MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

giovedì 29 agosto 2013

E dieci...

(ma è sempre la mia Cosette. Vostro, Jean Valjean)...

(poi domani se famo du' risate co' Thénardier. Dice: "Ma a che servono i classici?" "Servono, servono,...").


57 commenti:

  1. (mi ha firmato la liberatoria...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mejo avevo già il Prof Caffo in linea http://www.giovaniprotagonisti.azzurro.it/
      :-)
      Auguri ne faccia tesoro.

      Elimina
    2. Sotto minaccia di un prolungamento unilaterale dell'escursione alpina immagino :)

      Scherzi a parte, auguri!

      Elimina
  2. Auguri, speriamo che al prossimo compleanno riceva (tra le altre cose) anche delle lire in regalo....

    RispondiElimina
  3. Cose tipo "l'ignoranza non può essere un'alibi della disonestà intellettuale"?

    RispondiElimina
  4. Auguri per tutto, compreso sopportare papà :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adriana, mi associo. :-)
      prof, chi è la serpe e in seno a chi sta?
      :-)

      Elimina
  5. Tanti auguri ad Uga!
    P. S. Non deve essere facile avere un Papà economista che si crede un musicista :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e abbiamo trovato quello che gira le pagine a PE...

      Elimina
    2. A proposito di Pescara, di a/simmetrie ma soprattutto di simmetrie, sto guardando un documentario sulla ricerca della particella di dio, il bosone di Higgs. Se esiste porterà simmetria nella fisica !

      Elimina
    3. quindi non esiste per decreto della Commissione Europea

      Elimina
    4. e da padre di due pargoli, faccio gli Auguri di Buon Compleanno a Uga, sperando che loro in futuro possano ridere della nostra beatitudine...

      Elimina
    5. @ Leo: a dir il vero il bosone (che esiste) ha l'ingrato compito di rompere una simmetria; ma siamo decisamente fuori tema...

      Elimina
    6. @g.b. No dai, già l'UE ha dato il meglio di se con "bidet" e "dieta d'insetti", ... almeno il bosone di Higgs lo lasciassero in pace porello! Almeno quello.


      P.S.: Auguri (tardivi) alla cocca de babbo ... ^^

      Elimina
  6. Torta con bruchi verdi ... bene!
    http://www.brucialanotizia.it/2012/11/05/lue-vuole-che-gli-europei-inizino-a-mangiare-insetti/

    RispondiElimina
  7. Se i grandi non si sono ribellati, lo faremo noi. La storia ci guarda e non vorrei che vomitasse....auguri!

    RispondiElimina
  8. auguroni!
    è la sua fotocopia versione femminile!incredibile!

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Buon compleanno Uga!

    p.s.: "La violenza, del resto, è oggi una “categoria economica immanente” (Lukács), e occorre ripeterlo con tanta più enfasi e con tanta più insistenza quanto più il sistema panoptico della manipolazione organizzata delle coscienze si ostina a ribadire che la violenza è una forma fortunatamente estinta, legata alla stagione dei totalitarismi novecenteschi.

    "L’euro non è una moneta, ma un sistema di governo il cui fine è la distruzione del vecchio modello europeo, sostituito da quello della privatizzazione selvaggia e dalla soppressione di ogni residuo welfare state. La sinistra europeista rivela in ciò, una volta di più, la sua miseria, id est il suo patetico lavorare per il re di Prussia."

    Ma chi è, per caso il prof.?

    No, ancora Diego Fusaro:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Particolarmente apprezzato per la disonestà intellettuale (tipicamente marxiana) con la quale si ostina a non riconoscere il fatto che un non marxiano lo ha detto un paio di annetti prima di lui. Perché diciamoci tutto: fa parte della scienza anche il riconoscere, come io sempre faccio, il contributo altrui. E non credo che questo Funaro, Fusajaro, o come si chiama, non abbia visto un articolo che Bellofiore (sempre marZiano pure lui) ha visto. Quando avremo ricostruito questo paese, indiremo il premio "Penne del pavone" (che fa rima con loro...) e sicuramente il Fusajaro sarà fra i nominati. Non essere onesti intellettualmente non li salverà. Sono stati zitti troppo a lungo, forse farebbero quasi meglio a continuare così...

      Elimina
    2. (scusa la sincerità, eh, ma se uno mi cita "verbatim" non può essere un caso, e a me dà fastidio che in questa simpatica provincia non si seguano le normali regole della correttezza intellettuale. Tra l'altro, chi non lo fa si condanna da solo al ridicolo e all'irrilevanza.)

      Elimina
    3. (salvo poi piangere che la colpa è del sistema, che, cattivo, avrebbe soffocato la voce di dissenso. Quanto il sistema soffochi le voci lo dimostra questo blog: se uno ha qualcosa da dire con sincerità, può dirlo qui oggi come nel Sud Africa dell'apartheid. Magari finisce dentro, ma non è vero che non viene ascoltato.)

      Elimina
    4. La ricostruzione di questo Paese si preannuncia anche divertente! Mi sa che ci saranno numerosi candidati al premio "Le penne del pavone"...e altri ancora si aggiungeranno nel frattempo!

      Elimina
    5. La voce ufficiale del dissenso s'è autosoffocata già qualche decennio fa, quella "alternativa" dei carbonari del dissenso s'è trasferita a dissentire su isole deserte.

      Elimina
    6. Pardon per il bis, ma trovo l'articolo del "brillante" filosofo piuttosto banale e datato (al netto della scorrettezza intellettuale sopra citata, ma anche quella sarà accettata dai suoi fans come un "vezzo" eclettico); parla d'attualità: l'entrata della Croazia oggi nell'euro, ma poi ingabbia il ragionamento complessivo in riferimenti random un po' (troppo) datati: Lukacs, Polanyi, Hegel (perché lui sa di sapere, e te lo sbatte in faccia), manca solo Spinoza, e questo discorso "à la Negrì" non mancherà di ricevere il plauso del Maestro. Del testo, quel posto tra un po' sarà vacante (e vagante), per cui ci vuole un brillante nipotino a occuparlo, possibilmente col pedigree nobilitato dai cinesi de noantri della farlocca dinastia Ming.

      Elimina
    7. Parole che scolpiremo nel marmo pario.....scusa, in quanto fiorentini, in quello di carrara....

      Elimina
    8. Quindi anche Fusaro e' in malafede? Peccato, mi faceva comodo per la propaganda anti-piddinica-puddinica ...

      Elimina
    9. Ma no, perché in malafede? Non necessariamente. È perfettamente possibile che uno intervenga nel dibattito sull'euro senza sapere quello che stiamo facendo qui. Ma allora è un po' disinformato. Sai come sono i filosofi...

      Elimina
    10. C'è una regola sacra e inviolabile nel dibattito e nell' università: le virgolette e la nota a piè di pagina con le generalità. Alberto fa bene a reagire così

      Elimina
    11. Bagnai, A. (2012) Il tramonto dell'euro, Reggio Emilia, Imprimatur, p. 261, (ma anche..., con buona pace di chi pensa il contrario perché sa poco di economia, e quindi non riesce, porello, a unire i puntini).

      Elimina
    12. Ovvero: basta poco, che cce vo'!?

      Elimina
    13. Meiner Meinung nach, i Marxisti dell'Illinois hanno gia' unito tutti i puntini, solo che o la figura risultante non gli piace del tutto (ma non capisco perche', non mi pare che l'uscita dall'€ comporti l'apoteosi del capitalismo), o piu' probabilmente non gli piace riconoscere l'intuizione politica a proposito dell'€, o forse solo la paternita' dell'intuizione.

      Capisco il bisogno di un selling argument proprio e originale, ma non sarebbe poi un'onta citarne l'autore. In fondo, estremizzando un po', quanti movimenti di sinistra si sono rifatti ad abundantiam (lasciam perdere per comodita' discorsiva la frequente superficialita') a Marx? Se questo fosse il principio, nessuno di questi movimenti aveva poi tanto di nuovo da offrire, ma non mi pare che cio' desse adito a particolari scandali o delusioni.

      Elimina
    14. Vorrei porre alla vostra attenzione solo alcune lievi imprecisioni emerse dal vostro dibattito, senza voler entrare nel merito del ''plagio'' in ''malafede'' di Fusaro. Si dovrà difendere lui.
      Ma dato che il filosofo Fusaro ha 29 anni, e non è marxista, anzi in tutti i suoi lavori critica il marxismo, non può essere equiparato a gente come Ferrero o Rossanda, che invece hanno taciuto l'orrore eurista per anni. Mi sconcerta anche sentir dire che Hegel e Lukacs sono datati, come se in filosofia (che non è la scienza empirica) ci fossero delle soglie di reversibilità per cui un filosofo contemporaneo può cancellare uno del passato, essendo lui più ''attuale''. Come dicono Preve (maestro di Fusaro) e Bodei, i filosofi antichi possono benissimo aver ragione di altri a noi più vicini, per esempio Aristotele ha sicuramente più ragione di Hobbes sulla natura umana e nella sua concezione della politica. Inoltre se il signor Roberto avesse letto qualcosa di Fusaro, saprebbe che Negri è uno dei pensatori da lui più criticati. Oppure basta vedere il dialogo con Preve che si trova in rete : http://www.youtube.com/watch?v=v4j41lmuJ74

      Elimina
    15. Vorrei porre alla vostra attenzione solo alcune lievi imprecisioni emerse dal vostro dibattito, senza voler entrare nel merito del ''plagio'' in ''malafede'' di Fusaro. Si dovrà difendere lui.
      Ma dato che il filosofo Fusaro ha 29 anni, e non è marxista, anzi in tutti i suoi lavori critica il marxismo, non può essere equiparato a gente come Ferrero o Rossanda, che invece hanno taciuto l'orrore eurista per anni. Mi sconcerta anche sentir dire che Hegel e Lukacs sono datati, come se in filosofia (che non è la scienza empirica) ci fossero delle soglie di reversibilità per cui un filosofo contemporaneo può cancellare uno del passato, essendo lui più ''attuale''. Come dicono Preve (maestro di Fusaro) e Bodei, i filosofi antichi possono benissimo aver ragione di altri a noi più vicini, per esempio Aristotele ha sicuramente più ragione di Hobbes sulla natura umana e nella sua concezione della politica. Inoltre se il signor Roberto avesse letto qualcosa di Fusaro, saprebbe che Negri è uno dei pensatori da lui più criticati. Oppure basta vedere il dialogo con Preve che si trova in rete : http://www.youtube.com/watch?v=v4j41lmuJ74

      Elimina
    16. Caro Ferenc, ti ringrazio per l'osservazione. In effetti io non credo che si tratti esattamente di plagio (potrebbe essere perché gli esempi non mancano: cerca ad esempio Grazzini su Micromega), ma anche no, se lo studioso è giovane e viene da altri campi. Anch'io, avventurandomi, come sono costretto a fare, in campo storico e politologico dirò sicuramente cose che altri hanno detto prima di me. Sarei lieto di riconoscere i contributi altrui (if any), ma le occasioni di dialogo sono state poche: quelle con gli storici molto proficue, quelle con i politologi (rigorosamente "de sinistra") fatte di alzatine di spalle e sorrisetti di sufficienza (ma anche di "preferisco che l'Italia venga colonizzata dalla Germania").

      Da questo ho tratto le mie lezioni, e vado avanti sereno.

      Il fatto però è che il dibattito sull'euro è in primo luogo un dibattito economico, in Italia è estremamente ristretto, e i contributi dei quali si è parlato sono pochissimi, e purtroppo quasi tutti miei (ri-purtroppo), quindi il calcolo delle probabilità giocava contro il giovane studioso. Per il resto, sono senz'altro del parere che 2000 anni sono troppo pochi per considerare scaduta una buona idea. Il mio altro lavoro (quello di musicista) mi ha abituato a vedere le cose con una certa profondità storica, che riporto nel mio lavoro di economista ad esempio quando cerco di far capire che la Ciiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiina non esiste dal 2009, ecc.

      Per me il Fusaro può tranquillamente rinunciare a difendersi, nessuno lo attacca. Sappia però una cosa che gli avrebbe potuto insegnare anche Talete: i rischi che corre nel parlare di economia sono simmetrici ai miei nel parlare di filosofia. E io infatti evito. Per i veri plagiari, tipo Grazzini, è in arrivo il meritato vagone di merda (ma non su questo blog, ci mancherebbe: su binari più affollati, e quando non avrò di peggio da fare).

      Grazie ancora e buon proseguimento.

      Elimina
  11. Pessima fotografia, sembra un'adulta.

    RispondiElimina
  12. Auguri Uga! Stai vicino al babbo perchè ne ha bisogno.

    RispondiElimina
  13. Tanti auguri alla piccola Bagnai! :)

    RispondiElimina
  14. Auguri alla piccola Bagnai (le somiglia moltissimo vista in questa foto)!

    RispondiElimina
  15. Auguri alla scalatrice Eufrasia ... e lei non sia troppo severo col suo futuro Mario ...

    RispondiElimina
  16. Auguri a Uga, ma visto l'entusiasmo manifestato, forse avrebbe preferito un piattone di ravioli ricotta - bietole...

    RispondiElimina
  17. E tre.. sorry! ma anch'io faccio gli auguri di buon compleanno a Uga (del resto, è lei la padrona di casa di questo post, no?)

    RispondiElimina
  18. Risposte
    1. I tedeschi A VOLTE non pagano i propri debiti, ALTRE VOLTE invece li pagano e ripagano ... dipende dal debito, anzi dal creditore (goofyeconomics 1.0.1), ;-)

      Elimina
  19. Auguri Uga, 100 di questi giorni..che la felicità ti accompagni verso cose migliori e grazie a tuo padre e chi come lui e anche alla tua presenza che gli da forza, possiamo tutti, un giorno, indistintamente, vivere sereni. Auguri ancora

    RispondiElimina
  20. Auguri!! (in ritardo, scusa Uga!)
    anche da @esterhoshi

    Speriamo di vederti a Pescara.

    RispondiElimina
  21. Buon compleanno Uga. Ti auguro di non esser mai costretta ad occuparti di economia, come noi, ma di essere sempre libera di seguire i tuoi interessi.
    p.s.vanno benissimo anche le iguane che nuotano : )

    RispondiElimina
  22. Buon Compleanno!!! E finalmente scopro chi è Uga. Tutta il su' babbo.

    RispondiElimina
  23. A proposito di simmetrie (senza la A, che simpatica coincidenza verificare che anche mio figlio fra pochi mesi festeggia 10 anni...
    Sono sicuro che la presenza della sua Uga è stato uno dei motivi che ha innescato il suo impegno civile, per tutte le future generazioni.
    Ulteriore laurea honoris causa.

    RispondiElimina
  24. Va detto che se aumenti i salari, crei disoccupazione, soprattutto perché uno dei problemi chiave è la disuguaglianza crescente con le destre al governo. Va pure detto che l'inflazione è un fenomeno monetario e il Divorzio è la principale causa della disinflazione in una situazione in cui vi era una spirale salari-prezzi insostenibile. Senza contare che i tassi d'interesse in genere crescono per i disavanzi pubblici, ma al tempo crescevano per via del Divorzio e dei disavanzi pubblici insostenibili negli anni 80, ed è grazie all'autonomia della BC che ci fu disinflazione, anche se va detto che in Italia c'è un inflazione strutturale dovuta a disfunzioni burocratiche e spesa pubblica eccessiva da sempre, l'intuizione comunque è la NKPC. Il vincolo estero funziona, costringe le imprese a ristrutturarsi ed essere più competitive, senza contare che poi le politiche degli anni 80 furono disastrose, e si andava avanti a svalutazioni competitive che grazie all'Euro non sono più possibili con buona pace di quelli che confondono tassi reali e tassi nominali. I controlli ai movimenti di capitali sono un'assurdità, e attirare capitali esteri è fondamentale per un paese come l'Italia, che ha bassi investimenti, quindi liberalizzare è d'obbligo e meno male che ci furono le menti lungimiranti degli anni 70 e 80, nonostante fossero dei cialtroni spendaccioni che hanno mandato sull'orlo del baratro il paese, considerando poi che i tassi d'interesse elevati degli anni 80 sono conseguenza dei disavanzi pubblici e dell'infima credibilità dei cialtroni spendaccioni (lungimiranti menti), tassi d'interesse che dipendono dai mercati, bravo Ciampi che li alzò, e bravi quelli che hanno comunque la capacità di attrarre capitali e anche di avere saldo merci e servizi positivo, e i capitali li attrai se fai tassi più elevati degli altri, tassi elevati che comunque furono conseguenza di bassa credibilità e disavanzi pubblici insostenibili degli anni 80. C'è una pesante correlazione tra crescita della massa monetaria e inflazione, a conferma che la monetizzazione crea inflazione [ma non lo scoperto di Tesoreria, va da sè, nota mia] ma qualcuno glielo dice ai keynesiani che correlazione tra produttività e output non significa causalità?

    Questo, assieme agli altri che segnalai, è un altro pezzo del pensiero dell'economista col PhD medio, quelli seri però. Discutere con questi è anche bello, alla fine per andare d'accordo con loro devi dire quello che vogliono sentirsi dire, poi non importa se non è coerente, puoi dire anche nella stessa frase cose che si contraddicono, loro condividono comunque se sentono che la cosa è conforme a ciò che gli dicono di pensare. Provateci pure.

    RispondiElimina
  25. Professor Bagnai, non ha importanza se lei pubblica o no i miei commenti che, certamente, possono non essere precisi ed esaurienti o non completamente in linea con l'argomento, o più semplicemente fanno solo perdere del tempo a Lei e al suo staff.
    L'unica cosa a cui la esorto è di continuare lo splendido lavoro di divulgazione che sinora ha fatto e grazie al quale anch'io ho potuto capirci qualcosa in più su quello che ci sta succedendo. Per questo, la ringrazio infinitamente!
    Colgo l'occasione, per farle i migliori auguri e, ahimè in ritardo, anche a sua figlia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto mi dispiace! Pensa che avevi detto delle cose molto interessanti, e adesso nessuno le saprà mai, perché vedi, a me il vittimismo (palese, occulto, becero, garbato) sta abbastanza antipatico, per motivi che dovreste sapere.

      Dura lex, sed lex.

      Elimina
  26. Uga!
    Aug!
    Aug!!
    Aug!!!
    Aug!!!!
    Aug!!!!!
    Aug!!!!!!
    Aug!!!!!!!
    Aug!!!!!!!!
    Aug!!!!!!!!!
    Aug!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  27. Uff. Ho provato e riprovato ieri sera ma la connessione instabile ha avuto la meglio.
    D'altra parte mi trovo in Grecia e qui, si sa, la situazione è quella che è (uguale allo scorso anno, nessuna tragedia in corso).

    Comunque, auguri alla cara "piccola" Uga.
    Un abbraccio dal paese dei disastri.
    Laura (e consorte)

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.