MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

martedì 5 agosto 2014

Dopo la pioggia...

...il compagno Ferrero prende le distanze dall'euro!

30 commenti:

  1. Cos'è, l' oggetto misterioso? Sembrerebbe un' esca!

    RispondiElimina
  2. Ma Ferrero chi? L'amico der Nutella? .......vanno sempre in coppia

    RispondiElimina
  3. Ho capito, la seconda S di sstoria sta per sale, meglio se grosso...

    RispondiElimina
  4. ci ha meeso un pochetto!

    ma è possibile che ci sia ancora chi crede nell'euro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, purtroppo sono moltissimi a causa soprattutto dei media. Credo che ancora la maggioranza degli italiani sia tra favorevole e neutrale verso l'euro. Ma continuano a diminuire. La fine (nostra o dell'euro, questo è da capire) è vicina.

      Elimina
  5. Risposte
    1. Un mollusco gasteropode polmonato della famiglia delle Limacidae, vulgo Limacce, ma su genere e specie chiedo aiuto. Oltre alla lentezza, questo ordine è caratterizzato dall'ermafroditismo. Insomma: indecisi a tutto, ma con moolta calma. Avendo la pelle sensibile, temono la luce, e si muovono nell'oscurità, o dopo la pioggia, per mangiare vegetali. Però non sono vegani: se capita si mangiano anche fra loro (vedi come calza la metafora?). Chi cerca umilmente di fare qualcosa, un orto o un blog, ad esempio, generalmente li considera parassiti. Il sale, di cui difettano, è loro nemico. RIP.

      Elimina
    2. Si tratta dell'arion vulgaris. Il fatto divertente è che gli alamanni ( e non solo loro) la chiamano spanische Wegschnecke, ma in realtà ha origine proprio mitteleuropea...aaaah questi PIIGS se le inventano tutte

      Elimina
    3. in friulano il lacai (il cai ha invece la casetta)

      Elimina
  6. Mi sa che il prof ha preso la lumaca della foto per un verme :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, no, i vermi van più veloci, altrimenti il nostro compagno non si sarebbe fatto sorpassare a sinistra dai Sarfatti boys! Guarda che la metafora, affettuosa, è PURTROPPO estremamente calzante. Come sapete, la cosa non mi rallegra, ma sto discorso vi e mi ha stancato...

      Elimina
    2. Solo dopo la spiegazione sopra apprezzo la metafora appieno. Passan numerose le macchine in quel punto? Spero di si`.

      Elimina
  7. Quel dischetto accanto alla cacca è disgustoso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mario, perdonami la notazione goliardica, ma non ho mai visto uno stronzo con le antenne! (in effetti sarebbero i peduncoli o tentacoli degli occhi, sulla destra). Le antenne, come ben sai, sono appannaggio dei marZiani, che, a differenza dei marziani (notoriamente verdi), possono essere di colore rossastro.

      Elimina
    2. Ho un monitor molto grande e l'immagine vista da lontano dava la netta impressione di essere quella di un cane. Per il colore un pò rossiccio, i randagi dalle mie parti forse mangiano peperoncini. Per di più il gasteropoda non ha nemmeno la sua casetta sul groppone...

      Ciò che mi lasciava sconcertato era l'aver dato dello ..ronzo in maniera cosi plateale che non è nel suo stile.
      Ora tutto fila liscio come la bava di un lumacone.

      Elimina
    3. Ma dal prof non puoi aspettarti un'ironia di livello così basso... eddai...

      Non hai mai visto una lumaca senza guscio? XD

      Elimina
  8. Oggi sul Messaggero parlavano di problemi con l'eurozona e surplus tedesco dovuto al blocco del cambio. Aggiungevano inoltre come la crescita spagnola non debba ingannare.
    Ne parlavano con una naturalezza incredibile, come fossero temi usati normalmente.
    Ed ho pensato che il giorno che l'euro andrà abbattuto, con facce di bronzo ci verranno a dire che l'euro è un pacco. E loro lo avevano detto da tempo.
    Quel giorno prof, ci sarà da ridere e riportare tutte le dichiarazioni di chi ci riteneva pazzoidi a criticare l'euro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben arrivato. Forse ci segui da poco. Sono solo tre anni che vi dico che dopo l'8 settembre saranno tutti antifascisti! Ora che lo vedete ci credete? Grazie come sempre per la fiducia...

      Elimina
    2. La loro prevedibilità è superata solo da quanto siano veramente incredibili.

      Elimina
    3. In realta' la seguo da molto, ma a certe giravolte non volevo crederci. Anzi, potevo anche crederci ma non eseguite con questa nonchalance. Perché se dopo tutto il tempo che mi son sentito dire che ero pazzo a seguire tesi contro l'euro, anche uno solo che conosco mi viene a dire: beh, ma era ovvio che l'euro non poteva funzionare, non rispondo di me.

      Elimina
  9. Mah, a me sembra che il compagno Ferrero sia ancora un po' indietro...

    https://www.youtube.com/watch?v=Dit-enUFwbk

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho dei dubbi che Ferrero riesca a (o voglia) comprendere. Ci crederò quando vedrò. In ogni caso il video è vecchio di alcuni mesi. Magari adesso è un pò più dubbioso?

      Elimina
    2. Vero, e' un video non della scorsa settimana, ma e' comunque maggio 2014. E' stato folgorato sulla via di Damasco dal sole di agosto?

      A maggio 2014 c'erano gia' (e da anni) tutti gli elementi per capire quanto l'euro fosse dannoso per l'Italia e i lavoratori italiani...

      Elimina
  10. E io che lì per lì avevo pensato fosse uno stronzo.

    RispondiElimina
  11. ...Intanto, nel 2025 "l'eletto" Ferrero soprannominato "Ero" cominciava a capire

    Alberto: Immagino, che in questo momento ti sentirai un po' Alice che ruzzola nella tana del Bianconiglio... mh?
    Ero: L'esempio calza.
    Alberto: Lo leggo nei tuoi occhi. Hai lo sguardo di un uomo che accetta quello che vede solo perché aspetta di risvegliarsi. E curiosamente non sei lontano dalla verità. Tu credi nel destino, Ero?
    Ero: No.
    Alberto: Perché no?
    Ero: Perché non mi piace l'idea di non poter gestire la mia vita.
    Alberto: Capisco perfettamente ciò che intendi. Adesso ti dico perché sei qui. Sei qui perché intuisci qualcosa che non riesci a spiegarti. Senti solo che c'è. È tutta la vita che hai la sensazione che ci sia qualcosa che non quadra, nel mondo. Non sai bene di che si tratta ma l'avverti. È un chiodo fisso nel cervello. Da diventarci matto. È questa sensazione che ti ha portato da me. Tu sai di cosa sto parlando.
    Ero: L' EURO.
    Alberto: Ti interessa sapere di che si tratta? Che cos'è? L'EURO è ovunque. È intorno a noi. Anche adesso, nella stanza in cui siamo. È quello che vedi quando ti affacci alla finestra, o quando accendi il televisore. L'avverti quando vai al lavoro, quando vai in chiesa, quando paghi le tasse. È il mondo che ti è stato messo davanti agli occhi per nasconderti la verità.
    Ero: Quale verità?
    Alberto: Che tu sei uno schiavo, Ero. Come tutti gli altri, sei nato in catene, sei nato in una prigione che non ha sbarre, che non ha mura, che non ha odore. Una prigione per la tua mente. Nessuno di noi è in grado, purtroppo, di descrivere L'EURO agli altri. Dovrai scoprire con i tuoi occhi che cos'è.

    RispondiElimina
  12. Il bavoso m'ha fatto perdere due anni di vita... e c'è a chi è andata peggio!

    RispondiElimina
  13. Quando capisci i danni che ti possono arrecare, dopo ogni pioggia spargi il lumachicida......

    RispondiElimina
  14. Cerchiamo di essere BIO, temo per le api

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.