MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

martedì 24 giugno 2014

A Chinacat

Non è un cialtrone. È un cialtrino. Ma eventualmente glielo dico io.

D'accordo?

Ti voglio bene, ma nun famise riconosce...



(vi esorto tutti a uno studio più attento del noto dizzzionario...)

9 commenti:

  1. Molto soddisfatta per come è andata la partita. Già è doloroso vedere il Paese svenduto e rovinato nella generale demenza, ancora più stringe il cuore se ciò avviene tra tripudi e feste di piazza per quattro ragazzotti che prendono a calci un pallone. Meno fattori di distrazione di massa ci sono, in particolare adesso, meglio è.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per come è andata la partita, da patriota, un po mi è dispiaciuto.
      Però ragionando razionalmente hai perfettamente ragione.
      Poco prima dei mondiali pensavo: se vince va bene, se invece va fuori subito, alla fine è anche meglio!

      Elimina
    2. Chiedo venia, ma non sono per niente d' accordo. Il paese viene svenduto e rovinato comunque, anche senza i ragazzotti che prendono a calci un pallone. E la massa e' comunque distratta da un terrorismo mediatico ben peggiore delle partite di calcio. Quindi no, da italiana e tifosa non sono affatto soddisfatta per come e' andata!

      Elimina
  2. A Prandelli e' andata bene comunque :-) Che vinca o perda....."quattro" puzzolenti Euro gli rimangono in tasca lo stesso; al trecciolone giuggiolone pure.

    Certo che agli Italiani togligli lo stipendio ma il il calcio.....MAI! Stavo in un paesello, percorso in lungo e in largo da rombanti moto e macchine di tutti i tipi: nelle due ore della durata della partita......sembrava di stare a Tirana negli anni 50; non un ronzio di mosca.

    No comments. Si, meglio che gli Italiani si concentrino su altre cose. Adesso che ci penso, deselezioniamo pure Belen Rodriguez e PURO SU SORETA (ci voleva pure lei).........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto incoerente populismo anche qui dentro.......ci manca solo di leggere che i ragazzotti in mutande rubano i soldi per rincorrere un pallone e la sagra dei luoghi comuni è completata....

      Elimina
    2. Non seguo il calcio ma questo mi sembra proprio luogocomunismocalcistico, che fa il pari con "ABBIAMO vinto e HANNO perso".

      E' senz'altro vero che molta gente segue il calcio come una religione integralista e non capisce una mazza di altro (ammesso che capisca qualcosa di calcio), è altrettanto vero, a mio parere, che i quadagni del calcio sono scandalosamente troppo alti, non tutti i giocatori di questa nazionale erano di mio gradimento ma, da italiano, se avesse vinto io avrei gioito e oggi sono rattristato da questa magra figura (meritata par altro).

      Elimina
    3. Hai proprio ragione, non ho mai capito il nesso tra paese in decadenza--gioco del calcio. Oppure l'equazione: Visto che siamo in crisi boicottiamo la nazionale. Che guadagnino troppo lo abbiamo capito oramai in tanti, comunque sia non riesco a trovarne la causa coi problemi di recessione....mah.
      Sarebbe interessante qualcuno che cercasse di spiegarlo.

      Elimina
  3. Chinacat ringrazia il Molto Onorevole Bagnai-sensei per averlo menzionato ed anche per la relativa righellata sulle dita.
    Chinacat promette di moderare le proprie espressioni e di contare fino a 1000 prima di scrivere.

    "Ma eventualmente glielo dico io."

    Chinacat chiede al Molto Onorevole Bagnai-sensei di regalare un libro di storia al Poco Onorevole "Lei Sa Chi" dal quale può evincere che la scoperta del fuoco risale decisamente a PRIMA dell'entrata in vigore dell'euro :)

    Chinacat saluta e lascia un koan:

    Nan-in, un maestro giapponese dell'era Meiji, ricevette la visita di un professore universitario che era andato da lui per interrogarlo sullo Zen.

    Nan-in servì il tè. Colmò la tazza del suo ospite, e poi continuò a versare.

    Il professore guardò traboccare il tè, poi non riuscì più a contenersi. «È ricolma. Non ce n'entra più!».

    «Come questa tazza,» disse Nan-in «tu sei ricolmo delle tue opinioni e congetture. Come posso spiegarti lo Zen, se prima non vuoti la tua tazza?».

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.