MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

sabato 2 marzo 2013

Il mio scudo antipiddino

22 commenti:

  1. ahahahaha, grandissimo Prof, i miei sinceri complimenti per stasera, oramai è diventato il mio Maestro. La semplicità , la sincerità e la schiettezza nell'esporre gli argomenti fanno di Lei un economista SAGGIO E UNICO...premetto che non ho votato Sel, ma ormai ho fatto ingelosire persino la mia foidanzata, parlo solo di Lei e del suo modo di pensare .
    Scusi la sviolinata, ma tanto credo sia abituato ad assistere ed a partecipare a concerti.

    RispondiElimina
  2. ahahahaha, grandissimo Prof, i miei sinceri complimenti per stasera, oramai è diventato il mio Maestro. La semplicità , la sincerità e la schiettezza nell'esporre gli argomenti fanno di Lei un economista SAGGIO E UNICO...premetto che non ho votato Sel, ma ormai ho fatto ingelosire persino la mia fidanzata, parlo solo di Lei e del suo modo di pensare .
    Scusi la sviolinata, ma tanto credo sia abituato ad assistere ed a partecipare a concerti.

    RispondiElimina
  3. Bella trasmissione, mi è mancato l'editoriale rokkettaro di Paragone ma forse è stato meglio andare subito al dibattito.
    Ma quante fandonie ebbiamo dovuto ascoltare:
    I mercati che volevano Monti, e adesso con le nostre difficoltà a seguito delle elezioni sono "innervositi" e vorrebbero un governo che continuasse l'opera di Monti. gli investitori esteri che non vengono per colpa della corruzione ecc...
    meno male che c'era lei a controbattere.
    Mi ha colpito la rabbia degli imprenditori vicentini, uno in particolare che ha dato la colpa alle spese della pubblica amministrazione ma aveva anche detto che dieci anni fa si stava bene, e lei ha colto l'occasione per sferrare il giusto attacco contro questo luogocomunismo, che è stato anche alimentato dalla propaganda del movimento 5stelle, dieci anni fa gli impiegati pubblici c'erano, ci sono sempre stati ma non c'era l'euro.
    Poi Car Carlo Pravettoni a fine trasmissione che saltella gridando "torniamo alla lira" è stato godibilissimo.

    RispondiElimina
  4. Posso fare una critica?

    L'incipit è sempre un po' cauto ed impacciato, più scioltezza aumenterebbe la micidialità dei colpi successivi.

    Comunque grazie. Non sono tanti i momenti per riunire la famiglia davanti alla tv.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me sembra che funzioni bene anche l'incipit: se non e' voluto (e con questi furbacchioni della comunicazione non si sa mai, vero Professore?) comunque rafforza l'idea di uno scontro tra uno che presenta umilmente una visione scientifica e gli altri, che sono invece adusi a tenzoni televisive ben piu' complesse. Cosi' il malcapitato di turno si rilassa e... arriva la martellata. Non so pero' quanto possa durare ancora il trucco visto che ormai si e' sparsa la voce.

      A questo proposito volevo segnalare una cosa buffa: cercando Bagnai su youtube cominciano ad uscire filmati poco attinenti, di persone che inseriscono come keywords, tutte insieme, Bagnai Belen XBOX IPhone Ipad ecc. che mi pare un interessante segno di celebrita'. Per inciso l'ho scoperto cercando Bagnai e non Belen ehm...

      Elimina
    2. Fico ficata! Cercare Bagnai mentre NON si cerca Belen ;)

      Scherzi a parte, hai ragione nel dire che questo è segno di celebrità. E allo stesso tempo anche un segno cui dare un minimo di attenzione.

      Quando il petrolio esce dal terreno deve essere incanalato nei tubi e raccolto. Altrimenti va sprecato o, peggio, se lo 'cucca' qualcun altro (che sia mai un troll).

      Elimina
  5. Eccomunque…. A parte Alberto che nei confronti di Fassina sembrava il Tyson dei tempi d’oro contro uno qualsiasi dei suoi avversari.

    Tremonti, politicamente parlando, è falso come giuda ma chevvidevo dire… a me sta simpatico perché è una persona intelligente e preparata! Ed inoltre ha detto coram populi una cosa di una gravità politica inaudita, certamente a noi qui nota, ma che se compresa veramente dagli storditi, intendo quelli in buona fede tra cui molti Grillini del Castabruttacorruzioneoddiolaspesapubbbbbblica, dovrebbe bastare a scatenare un putiferio d’inferno. Il Valtellinese ha detto esplicitamente che Draghi l’anno scorso ci ha messo nella merda “apposta”, traduco: poteva tranquillamente non farlo, lo ha fatto! Capito ingenui amici ortotteri del settimo giorno? Noi da un’anno (e oltre) siamo sotto tiro per una attacco DELIBERATO alla nostra democrazia, altro che troppi impiegati statali, (non sono un’impiegato statale).

    Mitica successivamente anche la bionda, quella che ha fatto il bagno nell’acqua ossigenata (so che le Femmine del Blog stanno godendo profondamente in questo momento…) quella che insisteva del “Ma Grillo voterebbe la nostra proposta di abolizione del’ IMU”...come disse il piromane alla squadra di pompieri “Ma allora mi volete aiutare a spegnere l’incendio?”. Cazzo ma l’hai appiccato tu l’incendio! L’IMU l’anno scorso chimminchia la votata, fra Cazzaccio da Velletri o, tra gli altri, anche il PDL? Abbionda più che risposte meriteresti un fracco di legnate!

    Eh spero che si apprezzi fino in fondo, l’atteggiamento non sessista; la sto trattando come tratterei un maschio equisminchionante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti la mia preoccupazione è che il M5S altro non sia una fronda del PUD€ concepita per neutralizzare il voto contro l'austerità, imbrigliandolo nel binario morto dell'antipolitica.

      Antipolitica che peraltro è funzionale al principio del "meno stato più mercato". Ne sposa infatti sia le premesse economiche (la colpa è del debito pubblico e del castacorruzionebrutto; la democrazia è vista come un costo ma mai come un principio ed un valore), sia le retoriche politiche (i miti -mussoliniani- della democrazia "inefficiente", del parassitismo pubblico ostativo al benessere generale, dell'antiparlamentarismo militante contro le "aule sorde e grigie").

      Elimina
  6. Prof, ieri sera é stato grandioso, peccato che abbia avuto poco tempo. Il povero Fassina faceva pure pena, si vedeva eccome! che non aveva il coraggio della verità.
    L'ho "scoperto da un po' di tempo e la seguo con molto interesse. Dovrebbe vedere come tanti miei colleghi, a scuola, tutti piddini per la maggior parte, cominciano a vacillare nelle loro certezze nelle accese discussioni su questa Europa e sull'euro.
    La ringrazio per la sua preziosa opera di informazione e per aver puntato sulla semplice e nuda verità: di questi tempi é cosa rara.

    RispondiElimina
  7. Ottimo intervento prof. Come al solito lei è lunica voce sensata nul buio dei luogocomunisti e del terrorismo.

    RispondiElimina
  8. Il bello della Ravetto è che aveva la faccia di quella convinta di aver fatto bella figura.... pensa te

    RispondiElimina
  9. Grande Alberto,la stimo moltissimo..solo mi piacerebbe capire come mai c'e gente a favore dell'euro e altri contro ,di voi addetti ai lavori..come mai lei e Boldrin non la pensate allo stesso modo??mi piacerebbe vedere un confronto,il piu pacato possibile,con lei ,boldrin,Sapelli,Zingales..se dobbiamo capre l'economia macro o micro o reale nn voglio che me la spieghino i politici..posso contarci??avanti cosi cmq Ministro!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da quanto segui il blog? Boldrin è già stato asfaltato, la macroeconomia non è il suo forte (e/o mente sapendo di mentire con motivazioni non proprio edificanti, cerca nei commenti).

      Elimina
  10. Sempre Troppo poco tempo, troppo poco tempo!

    ma possibile che paragone non l'abbia capito che una sparatoria come quella tra'er cavajere nero, tremorti e la fassina meritava almeno 2 ore di trasmissione?

    E invece hanno avuto piu' tempo, sprecato, i 4 insulsi e inutili successivi ospiti.

    Un'argomento come quello di ieri sera, che e' la cosa piu' importante da capire per tutti gli italiani, per prendere
    LA DECISIONE
    necessaria da prendere per uscire realmente dalla crisi, non puo' essere limitato a pochi interventi che per necessita' di cose devono essere sintetizzati in pochi concetti liofilizzati, e che alla massa probabilmente non dicono molto. Se poi vengono urlati sovrapponendo le voci ancora peggio. (manco fosse ballaro')

    Io propongo:
    1) di far tradurre la sfida all'Ok corral di ieri sera in teutonico, e diffonderla il piu' possibile nei media tedeschi, sottotitolando il prof come il quasi certo Futuro ministro delle finanze italiano: sembra che la strada di convincerli a prendere loro l'iniziativa di mettere fine all'euro abbia sempre piu' successo, man mano che ci si avvicina alle loro elezioni...
    magari alla fine provvedera' la merkel stessa, 2 giorni prima del voto, per vincere le elezioni...

    2) di realizzare una versione VIDEO del Tramonto dell'Euro, da mandare in onda piu' e piu' volte su tutti media possibili, soprattutto su web, quelli frequentati da M5S e grillo.
    Ad esempio ieri pomeriggio sulla Cosa hanno mandato in onda un documentario americano con argomento la moneta e la teoria del complotto internazionale per dominare il mondo. Cos'e', siamo noi meno intelligenti degli americani?

    3) proiettare il film in tutte le fabbriche, presenti operai e imprenditori, nelle pause caffe' e pranzo

    4)Imporre Il tramonto dell'Euro come testo propedeutico, con esame di verifica finale, all'ingresso dei deputati e senatori M5S in Parlamento, e la visione della versione video sintetica prima di ogni decisione riguardante decisioni a livello economico

    Ma perche' non provarci? o quantomeno parlarne?
    Si potrebbero coinvolgere tutti i gli ECONOMISTI SERI, quelli che da sempre sono a conoscenza dell'irrealizzabilita' del progetto euro, confrontandoli con le spiegazioni dei politicanti nostrani sulla nostra forzata permanenza in esso

    Purtroppo la diffusione della verita' passa ancora per lo piu' in televisione e sui telegiornali, bisogna ingegnarsi perche' cosi' non basta.

    Possibile che non ci sia tra noi un esperto in realizzazione di prodotti televisivi, multimediali?






    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un concentrato di idee interessanti, come quella di puntare a persuadere i tedeschi ad uscire dall'euro, piuttosto di perdere tempo a convincere i nostri politi-cazzari prezzolati, ripugnanti, ignoranti e inconcludenti!

      Elimina
    2. E il bello è che non sono nemmeno idee mie...

      Elimina
  11. Non ho seguito la trasmissione,stavo impegnato sul fronte di guerra sud ovest,trasmetto bollettino di tre giorni : due impiccati e un ragazzo minorenne ferito con colpo d'arma da fuoco per tentato di furto.Celine, ancora tu?

    RispondiElimina
  12. Se devi fare un confronto sapendo che dovrai mentire, e di fronte a te, sai che avrai "uno" che smaschera le tue bugie con dati certi, con fonti verificabili, e con chiarezza, l'unico risultato che ottieni è quello di renderti ridicolo, di perdere credibilità, di fare figuracce che rimarranno per anni visibili su youtube, di indebolire le tue menzogne, allora l'unica soluzione è non farlo quel confronto.... Se invece lo fai.... probabilmente perché sei disperato. Ieri sera prof. ho avuto questa sensazione.

    RispondiElimina
  13. A me è rimasto l'amaro in bocca dopo la trasmissione: per prima cosa, perchè non è stata data al prof. la possibilità di replicare e spiegare adeguatamente la vera storia della svalutazione del 1992. Secondo:come sempre il prof. ha fatto faville, ma senza una trasmissione impostata come quella di Telenova, dubito che il messaggio del prof. arrivi a qualcun'altro che non stia leggendo il libro o questo blog.
    Terzo: la trasmissione di ieri sera ancora una volta (e non ce ne proprio bisogno) ha fatto passare il messaggio del debitopubblicoecorruzionebruttaecattiva, troppe le voci degli arrabbiati contro lo stato e gli statali, una sola (Il prof) contro le cause strutturali di questa crisi infinita. Il massimo è stato quando un imprenditore del pubblico ha detto che è stanco di sentire parlare dei problemi della macroeconomia, è ora di parlare della microeconomia. Chi glielo va a spiegare che tutti i problemi attuali della microeconomia dipendono da una macroeconomia impazzita sotto l'egida del liberismo e del monetarismo che ha comportato il più grande trasferimento di risorse dal mondo produttivo al mondo della finanza che il mondo abbia mai visto? L'opera di divulgazione deve essere paziente ma anche veloce, perchè prima di far ragionare la maggioranza delle persone, temo che serva un tempo che non abbiamo più a disposizione, prima che qualche solerte imprenditore veneto passi al sangue (con fasci annessi e connessi). Sto cercando di seguire l'ipotesi frattalica di Orizzonte48, ma ho il tremendo sospetto che ci troviamo in una situazione più vicina al primo dopoguerra che a quella del crollo del fascismo... Spero con tutte le mie forze di sbagliarmi di brutto e di brindare prima all' 8 Settembre e poi al 25 Aprile insieme al Prof., Orizzonte48 ed a tutti i lettori di questo impagabile blog.

    RispondiElimina
  14. @Andrea R
    un confronto pacato?
    ahahahhahahahahaha

    premesso che il confronto deve essere tra economisti seri (non Boldrin).. al male non si porge l'altra guancia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Valsandra,
      quando mi escludi il boldrino fognatore
      dagli economisti seri (!),
      tu sfondi un corridoio infinito
      di porte aperte !

      Elimina
  15. La pidddina vien dalla campagna,
    in sul calar dell'economia,
    con la fassina dell’euro; e reca in mano
    una "prostata" per il bastiancontrario Alberto :
    "Verremo da Lei che risolve tutti i problemi!",
    "Verremo da Lei che risolve tutti i problemi!".

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.