MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

mercoledì 19 giugno 2013

Tornare indietro?

90 commenti:

  1. A questo proposito apro e chiudo le danze de: 'L'imprescindibile momento Panunzi e l'umorismo su twitter':

    Da poco ho conosciuto una giovane arpista in crisi che è tornata alla lira.

    RispondiElimina
  2. Per sicurezza ho comprato un altro paio di carriole. Non si sa mai, se devo comprare le sigarette...

    RispondiElimina
  3. No a noi italiani piace stare davanti... infatti siamo la locomotiva dei teteski che ce lo mettono in.... ciuf ciuuuf!! http://www.youtube.com/watch?v=rDXUY76Wgfw

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Sarebbe bello poter rubare il bel tempo della lira, solo per poterlo regalare....

    http://www.youtube.com/watch?v=dLFemazOUCU

    RispondiElimina
  6. tutti abbiamo sognato col "se potessi tornare indietro...", che ora é un taboo. mi sembra di capire che non sarebbe comunque fattibile, ma almeno potremmo tornare ad essere una nazione anziché una riserva Comanche (o Arapaho?).
    ...e per la prossima volta, prometto di non usare 1 lira come bottone!

    RispondiElimina
  7. Bisogna andare avanti. Lo suggerisce, timidamente, la JPMorgan http://culturaliberta.wordpress.com/ Finalmente un po' di sano maccartismo: di questi socialisti non se ne può veramente più. Stringiamoci sotto la limpida luce delle 12 stelle della bandiera e cantiamo festosi l'Inno alla gioia. Che i cuori siano rivolti allo spread e il pensiero voli al virtuoso alemanno che ci regala la bassa inflazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, il fortuto Inno alla gioia:
      O Freunde, nicht diese Töne! ...
      Tedesco anche quello, Herrgottsakrament :-(

      Elimina
  8. "Tornate all'antico e sarà un progresso"
    Giuseppe Verdi, 1871

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questa mi è nuova la rubo subito.

      grazie

      Elimina
    2. infatti jp morgan consiglia di tornare agli allegri statuti prebellici, perchè le costituzioni moderne non vanno bene, urlando tutti insieme "PIU' EUROPA!"...

      Elimina
    3. "Quindi, quando vi ho detto che questa è una carta morta, no, non è una carta morta, questo è un testamento, un testamento di centomila morti. Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lí, o giovani, col pensiero perché lí è nata la nostra costituzione."

      Elimina
    4. alessio, alessio... la citazione, una volta estrapolata dal suo contesto e rifunzionalizzata in un contesto diverso, assume il significato retorico opportuno per "quella" situazione (in questo caso l'uscita dall'euro), non ha un valore "universale", è solo un espediente retorico, per dare brillantezza ad argomentazioni altrimenti fondate (quelle di alberto). dunque i consigli di jp morgan non c'entrano nulla. ma bisogna spiegare sempre tutto?

      Elimina
  9. Tornare indietro?

    Se hai sbagliato strada e ti accorgi che davanti a te c'è un precipizio che fai?
    Ovvio che torni indietro,per trovare la strada giusta,o magari il piddino di turno pensa di avere le ali?
    "Non bisogna tornare indietro....ci vogliono solo PIÙ ALI..." :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh beh allora basta una redbull! Perchè nessuno c'ha pensato prima? :D

      Elimina
    2. Magari i piddini pensassero di avere le ali..

      Elimina
  10. Divulgatori populisti euroscettici! Vade Retro!

    RispondiElimina
  11. Per quelli che "occorre andare avanti"...

    L'italia è sull'orlo della fossa, ma noi le faremo fare un passo in avanti!

    RispondiElimina
  12. 16€ per che cosa? Il babbo le ha tutte in un album, miniassegni compresi, e con le 500£ sblocco il carrello all'ipermercato.
    Grazie del pensiero Banca d'Italia, aspetto quelle nuove...

    RispondiElimina
  13. Krugman ha incontrato Monti

    http://krugman.blogs.nytimes.com/2013/06/18/globalization-and-macroeconomics/

    e.... non e' stato amore:
    http://krugman.blogs.nytimes.com/2013/06/18/structural-excuses/

    RispondiElimina
  14. Cambio business alla mia impresa, “MI DO’ ALLA PRODUZIONE DELLE CARRIOLE”, se i “ragazzi del Pude”, c’hanno azzeccato è l’affare del secolo !!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  15. che dire ? dal 1970 che piano piano dolcemente ci accarezzano e ci portano qui , ma chi ha l'insano coraggio di disfare tutto questo lustroso lavorio ?

    ci sono stati morti , feriti e multilati per portarci fino a qui e ora che finalmente l'€ ci ha miracolato e sulla via senza piu carriole portato ,senza piu la povera LIRA che dal foglio mai piu prezioso ci guarda e non respira ,ce stamo a lamentà ? ma no,andiam tutti sulla via a tender la mano mentre passa il Piddino Magno ,che con la preziosa monetina ci permetterà il viver da sera a mattina

    RispondiElimina
  16. Dipende da chi hai alle spalle e da cosa sta facendo :-) (elemento che consiglia un 180° di percorso a semicerchio piuttosto che un rinculo)...
    In genere per voler tornare indietro occorre sapere di avere fatto tanta strada sbagliata: e bisogna pure ricordarsela nei suoi vari snodi e passaggi, per disfarne le distanze, cioè è un processo che non si esaurisce nell'inversione di marcia...

    RispondiElimina
  17. Avanzare compatti verso la porta o anche la finestra di uscita dall'imbroglio della moneta unica. Non vogliono tornare alla lira? Chiamiamoli Sesterzi, Ducati, Fiorini, Marenghi... basta che siano nostri....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. direi che, data la durata non trascurabile delle vicende umane sulla penisola italiana, abbiamo solo l'imbarazza della scelta in merito ai nomi della nuova moneta anche se io preferirei risvegliarmi da questo (brutto) sogno nell'istante in cui tutto è iniziato e ritrovarmi le mie banconote da 1000 lire in tasca, con l'immagine di una donna che ha insegnato al mondo come si allevano i bambini.

      Se andate avanti significa vivere nelle caverne, allora sono un conservatore.

      Elimina
    2. Io invece tornerei al 1981 per strappare di mano da Beef Andreatta Senior il "Grande Almanacco Fiscale".

      Elimina
  18. Quando si mascherano bieche controriforme da riforme, tornare indietro è semplicemente tornare al bivio dove si è sbagliata strada e recuperare la direzione giusta, oltretutto con la lira eravamo tutti milionari.....a ridatece li zeriiiiii !!!! ;-D

    RispondiElimina
  19. Oh ma sti tedeschi so fuuurbi! Prima si creano un mercato di sbocco esportando anche evasori (josefona Idem) e poi magari se la ripigliano, ora che la riPUDEremo, ad un prezzo stracciato, magari pure svalutata in fiorini. So troppo avanti, non c'é niente da fa!

    RispondiElimina
  20. Schiavi della geometria euclidea... viviamo su una (più o meno) sfera, basta andare avanti per tornare al punto di partenza, Lobačevskij docet..

    RispondiElimina
  21. Sono passati 5 anni di crisi e ancora mi tocca sentire in tv a ballarò un tale di nome CATTANEO a.d. di terna, mica la botteguccia del cazolaro, che riguardo a un possibile ritorno alla moneta nazionale tuona: se volete che i risparmi degli italiani si dimezzino in un sol colpo e il debito aumenti del 50% fate pure. Seguita da una grassa risata con ammiccamento al giornalista republichino che sedeva accanto. Di acchitto ho scritto alla redazione di ballarò una mail che chiedesse scusa a tutti i telespettatori per lo strafalcione detto da uno dei più potenti uomini dalla nazione. Poi ho chiesto dal perche il conduttore o qualcuno degli ospiti non lo abbia ripreso visto che anche un bambino capirebbe che era una balla e anche grossa assai. Sto tizio che ho messo nel mio libro nero vorrebbe farci credere che se cambio 1000 euro in 1000 lire perdo metà dei miei risparmi, in che modo non lo ha capito nessuno forse pensa che la svalutazione della nuova moneta porti a una inflazione del 50%...???? Manco in bukina faso hanno una inflazione del 50%. Poi, non contento la storia che se passo alla lira il debito aumenta del 50%, praticamente anche volendo tentare di azzardare una possibilità remota o fantasiosa manco ci riesco.....Capisco che il fatto di seguire il blog di aver letto il libro di bagnai e di seguire molte trasmissioni e interviste in rete anche se sono un ignorante patentato mi dà un certo vantaggio nei confronti dell" uomo della strada, capisco immediatamente se il ragionamento fila o è solo un luogocomune dato in pasto al popolo per terrorizzare. Spesso mi indigno con gli amici e colleghi di lavoro perche parlando delle fesserie dette su l" argomento euro loro non capiscono che qualcosa non quadra.....non riescono a comprendere il meccanismo che comporta la falsità e del perche viene spacciata in maniera cosi maldestra come verità inconfutabile. Li fregano sta cazzo di fissa per chi guadagna più di loro, sentendoli parlare taglierebbero tutto, per loro è tutto superfluo, non capendo che è proprio a quello che mirano e l" euro è il cavallo di troica, poi ripiegano e iniziano a frignare che oramai per lavorare tocca pagare di tasca propria. che è tutto un ricatto e che le cose cosi non possono continuare ma non c" è modo di fargli capire che è tutto collegato. Lotto e lotterò anche se sento cosa dicono di me quando pensano che non ascolto, credono che la mia sia una fissazione, presto scopriranno che sarà anche la loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi? l'ex qualcosa di rai? cioè uno che, in quota a non ricordo più quale banda di malviventi, ebbe il suo momento di gloria, per poi passare a terna (che in quanto fornitrice di pubblici servizi in regime di monopolio non ha bisogno di essere amministrata, si amministra da sè, non ha bisogno di lui) in attesa di arrivare alla pensione stando in un posticino tranquillo, e in dolce compagnia della ferrillona? Quindi costui si desta dal suo letargo e, senza sentire nessun obbligo nei confronti di chi si trova a incrociare il suo percorso, si mette a fare affermazioni del calibro di quelle prodotte da quel vice-pennivendolo del S24H? Squallido lui che si presta a questo gioco, ancora più squallido chi ha preso il telefono e lo ha chiamato per coinvolgerlo e rafforzare le fila dei pudini.

      Elimina
    2. ahahahahahahah...
      concordando, gent. tafazzi, chiedo: ma hai notato che in tv a dire che un ritorno alla lira sarebbe un disastro assoluto per lavoratori, pensionati e risparmiatori, ci stanno solo quelli che guadagnano minimo 5000 Leuri netti al mese? mai che ci capiti di ascoltare uno che ne guadagna massimo 1500 (sempre di Leuri!). è commovente questa preoccupazione che i benestanti hanno per le condizioni di vita della gente, non voglio dire povera ma normale. Se ne occupano talmente tanto... che infatti sostengono il Leuro.

      Elimina
    3. Beh (o be'... boh!)
      se fossi l'A.D. di un'azienda che importa energia sottocosto dall'estero per rivenderla a prezzo pieno in Italia, vedrei anch'io come fumo negli occhi una svalutazione della mia valuta.
      E mi metterei a sparare "imprecisioni" a raffica mettendomi nel folto mazzo dei benpensanti.

      Franco

      Elimina
  22. Quando ero piccolo, mi ricordo che se avevo 1000 lire gliele davo a mio padre perchè talmente ero sicuro che pensavo di non farmene niente in quel momento, ora con 1 euro nel portamonete ti sembra di avere un capitale aggiunto. Cioè da aggiungere a quello che ancora manca per il parcheggio.

    RispondiElimina
  23. Ma scusate, volete mettere certe opere d'arte che erano raffigurate sulle Lire? Guardate una banconota in Euro... è fredda, senz'anima, poiché lo sapevano che l'europa sin dalla sua creazione che l'Europa è vuota, fogli monocromatici senza essenza. Le lire erano Bellissime, rappresentazioni artistiche di tutti le nostri grandi menti che gli italiani hanno conosciuto in Patria... Altro che Euro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giustissimo !!
      Sugli euro di carta ci sono solo finestre e ponti dai quali buttarsi di sotto (messaggio subliminale..) !
      Invece sulla ns. moneta da 1 euro c'è il famoso Uomo di Vitruvio, molto bello !
      Ma perchè mi ricorda insistentemente un Cristo in croce?
      Altro messaggio subliminale ?

      Elimina
  24. Effettivamente di Lire (Lit) al mondo ce ne sono tante (Turchia, Irlanda e chi sa chi altro). Propongo quindi un ritorno al Sesterzio (SS) alla faccia de chi ce vo' male!!!

    RispondiElimina
  25. Quelle si che erano banconote! Specie quelle da 2000 lire e 100.000 lire :)

    RispondiElimina
  26. Pensa che in bacheca ho ancora le 500 Lire di carta di mio nonno!

    RispondiElimina
  27. Oggi in conferenza stampa Letta ha spiegato che il prossimo ingresso nell'EZ di “Riga, Belgrado e Zagabria testimoniano il grande successo dell'€”. Per convincere soprattutto se stesso di quanto andava affermando, Letta ha ripetuto la frase tre quattro volte. Ha anche detto testualmente “sento le vibrazioni positive” di quanto sta accadendo dopo il recente vertice G8, anche quello definito “un successo” perché rimanda al vertice del 3 luglio, cui seguirà un vertice il 4 luglio, che preluderà ad un ulteriore vertice che dovrebbe tenersi in settembre. Poi ha annunciato che andrà a spiegare all'UK i grandi vantaggi che quest'ultima otterrà rimanendo nell'Ue, che lavorerà per convincere l'Iran a rendersi più responsabile – daje a ride – , e ha manifestato l'intenzione di “lavorare per portare a soluzione la crisi siriana”.
    Il tutto inframmezzando l'eloquio con un po' di frasi fatte e vuoti concetti retorici, a partire dal “lavorare alla creazione degli stati uniti d'europa”, e facendo attenzione a corredarlo di paroline in lingua inglese che di per sé non significano nulla.
    Ascoltarlo e assumere che la corsa verso la catastrofe è garantita è tutt'uno.
    Fortunatamente io ho già tanti di quei grattacapi, tra problemi economici, finanziari e di salute, che poi sono quelli che affliggono qualche milione di italiani, che ciò che sta per verificarsi tutto sommato non mi fa né caldo né freddo.
    Ormai peggio di così...

    RispondiElimina
  28. Un turista tedesco si ferma in un albergo greco e chiede se hanno camere libere. Alla risposta affermativa dell'albergatore, lascia 100 euro alla reception e chiede la chiave per vedere se la camera è di suo gradimento. Appena sale, l'albergatore corre a portare i 100 euro al fruttivendolo che riforniva il ristorante dell' albergo. Questi di corsa li porta al trasportatore, il quale a sua volta li porta al contadino da cui si riforniva per conto dell' albergo. Il contadino li porta ad una ragazza con la quale scopava con la promessa di darle i soldi appena li avesse avuti. La ragazza li riporta di corsa all' albergo a cui doveva soldi per i clienti che ci aveva portato a debito.
    Appena i 100 euro sono di nuovo sul banco della reception, scende il turista tedesco, che si riprende i soldi dicendo "Zimmer non essere di mio gradimento"
    Me l'hanno spacciata per una barzelletta, ma mi sa che l' economia greca (e forse anche quella italiana) da quando c'è l' EURO funziona proprio cosi'.............

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Userò questo esempio per spiegare la velocità di circolazione della moneta agli studenti di politica economica. Magari ometterò un passaggio. Credo che la moneta abbia sempre funzionato così. Deve circolare.

      Elimina
    2. Commento tardi perché sono stato in giro. La barzelletta mi pareva familiare ed ho controllato: a me sembra trattarsi di una rielaborazione del famoso testo del barbuto di Treviri, quello coi simpatici e numerosi seguaci nell'Illinois.

      Dal Capitale, Libro III, Sezione V, Capitolo 33 - Il mezzo di circolazione nel sistema creditizio: link a due versioni, una su criticamente.com e l'altra su Google Books.

      Elimina
  29. Scusa Alberto, ne approfitto per pubblicizzare il mio nuovo blog: ortopediareale.blogspot.com

    Parlerà di ortopedia e altro. Io non ne capisco un cazzo, non ho nessun tipo di competenza a riguardo, non mi curo neanche di leggere due nozioni di base, né ho interesse a dialogare, né ho interesse a conoscere l'opinione di chi se ne occupa, ma voglio dire la mia, perché l'art. 21 della Costituzione sancisce la libertà di parola e di pensiero e sono contro le censure e ho una voglia matta di dire la mia opinione che sempre l'art. 21 sancisce come interessante e valida al pari di tutte. E io vado matto per la libertà di pensiero, cazzo se mi piace. Non mi si fraintenda, anche il gelato mi piace, e pure la pizza, ma la libertà di pensiero ragazzi! Poi qui in Italia la fanno buonissima, in certe zone in particolare.


    RispondiElimina
  30. Ci mancava solo questo!

    E comunque l'amico, visto quello che scrive, avrà (forse) studiato economia, ma quanto a storia è messo male...

    RispondiElimina
  31. ...e perchè non il baht thailandese o diventare il 51° stato degli USA?...con il primo una svalutazione di fatto del 60%,con il $ svalutiamo di colpo in una notte del 32%.Vi pareeee!?

    RispondiElimina
  32. Scusate OT: questa sera su Rai2 a 2Next Economia sarà ospite lo scarparo (DDV) e si parlerà di € ... astenersi biliosi
    ahimé credo che m'asterrò

    RispondiElimina
  33. [OT] Scrivo qui per non rompere troppo i maroni su twitter e perché probabilmente c'è più gente in ascolto che possa rispondere.

    Qualcuno ha qualche lettura interessante da segnalare riguardo il free strade agreement tra UE e US?
    Io, da una ricerca veloce, ho trovato articoli che trattavano soltanto la questione commerciale, ma nessuno che facesse ipotesi sulla finanza (IDE, acquisizioni/delocalizzazioni e, come effetti all'esterno, il rischio di sudden stop dato da un repentino cambio di direzione di flussi di capitali, quest'ultima l'ho pensata io, magari è campata per aria).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè non è possibile tornare indietro? Perchè loro sono sempre più veloci e pensano sempre ad essere più veloci degli altri: Senti cosa dicono quelli di Confindustria in "Analisi e considerazioni" riguardo al TTIP:

      Questa opportunità, cautamente saggiata dalle due diplomazie, è stata finalmente resa possibile ipotizzando la creazione di un’area di libero scambio transatlantica. In piena crisi globale, con l’Europa, e l’eurozona in particolare, alle prese con serie turbolenze interne, l’obiettivo è apparso estremamente ambizioso. Oggi, quando si discute dei possibili contenuti dei negoziati, lo appare ancor più per la rapidità con cui deve essere conseguito. La finestra politica entro la quale dispiegare appieno gli sforzi politici e negoziali si è aperta con la rielezione di Obama ma rischia di chiudersi, o di subire una battuta d’arresto, con le mid-terms americane (novembre 2014) ed il rinnovo di Parlamento europeo e Commissione (maggio e ottobre 2014). L’attuale consenso, espresso dalle principali organizzazioni industriali delle due sponde dell’Atlantico, Businesseurope ed American Chamber of Commerce, ed il supporto by-partisan all’interno del Congresso e del Parlamento Europeo, va dunque capitalizzato velocemente.

      Con buona pace del popolo che (beato lui) non capisce e non decide un ca...

      Elimina
  34. Prof., lungi da me dirle su cosa scrivere, però ultimamente sento sempre più spesso un paio di discorsi che probabilmente meriterebbero un post di chiarimento in stile "quelli che...", visto che il suo pubblico è formato principalmente di persone che, come me, masticano poco di economia.
    Mi riferisco:
    1) a quelli che vogliono un deficit pubblico per rovesciare le politiche di austerità pur restando nell'euro;
    2) quelli che sostengono che l'austerità (e in generale la deflazione salariale) è l'unico mezzo per competere contro economie che hanno costi del lavoro troppo più bassi dei nostri.
    Grazie.

    RispondiElimina
  35. A proposito di tornare indietro... Il dibattito sulle "riforme strutturali" - "structural excuses" - tra Monti e Krugman in un convegno a Parigi
    http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=2916&pg=4857

    RispondiElimina
  36. Io mi ricordo le prime paghette che mi dava papà di 2.000 Lit a settimana ed ero contento come una pasqua che tempi.. (A.D. 1990 circa) rivoglio sia papà che la paghetta di dumilalireeeeee!!!!

    ora invece mio cuggino dice che una volta quando c'era la lira è andato a fare benzina alla moto con talmente tante banconote nello zaino che al distributore ci è arrivato su una ruota e si è pure cappottato. Mio cuggino dice pure che una volta è morto.

    RispondiElimina
  37. Bagnai glielo dica che capiscono poco di moneta. Glielo dica che possiamo anche restare con lo stesso nome. Possiamo fare l'EURO ITALIANO, cosi li spiazza (ci mettiamo l'adesivo sopra con la faccia di Michelangelo e nemmeno stampiamo). Gli dica che ci sono tanti dollari differenti nel mondo e che hanno tutti valori diversi fra loro. Poi gli spari il siluro sull'EURO CIPRIOTA che oggi quota mezzo euro. Infine gli ricordi che esistono ancora alcune lirette in giro per il mondo fra cui la più famosa è la sterlina.

    RispondiElimina
  38. Lì si vedrà il duol che sovra Senna
    induce, falseggiando la moneta,
    quel che morrà di colpo di cotenna.

    Paradiso, XIX

    Per i platelminti e i piddini di ogni forma e di ogni età:

    Sì trapassammo per sozza mistura
    de l’ombre e de la pioggia, a passi lenti,
    toccando un poco la vita futura;

    per ch’io dissi: "Maestro, esti tormenti
    crescerann’ei dopo la gran sentenza,
    o fier minori, o saran sì cocenti?".

    Ed elli a me: "Ritorna a tua scïenza,
    che vuol, quanto la cosa è più perfetta,
    più senta il bene, e così la doglienza.

    Tutto che questa gente maladetta
    in vera perfezion già mai non vada,
    di là più che di qua essere aspetta".

    Inferno, VI

    RispondiElimina
  39. THE BEAUTIFUL ECONOMY

    Discorso tra due giovani imprenditori oggi pomeriggio
    X= Che ti devo dire io non mi lamento, l" estero tira e dopo il taglio fatto due anni fà dei dipendenti ora guadagno come prima, il gioco è che se metti uno a fare il lavoro di due e lo fai sentire in colpa perche non riesce a soddisfare la produzione, gli fai sentire il fiato sul collo palesando licenziamenti e mobilità, alla fine ti rende il doppio e ti regala anche lo straordinario visto che evito di pagarlo e lo metto in accumulo per mesi. Dico che lo restituisco quando cala il lavoro in ferie ma mica tutto, e chi ti viene a reclamare qualche decina di ore di straordinario se ha paura che lo cacci su due piediAHHAHHH
    (PIAGNERE E FOTTERE)
    K=Anche noi abbiamo tagliato il personale e prendiamo solo gente con le agenzie interinali, meglio se non pago i contributi, meglio, tanto quello che fà uno fà un altro poi noi quando abbiamo licenziato siamo riusciti a spuntare trattando con i sindacati l" abbassamento dei livelli, li abbiamo tutti al secondo, calcola che prima molti erano al quarto, un botto di contributi risparmiati. Quella dello straordinario accumulato la facevo da anni, è la migliore.Poi ho tagliato la pausa della colazione e tutte quelle cazzo di macchinette del caffè e bibite, si perdeva troppo tempo. A natale non ho fatto manco un torrone, cazzo già è tanto che li pago mi dovrebbero regalare loro a me, sai quanta gente viene a chiedere lavoro, nemmeno lo immagini.Unico problema che ho avuto è stato sulla liquidazione del tfr dei licenziati, sti cazzo di sindacati volevano che lo versassi tutto in qualche mese, poi ho detto che se continuavano a rompermi i coglioni oltre a quelli ne licenziavo tanti altri. Alla fine hanno fatto la riunione in azienda, si son fatti le tessere e li hanno convinti a firmare per uno spalmamento su 48 mesi ahhahhhh ahhh e chi li frega sti cazzo di sindacati so peggio della finanza.

    THE BEAUTIFUL ECONOMY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le macchinette...confermo che dove lavoravo io era uguale...il problema era proprio la pausa di 5 minuti la mattina (ancora mi sento in colpa pensando che il mio padrone non riusciva a stare sul mercato degli spillatori per birra per colpa dei miei caffè), e guai ad alzarti e timbrare appena suonava la sirena eh!
      Ti sentivi dire:
      "Hai fretta di andare a casa??"

      Per non parlare dei:
      "Lo sapete che alla ditta pincopallollino non pagano gli straordinari eh?"

      Ahhhh la produttività...che fannulloni che siamo noi italiani eh!

      Io ho smesso di lavorare lì un'anno fa (non ero abbastanza piegato per i loro gusti...). Stanno ancora cercando una persona capace di usare i software che so usare io.

      I pochi annunci per i disegnatori finiscono tutti con tutti così:

      blablabla....completano il profilo DISPONIBILITA agli straordinari e FLESSIBILITA.

      Come diceva la ministra: I giovani non devono essere troppo "choosy".

      Elimina
    2. Se ti fanno mangiare la merda una volta e tu dici che in fondo non è poi così male, finirai per mangiarla due volte al giorno...

      Elimina
    3. Che tristezza tafazzi, se avessi assistito io al discorso li avrei cazziati per bene.

      Delinquenti e immorali ecco cosa sono.

      Elimina
    4. Ma poi...sinceramente...chi di voi crede davvero che si possa tornare a lavorare bene come 10 anni fa senza prima uscire dall'Euro?

      Elimina
    5. Che amarezza...
      l'unico appunto però è non far di tutta l'erba un fascio perché contestualmente ci stanno tanti imprenditori che si tolgono la vita.

      Elimina
    6. Io sono un imprenditore. Lo sono orgogliosamente diventato nel 1997 dopo 12 anni come lavoratore dipendente. Mi vergogno profondamente a leggere queste cose, l'unica cosa che mi consola è che questi due fenomeni (ma ce ne sono tanti altri), non possono definirsi altro che ladri e aguzzini. Altro che imprenditori.....

      Elimina
    7. Questi non sono imprenditori, ma iene e sciacalli !!
      Spero, Tafazzi, che tu li abbia pubblicamente investiti con un sonoro:
      VERGOGNATEVI !!

      Elimina
    8. Ed è ancora nulla in confronto al futuro , per fare concorrenza agli Afgani e agli Uzbeki dovremo mettere su il burka anche agli uomini
      tutte soluzioni gia ampiamente proposte dal noto imprenditore Carcarlo Pravettoni che il Prof conosce sicuramente ....

      Elimina
    9. ringrazio per la testimonianza...immaginavo ci fossero anche delle merde, come dappertutto

      Elimina
  40. Anche più indietro, a me piacciono queste 40 lire. "Italia libera, Dio lo vuole" :)

    RispondiElimina
  41. ieri ultimo spettacolo al maggio musicale fiorentino: maria stuarda di donizetti, in forma scenica, perché non ci sono più soldi. domenica ultima rappresentazione, poi ci sarà un prolungamento estivo della stagione a palazzo pitti, dopo di che si parla di chiusura e poi riapertura. si dice, si narra che, ci sono abboccamenti a roma....ci vorrebbero intanto subito, pare (pare), 36 milioni, siamo alla quarta asta, per vendere il vecchio teatro comunale (esistente) e finanziare il nuovo teatro (in parte costruito, ma ancora da finire....), ma anche questa asta mi dicono che è andata deserta (e intanto ogni volta il prezzo scende, pare si sia di venti milioni sotto rispetto al primo prezzo che corrisponde, credo, se sbaglio qualcuno mi corregga, alla quota di partecipazione del comune alla costruzione del nuovo teatro (o qualcosa del genere, se qualcuno può essere più preciso, lo sia per favore). naturalmente per l'immancabile pletora di dipendenti bisogna sfoltire i ranghi, per cui il teatro chiuderà e poi (ma quando?) riaprirà con struttura più snella, pare. vorrei ricordare il bilancio locale del pd toscano che un po' conosco da cittadino qualsiasi: in una ventina di anni circa ha distrutto secoli di storia senese, a firenze una serie di sciagurati lavori pubblici (in gran parte rivelatisi inutili e inefficaci) hanno letteralmente sfigurato (ripeto: sfigurato) la città (ricordo che la prima giunta domenici presentò, a palazzo vecchio, i futuri lavori di ristrutturazione della città in una mostra dal titolo di una comicità involontaria straordinaria: "il nuovo rinascimento") e hanno prosciugato le casse cittadine, abbiamo una serie di teatri storici chiusi, che potevamo recuperare, ma di cui ci siamo fregati, per costruirne uno faraonico nuovo, ma non si capisce, se e quando entrerà davvero in attività, quindi nel frattempo ne abbiamo due aperti con dispendio di danaro, immagino, straordinario (ma nel contempo il pubblico è quasi scomparso). ignoro che cosa sia successo nelle altre realtà amministrative toscane, so solo che non si può mai dire,a cena il sabato sera con gli immancabili amici progressivi, che cosa è successo a firenze (pena l'esclusione dalle cene), quale dissennatezza colpevole si sia impossessata di questa città, dopo la "rigenerazione" morale della classe politica messa in atto da quella grande stagione (si fa per dire) che fu mani pulite. tutto questo per dire, una volta di più, che la questione centrale è quella del pd, a livello nazionale e, per quanto riguarda noi toscani almeno, anche a livello locale. le altre anomalie vengono dopo. quando si aprirà un dibattito serio su questo tema a livello nazionale?

    RispondiElimina
  42. Beh, quale e' la novita'?
    Chi ha frequentato un po' di imprenditori, soprattutto piccoli e medi, sa bene che i dipendenti sono considerati un male necessario, e da ben prima della crisi.

    Roberto Seven

    PS: tastiera inglese, sorry.

    RispondiElimina
  43. Nel mese di maggio la Banca di Inghilterra ha girato (distribuito) allo stato 3,9 miliardi di sterline che questa ha ricevuto in cedole, dal portafoglio di titoli di stato accumulato con il quantitative easing. Mi sembra una cifretta paragonabile all'IMU, o sbaglio?
    Quanto ha distribuito la ECB allo stato Italiano?

    RispondiElimina
  44. Ogni giorno ha la sua pena: diego della valle potrebbe diventare l'editore del corriere della sera.....

    RispondiElimina
  45. a proposito

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/06/21/palazzo-mazzini-fa-fuori-lultima-parola-di-paragone-unica-piazza-anti-politica-di/632045/

    RispondiElimina
  46. Caro fucile non cadere anche tu nel tranello di chi è ladro e cattivo e di chi è buono e bravo che allora non siamo in sintonia. Uno di quei due lo conosco bene e conosco la sua famiglia e conosco quello che i genitori dicono. Il punto è che, mi spiace ammetterlo ma gordon geko in wall streat aveva ragione, l" avidità fa muovere il mondo, l" avidità è buona.
    Devi capire che questo imprenditore come molti immagino pensa e parla sempre come se rubassero sempre gli altri, che c"è del marcio d" appertutto, la madre è anche peggio, tutti ladri e delinquenti....queste sono le parole, parole che il vento porta via poi arrivano i fatti e quelli sono li, il fatto è fatto e non puoi deri di non essere stato, che non volevi.
    Il punto è che molti parlano bene e razzolano male e quando c"è da far soldi se ne fregano pure dei figli e genitori. Non sono stupido che dico che sono tutti cosi ma.....ce ne sono molti, troppi.
    Scusate ma il buon vecchio diego non ho sempre scritto che sono anni che fà queste cose?
    Ora non mi ricordo se li prof mi ha tagliato per motivi che lui stesso ha spiegato e che magari io ho esagerato nel linguaggio, però lui che fà utili miliardari e si atteggia a buono fà le stesse e identiche cose dei due imprenditori. Magari avere un confronto sul perche una ditta come la sua, una big non possa permertersi di pagare contributi ai suio dipendenti, ma se non investe nella manualità e nel saper fare delle persone lui chi lo dovrebbe fare???
    La vostra sorpresa mi delude, il problema è che il professore ha ragione, il problema è che se capisci quello che sta accadendo ti incazzi ma....per adesso bisogna ingoiare il tempo per tirare tutti i sentimenti fuori verrà...o se verrà!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sintesi credo sia che sarebbe opportuno che le istituzioni democratiche rimanessero veramente vicine ai cittadini onde consentire a questi ultimi di dettare un quadro di regole più o meno democraticamente condiviso che permetta di imbrigliare le pulsioni egoistiche dei singoli. Niente di particolarmente originale. Sappiamo che il "trasferimento" a Bruxelles di certe decisioni è stato concepito proprio per evitare che questo accadesse, mentre con il principio di "sussidiarietà" si dava ai cittadini la sensazione che i poteri pubblici si avvicinassero a loro (ma in un quadro di controlli svuotati di significato, come spiego nel libro grazie a L. Barra Caracciolo).

      Il problema dell'Europa non è solo l'euro, è chiaro. Anche l'Unione Europea crea ovvi problemi, che credo di aver descritto con una certa profondità, e che ovviamente non disconosco per il fatto di aver firmato il famoso Manifesto.

      Elimina
  47. “EURO, SI TORNA A BAILAR”

    Mentre il “GOVERNO DEI BERLUSCO-PIDDINI”, tenta di scampare al sol leone, “I GRINGO AMERICANI” si sono “ROTTI I COYOTES” di fare i “DONATORI DI SANGUE” per “I FURBETTI DELL’EURO”, ora che la loro economia sta iniziando a riprendersi, Ben Bernanke ha deciso di iniziare a ridurre progressivamente “I QUANTITATIVE EASING” già nel 2014,(Detto in Di-Pietrese, smette di stampare dollari per sostenere l’economia Americana).

    E lo spread tra i Btp e i bund è tornato subito a 290 punti base.

    “SONO PAZZI QUESTI MERCATI O CI VEDONO BENISSIMO”?

    Così come i Btp Italiani, ed Europei in genere negli ultimi tempi avevano goduto dei benefici delle iniziative d'espansione monetaria del governo e della Banca Centrale Giapponese, che ha provocato una fuga dallo Yen, ora che “I GRINGO” hanno deciso di mettere un freno alla loro politica d’espansione monetaria, i capitali finanziari internazionali, fregandosene altamente delle misure del rigore adottate nella zona Euro, hanno ripreso a fluire verso il caro buon vecchio Dollaro, in via di guarigione, grazie ad una politica economica e monetaria espansiva.

    “MICA FESSI I GRINGO”, ora che loro hanno finito di fare i compiti a casa e visto che “GLI EURO-ALEMANNI” mica collaboravano a rilanciare l’economia globale e che la cosa avrebbe finito per favorire le solite esportazioni Tedesche ed Europee verso gli Stati Uniti d’America, “I GRINGO” hanno deciso di riprendersi il suo, passando il cerino acceso al “COMPAGNO DRAGHI” ed a “FRAU MERKEL” che alla fine lo passeranno ai soliti fessi dell’Europa meridionale.

    “I GRINGO” e “GLI ALEMANNI” fanno lì fro’sci, ma il cuculo c’è lo mettiamo sempre noi.

    E’ notizia di oggi, che il governo Greco già inizia a traballare.

    “EURO, NO GRAZIE, ABBIAMO GIÀ DATO ABBASTANZA”.

    RispondiElimina
  48. Salve Prof,
    mi scuso in anticipo se la domanda che ho da porle è banale e/o stupida e se ha già risposto e io me la sono persa (in quest'ultimo caso potrebbe anche solo fornirmi un link?).

    Corro il rischio perché la questione è per me fondamentale:

    Ê possibile a suo avviso fare una previsione di quando si inizierà ad andare attivamente (o istituzionalmente) nella direzione del recupero di sovranità monetaria (sperando poi di risposare Bankit col Tesoro, attuare controlli sui movimenti di capitale, etc..) ?

    Io ho piena fiducia in lei e glielo chiedo perché a vedere fin dove si stanno spingendo in Grecia mi tormenta l'idea che forse continueranno a spolparci a suon di riforme strutturali; a furia di ubriacarci di cazzate il grande pubblico non ha la capacità di interpretare la realtà né una vaga idea di quali siano i lori reali obiettivi.
    Io stesso, laureato quinquennale in economia, mi ritengo particolarmente fortunato ad essermi imbattuto in Lei e Borghi perché da molto tempo cercavo risposte che da solo non ero in grado di darmi.

    La mia personale percezione è che in Italia da spolpare ci sia ancora molto e la gente, finché non ha più nulla da perdere, sonnecchia.

    Se fossi ottimista (e lo sono per natura) e provassi a dedurre una risposta dalla descrizione degli eventi che portarono all'uscita dallo SME credibile, direi che entro 12-18 mesi la direzione giusta l'avremo presa.
    D'altro canto la mia paura è che prima che la gente si desti ci vogliano ancora 5-6 anni (se non di più), troppo tempo, troppa vita da buttar via, troppa infelicità.

    Grazie del suo prezioso tempo e dell'immenso lavoro che svolge.

    Ruggero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è possibile fare previsioni. Ne ho fatte molte di azzeccate negli ultimi tre anni, ma sia la stanchezza, sia il fatto che ormai il mio strumento (la macroeconomia) ha dato quello che poteva dare, in un contesto dominato dall'isterismo dei politici, previsioni puntuali è veramente difficile farne. I problemi credo verranno da una crisi del settore bancario, che porrà un governo "grosso" nell'alternativa fra ricapitalizzare le banche cedendo completamente la sovranità (quindi mettendosi in mano a SM eccetera), o riprendendosela (quindi tornando a una valuta nazionale).

      L'idea che la Germania possa uscire la considero sempre economicamente razionale e dotata di un minimo di supporto politico. Non mi nascondo però che il supporto potrebbe essere insufficiente.

      Elimina
  49. Le soi-disant drame politique du jeudi soir aurait pris fin ce vendredi matin. La nuit la plus courte s’achève sur un rien encore trop long. Antonis Samaras dans son allocution de minuit, a précisé “que nous ne retomberons pas dans nos pêchés du passé, les reformes se poursuivront d’ailleurs sans relâche”. L’esprit d’un certain Protestantisme ainsi que celui du méta-capitalisme très certain, triompheraient alors. ERT appartiendrait déjà à la mémoire collective et sa survie, en somme relative, ne serait que très provisoire. Et au petit matin, la dite Gauche démocratique, le parti de Fotis Kouvelis a quitté le gouvernement, découvrant post mortem “toute l'imposture démocratique dans la gestion du dossier ERT, un problème qui n’est pas épidermique”, telle fut la déclaration, si profondément nocturne, de Fotis Kouvelis.
    Lire la suite... »

    RispondiElimina
  50. Caro Prof., se riusciamo ad uscire dalla trappola del PUDE gliene costruisco uno e glielo regalo volentieri. Io purtroppo non so suonare uno strumento e forse per questo (per hobby) progetto e costruisco questi oggetti, che permettono di godere di tutta la musica.
    http://db.audioasylum.com/mhtml/m.html?forum=tubediy&n=213906&highlight=diy+furniture&r=&search_url=%2Fcgi%2Fsearch.mpl%3Fforum%3Damp%26session%3D20130423031706
    Le valvole che uso sono NOS dell'ex URSS; per un pugno di Euro di flusso e' dai primi anni '90 che i Russi riducono gli stock dell'ex Armata Rossa...

    RispondiElimina
  51. Dal giorno che ho speso il primo euro mi sono reso conto dell'imbroglio fatale subito dalla gente comune con questa "monnaie de singe" e non ci sarebbe nemmeno bisogno di un professore per spiegare la truce malvagità di questa operazione, ma ad ogni giorno che passa a me cominciano proprio a star sulle palle questi diktat dell'Europa!
    Ma noi abbiamo bisogno di tutto meno che di quest'altra casta fatta di nullità assolute !
    Vi invito, anche se proprio non ci amate, di andare a leggere sul blog di Grillo la lista dei nostri parlamentari in Europa con le loro presenze nelle assemblee e tenendo conto dei loro nomi e di quanto noi li paghiamo, mi direte se non vi sarà venuta voglia di farvi harakiri !

    RispondiElimina
  52. Forse qualcuno a sinistra si sta svegliando...questo è quanto afferma l'ex responsabile economico di rifondazione comunista, ovvero un partito che finora ha sempre inspiegabilmente difeso il Fogno eurista...

    http://www.sinistrainrete.info/europa/2866-andrea-ricci-il-nodo-delleuro-non-puo-piu-essere-eluso.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa dire? Benvenuto fra noi. Temo però che se l'ex responsabile è ex un motivo ci sia, ed è che rifondazione dovrà scomparire per far dimenticare la vergogna del suo tradimento.

      Elimina
  53. Si contano i primi caduti.
    Dalla pagina facebook di Bisin (ahimè, ho amici che sono anche amici suoi):

    "Fioretto del mese: Mai piu' discussioni sull'Euro su twitter.

    Mi faccio prendere la mano e casco nelle provocazioni. Non e' produttivo, il mezzo non aiuta (almeno me) e si finisce in insulti (anche io). Degli insulti chiedo scusa a chi li ho fatti e ai loro follower colpiti al cuore. Arroganza ignorante e disonesta' intellettuale mi fanno perder la pazienza. Mi scuso anche coi miei follower, alcuni dei quali ci hanno provato anche loro.

    L'Euro e' una questione importante purtroppo ridotta ad un dibattito allucinante per l'inesistente sofisticazione intellettuale. Semplicemente non si puo' fare, ci vuole troppo tempo e soprattutto troppa pazienza a smascherare errori logici, analisi dei dati incorrette e semplicistiche, e tecniche retoriche semplici ma efficaci (cambiar discorso, mal impostare domande, e soprattutto ri-scritture della storia selettive, distorte con commenti di auto-celebrazione spinta via storify).

    Alla base di tutto purtroppo una ignoranza economica profonda - l'economia praticata dagli amateur e' pericolosa perche' l'economia sembra facile, non e' la fisica, ed invece e' tremendamente complessa. Nello stesso tempo e' brutto farlo notare - a nessuno e' mai piaciuto sentire "lei non sa chi sono io". Tutto cio' si lega all'ideologia del web tipo M5S - tutti possiamo parlare di tutto, anarchia e democrazia - che ad un certo livello e' anche affascinante ma che diventa facilmente potere dell'ignoranza.

    Io ci ho provato. Lascio volentieri ad altri con piu' energie."

    RispondiElimina
  54. Professore, ringraziandola per l'immensa opera divulgativa che sta svolgendo, volevo chiederle una sua opinione sullo strumento del dazio. E' uno strumento che ha una sua efficacia per difenderci dalla concorrenza di paesi che violano i diritti umani fondamentali????? e se lo fosse allora non sarebbe il caso di riappropiarcene dato che la disciplina in materia è totalmente gestita dall'europa???

    RispondiElimina
  55. Enrico Letta ha appena finito di dire dall'Annunziata che l'europa ha una storia di successi.....

    RispondiElimina
  56. Prof. che Dio la benedica. Questo aneddoto lo voglio raccontare. Venerdì sera studiavo su internet i principali dati macroeconomici argentini avvalendomi della seguente fonte che non so se essere buona o meno (http://data.lanacion.com.ar/dashboards/4611/datos-economicos/)....a un certo punto mi trovo in gran difficoltà, esportazioni-importazioni-riserve del banco centrale etc... c'è qualcosa nella dinamica dei principali indicatori che non capisco bene. Esausto me ne vado a dormire proferendo le seguenti parole: 'possa il Prof. Bagnai scrivere un bel post sull'Argentina e chiarirmi le idee'. L'indomani vado a sbirciare su Goofynomics e la mia richiesta è stata esaudita. Mai sottovalutare le coincidenze. Mille grazie

    RispondiElimina