

    Non so dire se sia un complimento, ma, mi pare Onassis disse: "Tutto il denaro del mondo non avrebbe senso senza le donne."
    Comunque nell'Europa continentale che conta, pare che alla prossima resa dei conti tra Franchi e Germani, alla testa dei rispettivi popoli, vi saranno due donne, de che ve lamentate?

    Nel blog vi è la testimonianza della mia profonda ammirazione per la LePen, quindi niente sessismo per quel che mi riguarda.

    p.s. ma la parola isteria, da dove deriva?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al lettore disattento (ma il mio prof di geometria, nelle sue dispense, si rivolgeva piuttosto alla lettrice disattenta. La mancanza di una forma prettamente neutra in questa lingua è irritante, quasi quanto in inglese, dove c'è ma si usa nel modo sbagliato) non sfuggirà la sottile differenza tra provocazione e mero trolling.

      Questo è trolling ;)

      Elimina
    2. Caro professore proviamo con Gozzano per avere qualche reazione ?
      E' pura dinamite . Non auguro a nessuna donna di incontrare un uomo
      così . Si finisce con un suicidio o con il psichiatra .

      Guido Gozzano e Amalia Guglielminetti
      S. Francesco d’Albaro
      Albergo di S. Giuliano - Genova,
      5 giugno 1907

      Mi perdoni, anzi tutto, l’indugio.
      Sono stato male – cioè peggio, perché male sto da parecchi mesi. Oggi, il secondo giorno di sollievo, ho rilette per la quinta o sesta volta le sue rime, da capo a fondo.
      E per eliminare subito in una lettera come questa i frasari di prammatica, Le giuro, cara Signorina, che non conosco nella letteratura muliebre italiana, presente e passata, opera di poesia paragonabile alla sua.
      La «degna ghirlanda» di sonetti che Ella ha saputo foggiare,Le dà il primissimo posto, non fra le donne (fra le donne Ella non ha competitrici: le donne non sanno scrivere) ma fra gli ingegni virili di più belle speranze. ( …………………)
      Ella compie nel suo libro, Egregia Guglielminetti, quasi un vergiliato, e conduce il lettore attraverso i gironi di quell ’inferno luminoso che si chiama verginità.
      Ella ha saputo innalzare nobilitare nella idealità primitiva quella figura oppressa, ambigua, derisa spesso, che ai nostri giorni prende il nome di Signorina.
      Signorina –che brutta parola!
      Degno prodotto del nostro tempo di evoluzione che anche della vergine ha fatto una creatura oppressa, non definita, come quel nome brutto: Signorina E la signorina appassionata! Altra figura da noi, dal mondo considerata con un senso di pietà sardonica. L’avrà notato anche Lei.
      Ci si commuove di più, si è quasi più indulgenti di benevolenza pietosa alle vicende di un adulterio che non alle fortune di un idillio verginale.
      La letteratura vuole così: e la letteratura è quella che foggia la vita.
      Ora il suo grido, Amica, era necessario per risollevare le figure delle vergini amanti; ed era necessario un temperamento come il suo, educato all ’arte severamente, per poter innalzare un canto degno ed efficace.
      (………………)
      Gradisca i sensi del mio rispetto profondo e mi conceda di serrarle a lungo, forte, forte le mani
      Suo GOZZANO
      (per i distratti Gozzano ha iniziato con Cara Signorina ....)

      S. Giuliano d’Albaro, 10 giugno 1907, notte
      (…………….)

      Aggiungete che il mio turbamento si accrebbe quando avvertii, in disparte, la vostra persona muta ed ostile.
      Ostile: da molto tempo sapevo di esservi antipatico: forse prima ancora che lo sapeste Voi... Come tutti gli uomini che fanno professione di vanità e di civetteria (vedete che mi confesso miseramente!) io ho un intuito rapido e infallibile per presentire il giudizio delle donne a mio riguardo.
      Vi ero antipatico: non mi stupisco.
      Tutte le donne mi trovano così prima di conoscermi.

      ( segue.in bis )


      Elimina
    3. Tutte le donne mi trovano così prima di conoscermi.
      (Non parliamo degli uomini: mi detestano e li detesto;non ho amici.
      E anche i miei amici più cari sono fra le donne).
      Tutte mi trovano così; ma poi mi vogliono bene.
      Mi vorrete bene anche Voi.
      E Voi? Credete di essermi molto simpatica Voi?
      Avete invece, agli occhi miei, delle qualità allontananti.
      Prima di tutto siete bella.
      E precisamente di quella bellezza che piace a me.
      Vi ho veduta poco, ma osservata molto: siete proprio bella (vi giuro che ho dispetto, quasi, di doverne così stupidamente convenire!).
      Ho presente anche questo: che avete bei denti e una bella bocca, piuttosto grande e fresca e attirante come poche,e che avete due begli occhi (anche di questo devo convenire, e quasi con dispetto) due occhi d’una dolcezza servile: gli occhi di colei che s’inchina al despota Signore e gli tende i polsi febbrili e li vede cerchiare di catene, quasi godendone; avete anche il profilo che piace a me, vestite come piace a me e camminate come piace a me – con l’eleganza un po’ stracca e un po’ trasognata della nostra massima attrice... –
      Vedete che c’era di che rifuggire la vostra conoscenza.
      Non già che io temessi d’innamorarmi di Voi (io non sono innamorato che di me stesso; voglio dire: di ciò che succede in me stesso) ma temevo che mi piaceste ecco tutto. (…………..)
      Voi mi avete parlato di corrisponderci. Immaginate!
      Ma voglio essere leale fin dagl ’inizii,come si usa fra i mercatanti: io non sono un amico spirituale:sono tutt ’al più un mediocre interlocutore cerebrale...
      Non credo nella psiche e ho un profondo disprezzo per la mia e per la vostra anima, alle quali non attribuisco maggior valore dell’energia che muove un lombrico e della clorofilla che colorisce uno stelo d’erba: e lo stesso vostro canto, così sdegnoso pur nella passione,così alto e puro e casto non è che il grido del vostro pudore convulso, contratto sotto la sferza dell’istinto, dell’istinto che provvede all’ eternità della specie...
      Accettate per amico un uomo che vi dice questo?
      Badate che il mio modo di pensare mi condurrà qualche volta a scrivervi cose di una rudezza tale da confinare con la sconvenienza... Sarete tanto superiore da perdonarmi ?
      Vi bacio la mano, come s’usa, e poi ve la stringo forte forte, come piace a me.
      GOZZANO vostro

      ( inutile dire che la sventurata rispose )

      Elimina
    4. Va be', se provochi con Gozzano ticalo un carico da undici:

      "Allor che viene con novelle sue,
      ghermir mi piace l’agile fantesca
      che secretaria antica è fra noi due.

      M'accende il riso della bocca fresca,
      l'attesa vana, il motto arguto, l'ora,
      e il profumo d'istoria boccaccesca...

      Ella m'irride, si dibatte, implora,
      invoca il nome della sua padrona:
      "Ah! Che vergogna! Povera Signora!

      Ah! Povera Signora!..." E s'abbandona.


      II

      Gaie figure di decamerone
      le cameriste dan, senza tormento,
      più sana voluttà che le padrone.

      Non la scaltrezza del martirio lento,
      non da morbosità polsi riarsi,
      e non il tedioso sentimento

      che fa le notti lunghe e i sonni scarsi,
      non dopo voluttà l'anima triste:
      ma un più sereno e maschio sollazzarsi.

      Lodo l'amore delle cameriste! "

      Elimina
  32. VIVO (W.Szymborska)

    Ormai abbracciamo soltanto.
    Lo abbracciamo vivo.
    Capaci ormai di agguantarlo
    solo con un balzo del cuore.

    Con scandalo della ragna,
    nostra parente per parte di madre,
    non verrà divorato.

    Lasciamo che la sua testa,
    graziata da secoli,
    riposi sulla nostra spalla.

    Per mille complicate ragioni
    è nostra abitudine
    ascoltarlo respirare.

    Scacciate a fischi dalla scena dei misteri.
    Disarmate dal crimine,
    diseredate dell’orrore femminile.

    A volte solo le unghie
    brillano, scalfiscono, si spengono.
    Sanno, riescono almeno a immaginare
    di quale fortuna sono l’ultima argenteria?

    Lui già si è dimenticato
    di fuggire da noi.
    Non sa cosa sia sentirsi addosso
    la paura dai cento occhi.

    Ha l’aspetto di
    uno a malapena nato.
    Tutto da noi.
    Tutto nostro.

    Con l’ombra implorante del ciglio
    sulla guancia.
    Con un mesto rivolo di sudore
    tra le scapole.

    Così lui è ora per noi
    e così si addormenterà.
    Fiducioso.
    Nell’abbraccio di una morte caduta in prescizione.

    RispondiElimina
  33. Provo con Oscar "....vogliono sempre che siamo buoni. E se siamo buoni, quando ci incontrano, non ci amano affatto. Piace loro trovarci irrimediabilmente cattivi e lasciarci insignificantemente buoni."

    RispondiElimina
  34. Un interessante OT sulla superiorità morale dei nostri amici teutonici preso da Icebergfinanza.

    Uhttp://www.repubblica.it/economia/finanza/2014/01/08/news/deutsche_bank_mps_bafin-75414445/n

    RispondiElimina
  35. Una volta i motteggi sulle donne riuscivano persino a divertirmi. Oggi, con una moglie e tre figlie, la mia sola sopravvivenza quotidiana vi rende tutti dei dilettanti ai miei occhi. O, per dirla con il Prof., dei beati. E beati lo siete davvero: la Troika so' tre, io ne ho quattro a commissariarmi, altro che vincoli esterni, compiti a casa e deroghe alla democrazia.

    RispondiElimina
  36. Un noto amministratore del territorio siciliano, con il nome d'arte in comune con un altrettanto noto attore napoletano, non sarebbe d'accordo con Onassis.

    RispondiElimina
  37. Come Erinni mi sento tirata in causa visto che mio padre si chiamava Erino…


    “[…] Egli non riusciva a capacitarsi che gli si potesse resistere, tanto più che la sua amabilità e il suo brillante grado gli davano pieno diritto all'attenzione. Occorre dire però che la moglie di Schiller, nonostante tutta la sua avvenenza, era molto stupida. Del resto, la stupidità dà un fascino particolare a una donna graziosa. Io, almeno, ho conosciuto molti mariti che vanno in estasi per la stupidità delle loro mogli [o delle loro referenti politiche (NdS)] e vi vedono tutti i segni di un'innocenza infantile. La bellezza produce dei veri miracoli. Tutti i difetti spirituali, invece di causare repulsione, in una bella donna diventano, chissà perché, straordinariamente attraenti; il vizio stesso, in esse, emana leggiadria, ma se la bellezza non c'è, una donna dev'essere venti volte più intelligente di un uomo per ispirare non dico amore, ma almeno della stima.“



    NICOLAJ GOGOL – La Prospettiva Nevskij (Racconti di Pietroburgo) – 1835

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh mica uno che passa... pero' esiste anche un effetto Cyrano all'incontrario, la luce dell'intelligenza e la grazia dei gesti fanno miracoli ben oltre la ancor primitiva chirurgia.

      Elimina
  38. L'argomento, il tema è attuale e interessante al pari forse della contrapposizione cambio fisso v cambio fluttuante. Chi non è ha compreso la portata e l'importanza è 'tardo' e/o 'ingenuo'.
    Sì, perché il genere maschile ha le ragioni dalla propria parte per muovere l'accusa di truffa al genere femminile; class action e via.
    È il genere femminile che vive 'al di sopra delle proprie possibilità' senza preoccuparsi delle conseguenze per il genere maschile (vittima appunto della truffa):
    -Trucco e parrucco;
    - push up e imbottiture monstre ad altezza seno (perché non far sembrare una seconda taglia una quarta?)
    - push up a livello sedere
    - tacchi, zeppe e plafond (perché un metro e settanta è 'più' di un metro e sessanta, no?)
    - ecc. ecc. ecc.
    Quanto ancora può il genere maschile tollerare di andare a letto con una Mercedes SL per svegliarsi accanto ad una Duna Special?

    Truffaaaaa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Occhio che da queste parti truffato e truffatore sono concetti sfumati... come creditore e debitore!

      Elimina
  39. @ bagnai
    Prof dimenticavo che da sabato sera lei <a href="https://www.youtube.com/watch?v=MC08zAISOeo>ha perso quasiasi tipo di appeal per l'altro sesso </a>.
    Motivetto molto apprezzato da tutti i barman e i musicisti della penisola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti la prima cosa che ho chiesto a Giorgia Meloni è: "Mi vuoi ancora bene, pure se porto la camicia nera"? E lei s'è fatta una risata. A me piacciono le persone spiritose, i seriosi alla Ferrero-Fubini li considero superflui.

      Elimina
  40. Non sono un traditore ma, non andando mai allo stadio (nonostante le mie note pulsioni hooligaan), capisco di esssermi infilato nella curva sbagliata.
    Zinghy è un fuoriclasse inimitabile, quindi mi limito a condividere, un po' pretestuosamente, ordinari fatti quotidiani.
    Isteria, Antonina e "una stanza tutta per sé".

    RispondiElimina
  41. Insomma più Europa! Anche per difendere la pace. Non che non ci siano state delle ammissioni sulle contraddizioni e le politiche sbagliate in corso ma sostanzialmente la ricetta è cedere sovranità e più Europa (Draghi). Esercito europeo!
    Un’altra volta andando a sentire il Prof sono uscito atterrito perché un esponente del PD proponeva di cedere la sovranità sulla difesa e la creazione di un esercito comune (nella presentazione del libro di Stefano Folli dove era presente il viceministro dell’economia Enrico Morando, niente streaming).
    Caro Prof le chiedo se dopo la perdita del lavoro, dei risparmiucci (per chi ne ha), della casa, dello stato sociale e chi più ne ha più ne metta, ci si prospetta un futuro in cui potremmo perdere la possibilità di respirare? Per di più con le armi che avremo fornito noi stessi? (Non scherzo più.)
    Crosetto riprende le armi un attimo prima deposte, ricordando per la prima volta cosa è successo durante un vertice NATO in cui si decideva una politica comune di capi di stato e di governo. A Parigi. L’Italia, in una delle poche volte in cui è stata chiara in politica estera, non è d’accordo con l’intervento armato in Libia. Non si è deciso nulla e il capo di stato maggiore lo informa di caccia armati francesi nel nostro spazio aereo (vanno a distruggere i nostri interessi in Libia e forse anche quelli della Libia stessa).
    Insomma dopo il macello economico sociale e culturale che ci prospettano dovremo difenderci dalle truppe di occupazione degli strozzini?
    Una provocazione.
    Queste meravigliose ancelle che ci propongono per farci il lavaggio del cervello, splendide come madonne: Alessandra Moretti che fa “i nostri interessi in Europa” (ignorando completamente quali essi siano), Maria Elena Boschi che fa strame della Costituzione Italiana, Marianna Madia che distrugge le tutele del lavoro pubblico (presentandocele come una riforma per la semplificazione della pubblica amministrazione), Beatrice Lorenzin che continua l’opera di privatizzazione della sanità pubblica a suon di tagli (pure con i malati di sclerosi sotto il ministero),Federica Mogherini che più di tutte avrà vita difficile nel trovare una politica estera comune nell’Europa armata con i nostri soldi, Federica Guidi che credo faccia consulenze per l’esportazione del lavoro all’estero (è l’eccezione sulle splendide, forse è per questo che non la mandano quasi mai in TV, ma non si sa cosa faccia per lo sviluppo economico del nostro paese); ecco contro queste vestali dell’euro la nobiltà e la galanteria è d’obbligo, sono d’accordo. Ma basterà a salvarci e a salvarle dalla catastrofe verso cui ci stanno portando. L’obbrobrio europeo e dell’euro è una costruzione prettamente maschile, lo so bene e la lista di nomi sarebbe interminabile. Ma utilizzare il genere femminile, contro cui noi maschietti abbiamo evidentemente le armi spuntate, forse è la più diabolica delle trovate che potevamo trovare appunto noi del genere maschile. Servirebbe una professoressa Bagnai per combattere ad armi pari ma mi viene in mente solo la Le Pen e come ha incenerito la Gruber.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, chiudo la discussione con un grande classico: "Io, si ero donna, ero 'na gran zoccola!" Quindi sarei stata dall'altra parte, no?

      Elimina
  42. (precede il commento delle 14:39)

    Altro che Boeri.

    Forse ieri sera il Prof ha incontrato uno degli avversari più temibili che si sia mai trovato di fronte. Assolutamente imbattibile e men che meno asfaltabile. Questa meravigliosa creatura che madre natura ci ha donato è la seconda più votata del secondo partito più votato del parlamento europeo (il primo naturalmente è quello della cancelliera). Ha raggiunto tali ragguardevoli livelli come portavoce del segretario del PUDE e vincendo insieme a lui le primarie contro Renzi; ha contribuito a sbriciolare subito dopo Marini come candidato alla presidenza della repubblica italiana dicendolo apertamente agli altri membri del partito (ha usato la scusa che servivano larghe convergenze, ma ha votato mister neuro Prodi); è riuscita a ricollocarsi come esponente di spicco del PUDE con Renzi segretario subito dopo ed ottenere credibilità politica per 200mila e passa italiani. Questo esempio di coraggio si è seduta nel “covo di fascisti” accanto al gigante buono Crosetto ed al nostro sensei. Meravigliosamente sola contro tutti! Risparmiandoci persino la sua affascinante puzza sotto al naso che sfoggia qualche volta in TV. Quindi così, senza difese, senza la sponda economica del prof. Boeri siede davanti a noi ed accanto a Crosetto che riceve le sue amabili carezze sulla schiena (scusate l’invidia), prima vittima del suo fascino (ops..forse seconda, io me ne sono innamorato guardandola arrivare sul palco). Il gigante buono cavallerescamente non può che sottrarsi alla tenzone e deporre le armi. Ne diventa quindi guardia del corpo e per chi ha visto dal vivo il personaggio, come me ieri sera, provate a dirmi che non è credibile in questa veste. (La Meloni non poteva che scegliere lui allontanandosi da Berlusconi in tempi meno sospetti di certi personaggi che ho sentito parlare ieri nel dibattito politico.) Anzi fa di più preparando il pubblico e invitandolo a rendere omaggio. Credo del tutto inutilmente visto che eravamo già tutti sterminati. Si anche il gentile pubblico femminile. Ecco forse l’unico immune è stato Magdi Cristiano Allam, ma ha lasciato subito il campo di battaglia dopo i primi colpi di artiglieria.
    Il crotalo ha giustamente scelto di suonare il suo sonaglio a basso volume e si è comportato con grande signorilità sia nella prima che nella seconda parte. Ha regalato il sacro tomo con dedica e si è meritato un affettuoso abbraccio (ulteriore invidia). Speriamo tutti che la onorevole se lo legga e si avveri la dedica. Ha gettato durante tutto il dibattito semi di raziocinio sulle evidenti contraddizioni del PUDE e sulla costruzione di questo “immenso pachiderma burocratico europeo” (ora cito Moretti).
    Ora però, lontano dal fascino della onorevole, a mente fredda mi risento il suo intervento per focalizzare il suo pensiero: …stare insieme con tutta la delegazione italiana per difendere gli interessi del nostro paese (ottimo)…stare uniti e fare lobby (ottimo) … non c’è nessun problema ad incontrare i lobbisti nel parlamento europeo (ops) … attrazione degli investimenti esteri in Italia e fare trattativa con le lobby (ops ops) … il grande limite europeo è la mancanza di cessione di sovranità degli stati … non abbiamo compiuto il sogno europeo … cedere sul fisco sovranità (si perché si aspetta ancora che così ci abbassano le tasse o se le alzano gli altri per donarci competitività, nein!) … la difesa io (cioè lei) un po’ di sovranità la cederei , creare un ESERCITO europeo … uscire dall’euro è impossibile, poi c’è la ciiina …

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.