MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

venerdì 1 marzo 2013

Attenti al lupo...

Mi affaccio dal camerino di Claudio... In fondo al corridoio Stefano F. mi scorge, fa un clamoroso U-turn e si dilegua... Ma io volevo solo regalargli una copia del libro, for future reference.

La dedica?

"Io speriamo che te la cavi"

(a 'sto giro è 'na palla, Gianluigi non suona e noi non siamo in studio, ma dobbiamo star rinchiusi nei camerini come polli nelle stie...)

96 commenti:

  1. Ma riesci a pubblicare dai camerini della rai?

    RispondiElimina
  2. C'è bisogno der cavajere !!

    Io Fassina non lo digerisco,
    puzza di voltagabbana !!

    RispondiElimina
  3. E' arrivato Claudio,
    devo capire se è l'esplorazione e poi parte l'attacco.

    oppure è l'aviazione ed ora quando arrivi tu parte la fanteria
    corazzata.
    Insomma fate terra bruciata.

    RispondiElimina
  4. La Fassina non mostra imbarazzo solo davanti ar cavajere, ma pure davanti a milioni di italiani in diretta, però, bisogna concederglielo, ci mette sempre la faccia.

    RispondiElimina
  5. Sento rumor di ossa frantumate......
    ti stai divorando la Fassina,
    che spettacolo !!!!

    RispondiElimina
  6. ah beh Prof. magari se non vai in giro con lo spadone e la lancia
    http://t1.ftcdn.net/jpg/00/39/95/06/400_F_39950672_6lqjjgN0WUEgSRSkVPYuIdCpSYFtlk6i.jpg
    Dai si vede così che è un pavido!

    RispondiElimina
  7. Ti vorrei vedere al ministero dell'economia....

    DAMMI TEMPO,DAMMI TEMPO !!


    EVVAI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!111

    RispondiElimina
  8. la fassina ha avuto il coccolone.........
    e ha fatto fare un figurone a tremonti!!!!!!!!!!!
    evvvvai .....................

    RispondiElimina
  9. Ti ho visto sempre da gentiluomo/delicato/educato in tv, stasera invece traspariva grinta e rabbia.

    RispondiElimina
  10. Di solito si comporta così il difettoso.

    Ottimo intervento prof.

    RispondiElimina
  11. Prof solo un grido GRAZIEEEEEEEE!
    Fassina mente spudoratamente, vergogna!!!!!!
    e mi tocca pure avere per amico Tremonti, teribbile!!!!!

    RispondiElimina
  12. Che tristezza Fassina...
    Quasi si metteva a piagnucolare come un bimbo incompreso.
    D'altronde er cavajere nero fa paura quando mena : ))

    RispondiElimina
  13. Il libro glielo doveva tira' ner'groppone, vedevi se si girava.....

    Lui lo sapeva gia' come sarebbe andata, infatti ci è uscito proprio benino...

    RispondiElimina
  14. Sopra il suo nome c'è la scritta "EMERGENZA"?

    RispondiElimina
  15. Poverino Fassina,mi fa anche un po' pena:pensi quanti incubi fa su di lei!Basta guardare la faccia che fa quando lei inizia a parlare...

    RispondiElimina
  16. povero fassina, rischia di fare la fine di fassino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non ci scherzerei tanto...Se Bagnai si crede tanto bravo,che faccia il ministro dell'economia e poi vediamo che combina...Ve l'immaginate?ahahah

      Elimina
    2. "Bagnai si faccia il suo Ministero poi vediamo quanto cresce il PIL" :-)

      Elimina
  17. Gli tremava la voce povero Stefano..

    RispondiElimina
  18. La sinistra di Fassina è inguaribilmente più a destra del liberismo di Tremonti.

    Comunque: colpito, colpito, affondato...

    RispondiElimina
  19. professore, le è rimasta una piuma in mezzo ai denti...

    RispondiElimina
  20. Un momento di rara goduria è stato quando la Fassina le ha detto " Faccia lei il ministro dell'Economia !"

    Risposta del Cavajere:" .. mi dia tempo."

    Daje a ride'.

    RispondiElimina
  21. hai detto bene Bagnai: il sindacato ci ha campato con l'euro, soprattutto con la riforma del TFR con il quale i sindacati non hanno fatto nulla per impedirla, soprattutto nella parte vergognosa del silenzio assenso, anche perchè così a loro conveniva in quanto diventavano loro i co-gestori dei risparmi dei lavoratori. I sindacati si sono trasformati in rentier, ai quali l'euro conviene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa cosa mi piacerebbe che fosse spiegata in maggior dettaglio, non conosco i dettagli della riforma del TFR.

      Elimina
    2. parto dal presupposto che tu sappia cosa sia il TFR.

      Il dipendente che non comunica all'azienda presso la quale lavora l'intenzione di mantenere il proprio TFR in azienda, dove verrebbe gestito con la vecchia normativa che era vantaggiosa per il dipendente perchè garantiva il capitale più un rendimento fissato per legge all'inflazione programmara alla quale viene aggiunta un 2,5 %, lo vede trasferito presso un fondo di gestione o di categoria oppure privato. Nel caso del fondo di gestione di categoria, nella gestione subentrano anche i sindacati. Nel caso di fondo privato è il dipendente che sceglie a quale fondo privato darlo. In entrambi i casi il TFR può anche subire perdite perchè viene usato per investimenti in borsa. Inoltre se il TFR viene gestito dall'azienda (quindi con il vecchio metodo) il dipendente può chiedere l'anticipo sul TFR, quando si licenzia o lo liceziano gli viene versato interamente entro 6 mesi. Nel caso invece dei fondi gestiti, il dipendente non può chiedere anticipi, nel caso di licenziamento non gli viene versato ma solo trasferito da un fondo di categoria ad un altro (ad esempio se eri metalmeccanico e poi passi al commercio e avevi il TFR in un fondo di categoria metalmeccanico, il tuo TFR viene spostato nel fondo di categoria dei lavoratori del commercio, ma non vedi un soldo). Infine, nel momento in cui il tuo TFR passa dalla gestione "all'antica" a quella """"""""moderna"""""""""" non puoi più tornare indietro.

      Infine, la trappola del silenzio assenso scatta anche quando la tua azienda cambia ad esempio denominazione, per cui tu passi dall'azienda vecchia a quella nuova e magari manco lo sai. Ogni volta che cambi azienda, infatti, devi ricordarti di andare dall'ufficio del personale e richiedere il modulo con il quale dichiari espressamente che il tuo TFR NON finisca nei fondi gestiti.

      Elimina
    3. Grazie.

      Mi manca la parte che c'entra con l'Euro però. Qualcosa riguardante i tassi d'interesse? L'inflazione programmata?

      Elimina
    4. Scusate se mi intrometto. Tutto giusto, tecnicamente. Il punto che vorrei porre in evidenza è questo: ci hanno detto di versare il tfr, quindi salario, per garantici una pensione il più possibile vicina a quella "old style". Da allora a oggi hanno abbassato l'aliquota di calcolo (Prodi), spostato sempre più sul contributivo (abbassando ancora l'assegno futuro), dilazionato nel tempo l'ingresso (finestre, sempre più lasche) e, dulcis in fundo, aumentata l'età. A che serve il tfr nei fondi?? Ridatemelo indietro nelle mie tasche, tanto l'assegno è ormai talmente basso che non fa differenza, soprattutto quando non hai lavoro nè in entrata (cfr. disoccupazione giovanile), nè in uscita (esodati, cinquantenni espulsi, incremento dei deceduti non quiescenti nel decile 61-70)! Andrea

      Elimina
    5. beh! torniamo a tutto il discorso fatto su questo blog che con l'euro e la BCE l'obiettivo è quello dell'inflazione bassa, che avvantaggia chi presta i soldi e non chi lavora perchè per tenere l'inflazione bassa devi ridurre i consumi. Chi gestisce i fondi è uno che presta soldi, quindi ha tassi di interesse non decurtati dall'inflazione, può lucrare costi di gestione del fondo più alti (non crederai mica che tutti gli interessi vadano al lavoratore che si fa gestire il TFR da un fondo, vero?). I fondi di categoria sono co-gestiti dai sindacati e dagli imprenditori quindi qualche voce gli andrà pure.

      E intanto il lavoratore si vede un pezzo del proprio reddito giocato al casinò.

      Per maggiori dettagli devi andare sul sito della desinenza in s...enza, che però in questo caso parla di cose che conosce (a differenza di quando parla di macroeconomia) www.beppescienza.it

      Elimina
    6. @andrea

      vedi, il fatto è che questa del TFR è solo uno dei tanti passi che sono stati compiuti e che verranno compiuti per far sì che sempre più risorse vengano convogliate nel settore finanziario. Prima il TFR, poi ti abbasso le aliquote sulla pensione obbligandoti a fare assicurazioni sulla vita e fondi pensione (che sono altri soldi da utilizzare sul mercato finanziario), poi in futuro la privatizzazione del sistema sanitario e della scuola, così ciò che prima ti veniva fornito dallo Stato adesso te lo devi conquistare pagando ogni mese un'assicurazione sanitaria (che non è altro che un collettore di denaro che verrà poi investito nel mercato finanziario) e se vuoi mandare tuo figlio all'università (che nel frattempo è privata) devi accendere un mutuo (di nuovo mercato finanziario). Il sistema europeo si sta cofigurando sempre più ad immagine di quello USA, ecco perchè le elites USA amano l'euro, nel quale l'intervento dello stato è ridotto al minimo indispensabile e si lascia al mercato (dei capitali) la gestione del welfare (che vuol dire che ogni cosa, compresa la pensione, te la devi pagare).

      Mi ricordo un articolo che raccontava come, dopo il fallimento della Enron, un sacco di pensionati la cui pensiione veniva pagata da fondi che avevano azioni Enron in portafoglio, dovettero tornare a lavorare a più di settant'anni perchè improvvisamente non ricevevano piùl'assegno.

      Elimina
  22. Amore. Cazzo, amo l'odore del bitume in prima serata! Stefano Fassina? ASFALTATO !! (o come si dice dalle mie parti: cià fatto la bùa!!!)
    Psiche. Chiuderanno la breccia in men che non si dica. Vomiteranno menzogne a volontà. Saranno giorni durissimi.
    Amore. Ma daiiii, avete visto la sua faccia? Gialla. "..vorrei vedere te al ministero dell'economia, con le pensioni da pagare...ecc.." Si, ma a te non ti ci vedrà nessuno. E' l'inizio della fine, falsi cialtroni. Pregate che non bussi nessuno alla vostra porta, che non sarà il postino...
    Psiche. Rimarrà come uno spunto all'interno di un dibattito tutto su castacorruzzionespesaimproduttiva (e anche ètuttacolpadiBerlusconi).

    Si però stasera vince AMORE.
    Prof., sei grandissimo!! Diretto, conciso, convincente, quello che dovevi dire l'hai detto. In prima serata.
    Non aggiungo altro. Ma stasera è festa.

    RispondiElimina
  23. Mi sono ricordato alle 22 di guardare la diretta streaming su rai2.
    Meno male che ho fatto in tempo a sentire le ovazioni alle affermazioni rivolte da Bagnai a Fassina.

    Purtoppo lo statocastacorruzzzzionebrutto! è ancora dannatamente vivo, mi sembra di constatare.

    Continui a diffondere e difendere la verità.

    Grazie.

    RispondiElimina
  24. Che vergogna Fassina, mentire sulla crisi del '92 in quel modo!
    Fine della stima vigilata che gli concedevo.
    Fine della pietà per questa gente.

    RispondiElimina
  25. E' da un anno che ti seguo, leggendo il blog, anche se non ho mai commentato, e nelle tue apparizioni TV.
    Ho imparato a stimare le cose che sostieni, la tua onestà e il tuo impegno, ma dopo stasera avrei voglia di abbracciarti!!

    Vedere Fassina quasi in lacrime con te e Claudio (e anche 3monti,via)che lo mettevate nell'angolo mi ha fatto un piacere che nemmeno immagini.

    Ho fiducia che voi due collaborerete per non far fallire all'italiana questo che può e DEVE essere il punto di svolta in alto, perchè temo che dopo non ce ne sarà un altro.

    Un Abbraccio

    Alberto

    RispondiElimina
  26. Purtroppo non ti hanno fatto parlare molto ma quel poco e' bastato

    RispondiElimina
  27. Alberto che le diceva (alla Fassina) ... liberati, liberati! Ma lei, niente!
    Sembra che la verità sia assolutamente vietata in casa PD. Che tristezza. La gallina Marta faceva smorfie incredibili, si vedeva che soffriva. Il regista è stato bravissimo e saltava con maestria dal primo piano della gallina Marta/Fassina a quello del pretendente Lupo Alberto. Purtroppo la ritrosia di lei (ragazza morigerata e illibata) non ha consentito che la storia avesse un lieto fine e come tutti sanno, ogni lasciata è persa.

    RispondiElimina
  28. Pravettoni for president!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e Lupo Alberto ministro dell'economia

      (a me basterebbe un posto da usciere, dottò)

      Elimina
  29. Una serata che doveva essere di festa per noi sostenitori in realtà mi ha lasciato l' amaro in bocca.

    Quei continui riferimenti al sangue fatti da imprenditori ed operai mi ha realmente allarmato.

    Anche se è un aspetto che nelle analisi ci sta, ce lo siamo sempre detti e io nel mio piccolo ho cercato di mettere in guardia tante persone sulle tensioni nazionali ed internazionali che questa politica più che miope porta in dote, ecco sentirlo dire in maniera così netta e franca da persone altrimenti, ne sono certo, miti, è veramente un colpo al cuore.

    La sinistra italiana porta sulle spalle vent' anni di menzogne, povertà e miseria per tante persone, tanti elettori che hanno creduto in loro, ma ora rischia veramente di giocare col fuoco perchè la situazione sta precipitando e le cose si muovono alla velocità della luce.

    Per quanto mi rigurda il tempo per rifarsi una verginità è scaduto da molto, mi auguro solo che abbiano in serbo il famoso piano B, anche se per il momento non si vogliono arrendere all' idea di attuarlo...intanto sofferenze, umiliazioni e suicidi continuano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su questo c'è poco da fare. Il fatto è che dalle televisioni mediamente temo che esca un decimo della dolore e della rabbia che monta nel paese.

      Il problema non viene effettivamente nemmeno affrontato, con un dibattito a livello politico davvero troppo edulcorato sull'argomento, come nemmeno esistesse.

      Elimina
  30. Ma che regali....fajelo comprà!!!
    Il primo caso di porci che comprano le perle....

    RispondiElimina
  31. La storia tra il 'centro' e la 'periferia' non ha avuto il finale che tutti conosciamo, nello studio de "L'ultima parola".

    La 'periferia' Fassina ha ascoltato, ha abbozzato, ha vacillato, ha tremato di fronte alle invitanti argomentazioni del 'centro' Bagnai: "Dai piccina di una periferia Fassina. Emancipati, accettata la libertà che deriva dalla verità. Liberati. Liberati. Ti sentirai meglio".

    Niente da fare. La periferia non la dà al centro (la soddisfazione).

    L'inizio del ciclo di Frenkel (che porterebbe la Fassina ad importare capitali di verità e a mandare definitavemnte in crisi la produzione interna delle menzogne griffate PUD€) non ha avuto inizio. Per ora.

    RispondiElimina
  32. Quello é un pavido, ed in futuro dirá che lo hanno costretto, che chi non ci si trova non puó capire. Che lui avrebbe voluto tanto aiutare quei poveri operai, ma si sa, la politica é una cosa difficile, e lui proprio non se la sentiva, no, di mettere gli interessi di quegli operai prima dei dogmi del partito.
    Ed anche lui avrá il posto, il posticino, che merita, nei libri di storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero ma si vede che certe cose vorrebbe urlarle e in qualche modo poco tempo fa le ha velatamente sottintese.

      Lui è quello che mi fa meno rabbia, ma Boccia e Gozi mi fanno letteralmente incazzare!

      Elimina
  33. Ah, un altra cosa.

    Fassina: "Ti farei provare a fare il ministro dell'economia!"

    Alberto Bagnai: "dammi tempo!"

    Forza!

    RispondiElimina
  34. l'immagine dei membri del PUDE nudi con la baionetta in mano quando questo mostro cadrà.....è un analisi lucidissima!

    RispondiElimina
  35. dura la vita dell'attore, prof.
    ore di attesa...
    eheheheheh
    dopo un po', camerino = casa

    RispondiElimina
  36. Airaudo che invoca l'intervento di investitori esteri per salvaguardare i minatori del Sulcis... che squallore! Stavo per dare un pugno alla televisione! Per fortuna è intervenuto er Cavaliere Nero e ha massacrato pure il sindacalista sellino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te pensa sti poracci.Pensano de sta nel giusto,...ce credono!Mica se rendono conto!!!Bah!Schegge della FFtoria.

      Elimina
  37. Il PUDE vacilla, ha perso 12mln di elettori e i tempi sono maturi, forza Prof. non mollare, ora arriva il bello.

    RispondiElimina
  38. a proposito, prof. mia madre non aveva mai visto la trasmissione causa l'orario notturno.
    io e mio padre, prosaici, stavamo vedendo Napoli - Juve. a un certo punto mamma è arrivata di corsa e ridendo: "ma chi è questo che sta bastonando quello del PD, quello... Fassino... Fassina... ma chi è?" e rideva.
    ho cambiato canale: "è il prof. Bagnai, ma', uno serio"
    e lei: "ma è gradioso!" e rideva di gusto.
    mamma ha 73 anni, non sa usare il computer, ma credo abbia acquisito un'altra fan, prof.
    credo le farà piacere saperlo.
    buonanotte.

    RispondiElimina
  39. Pessimo a dir poco Fassina. Mi spiace solo che in studio nel casino non si sia capito forse bene che lo SME era un cambio fisso. Ma la pugna qui durerà ancora parecchio mi sa!

    RispondiElimina
  40. Fassina comunque sembra essere un figura abbastanza debole, sarebbe da usare per mostrare la vera faccia dei piddini......

    RispondiElimina
  41. Mi pare che sia andata molto bene. Un solo appunto: lo "applausometro" può essere un pessimo metodo di valutazione, ma mi par di notare che sparare a zero contro Fassina (o i politici in generale) e le sue (loro) menzogne paghi più che attaccare frontalmente l'Euro, ancora. Non che la opera di "giusta e corretta informazione" non vada proseguita e perseguita, questo è fondamentale e ringrazio il Professor Bagnai per aver iniziato questo importante lavoro, ma magari si dovrebbe riflettere - senza poi risultare in ultratatticismi - sul fatto che non possiamo chiedere a tutti i telespettatori de "L'Ultima Parola" di leggere "Il Tramonto dell'Euro" prima oppure dopo la trasmissione.

    Per ovvi motivi, mi pare pur di capire che gli imprenditori, specie medi o piccoli, sono i più recettivi al messaggio. E' importante continuare a fare come ha fatto oggi il Professore a ribadire che il problema non sono i dipendenti pubblici - contro i quali gli imprenditori nutrono un naturale quanto irrazionale astio data la differenza di incertezza economica - altrimenti si rischia di contribuire a una deriva reazionaria. In relazione al punto di sopra, non è forse ragionevole pensare che un minor attacco frontale verso i politici (a parte quando mentono spudoratamente) può contribuire a diradare la confusione in una fase in cui quest'ultima è così grande, specie a livello mediatico?

    In bocca al lupo e che si continui così, ognuno nel suo piccolo o nel suo grande, che i (grossi) miglioramenti nell'opinione pubblica si vedono.

    RispondiElimina
  42. Bella puntata Alberto.
    Un consiglio anche se difficile da attuare:self control e li fai neri. La tranquillità con cui hai scritto il libro non deve stridere con la rabbia di chi predica il falso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E già tanto che non l'ha preso a morsi. Non so come cavolo abbia fatto. Fassina sa. Come cavolo ci si deve sentire davanti ad uno che mente e che sa di mentire. Davvero uno spettacolo indegno. Pure luogocomunista è diventato pur di salvare le terga al PUDE e a se stesso.

      Elimina
  43. Buonasera Prof.,
    ottimo intervento, non deve essere per niente facile dire cose del genere in questo momento. Grazie per averle dette chiare, nel circo bisogna distinguersi. Fassina sembra sempre sull'orlo di fumarsi un congiuntivo e ho sentito segni di cedimento, inequivocabili.

    RispondiElimina
  44. Mamma mia Prof che mazzate! Fassina... Ad un certo punto sono passato da un'incazzatura enorme ( mente sapendo di mentire!) a un senso di pena misto a disgusto. In pratica lei e Tremonti lo avete asfaltato ( aggettivo perfetto per l'occasione, chapeau a chi l'ha usato prima). Era davvero bello carico ( e pure bello incazzato ad un certo punto...) complimenti Prof e adesso mi raccomando con Borghi, una bella serata etilista per festeggiare!

    RispondiElimina
  45. E su amici non siate troppo impietosi.. dopotutto la Fassina fra un pò sarà per noi solo un (brutto) ricordo. Penso che i più la ignoreranno quando passando per caso davanti ad un centro di igiene mentale la vedranno battere la testa sul vetro della finestra e ripetere continuamente :"O svaluti la monetta o svaluti il salario".
    Siate buoni!

    RispondiElimina
  46. E su amici non siate troppo impietosi.. dopotutto la Fassina fra un pò sarà per noi solo un (brutto) ricordo. Penso che i più la ignoreranno quando passando per caso davanti ad un centro di igiene mentale la vedranno battere la testa sul vetro della finestra e ripetere continuamente :"O svaluti la monetta o svaluti il salario".
    Siate buoni!

    RispondiElimina
  47. Tremonti non si smentisce: mente anche dicendo la verità. Draghi non ha fatto nessun colpo di stato, ha esercitato un potere che aveva, e l'aveva perché gli era stato consegnato.
    Perfettamente a tempo il Prof con la risposta all'imprenditore veneto disperato.
    A questo siamo. Esseri umani disperati, spinti all'estremo in nome di un "grande disegno". Un criminale mette una bomba per ottenere un risultato, sapendo che ci sarà un certo numero di morti. Un ministro fa una riforma cosciente dello stesso fatto, ed è una persona seria e responsabile. Responsabile, già.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, anche Quisling esercitava 'un potere che aveva, e l'aveva perché gli era stato consegnato'.
      Due domande: consegnato da chi e per farci cosa?
      Sarà per via delle risposte che appena recuperate libertà e sovranità la civilissima Norvegia lo ha processato e FUCILATO?

      Elimina
    2. @Jorg der Krampus
      Il potere a Quisling, almeno, lo avevano consegnato degli invasori.
      Il potere a Draghi lo hanno consegnato i "trattati europei" sottoscritti dai NOSTRI soloni.
      Per il NOSTRO bene.
      Qui ci starebbe un "daje a ride", ma proprio non mi viene.

      Elimina
    3. @ Frank
      Non per mettere i puntini sulle u (ü), ma a volere la BCE ed a volerla così, cioè con il compito esclusivo di tutelare la stabilità dei prezzi, cioè minimizzare l'inflazione, cioè tutelare il valore degli enormi crediti che stava e sta accumulando è stata ed è la Germania.

      Negli anni cruciali, quando i trattati europei prendevano forma, la classe politica italiana si è sempre dimostrata un negoziatore debole, incapace di tutelare efficacemente gli interessi nazionali.
      Lo scarso peso dell'Italia sul piano internazionale ha avuto la sua parte, ma anche il fattore umano ha contato non poco.

      Nemmeno a me viene da ridere. Mi viene piuttosto da chiedermi che senso abbia ostinarsi a voler far parte di costosissime baracche internazionali dove l'Italia non è mai in grado di far valere il proprio punto di vista.

      Elimina
  48. a volte sti puddini mi fanno pena..solo per un attimo.ma quanto bisogna essere pagati per prostituirsi intellettualmente a quel livello?mah
    per il sindacalista(ex) non conosco insulti adatti.senza parole

    RispondiElimina
  49. Da quando l'ho visto per la prima volta (circa 7/8 mesi fa) ho compreso e capito tante ma tante cose , che mi vergogno delle palate di sciocchezze che ho detto nei miei 10 anni precedenti...mi scuso per la mia (precedente ..ma ho visto che per molti è ancora attualissima..) ignoranza... Bagnai ministro dell'economia... Io sono dei suoi....fino alla morte...

    RispondiElimina
  50. Sul 92.Fassina sa benissimo,difatti ha lasciato trasparire (per Alberto e Tremonti)l'unica retorica che puo usare contro chi e' competente(che e'la stessa a cui crede)..cioe' il vincolo esterno SME
    .perche si,perche non abbiamo sfruttato il lascito dato dal padre introiettato facendo le riforme perche l'Italia non e'capace di governarsi perche corrotta viziata e lazzarona e i compiti a casa da mostrare al padrone perche lui "storicamente"dimostra che...

    Un misto tra sindrome di stoccolma e sincera cagarella...peccato che il pubblico non abbia colto tanto,troppo preso dalle parole magiche casta corruzzione brutto e unico male

    Una cosa la sporca Lega la ha prodotta negli anni,e ne dovrebbe subire lei le conseguenze...l'alimentazione con le menzogne della rabbia incanalandola sul risvolto solito e voluto..Quello dei dipendenti pubblici 1,5 mln da buttare in mezzo a una strada

    RispondiElimina
  51. Chapeau a cotanta baldanza televisiva, peraltro meritata più che mai. Lei ha detto due cose ma giuste, che di questi tempi è un filotto mica male a cui assistere (giuste a mio insindacabile e antidemocratico parere). Mi avverta quando avrà il coraggio e l'intenzione di candidarsi al dicastero dell'economia, ché avrà il mio appoggio (anche se non conta una beneamata mazza e per questo puramente spirituale).
    Un ingegnere per caso e filosofo per scelta, Paolo Grisanti.

    RispondiElimina
  52. Grazie!!!!!! É stato un vero e proprio psicodramma, con una punta di comicitá quando Fassina ha avuto addirittura un sussulto al veemente intervento iniziale di Messora che sembrava volesse picchiarlo.
    Ho provato quasi un nanosecondo di pena per questa macchietta pagata per difendere l'indifendibile, ma le interviste ai lavoratori del sulcis e agli imprenditori del nordest hanno fatto svanire subito questo sentimento per riportarmi alla realtá e lasciar rifluire la rabbia.
    Non tanto per me quanto per mio figlio, al quale tra qualche anno forse dovró spiegare che non ha un fratellino o una sorellina perché alcuni signori avevano fatto un bel sogno e si erano svegliati troppo tardi (sempre che si sveglino...) e in questo sogno moltissime persone dovevano imparare l'arte della povertá...

    Mi scusi per lo sfogo e ancora grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa te chi in virtù di quel sogno si ritrova adulto con una camera e una culla vuota. Solo un peluche. Poi ci sono i tromboni che straparlano di pace tra nazioni e popoli. Come se evitare un milione di morti e produrre un milione di non nati fosse diverso.

      Elimina
  53. Mi sono letto tutti i commenti, quante risate stanno seppellendo Fassina!
    Su Tremonti sempre stare vigili.
    I suoi alunni sono fortunati, invece che far spendere tanto i genitori per essere indottrinati subdolamente alla Bocconi, in Abruzzo trovano l'onestà ad un miglior prezzo.
    Ha fatto bene Paragone a ribadire che Fassina esternò alcuni punti di vista non straperfettamente allineati col partito, in tal modo Fassina si è dovuto esporre da subito, ed ha scelto la strada dell'uomo di partito che non deve lasciar trapelare nessun dubbio.
    Beh, dopo Boccia ora Fassina, per come li ha asfaltati spero che si ricordino bene quel giorno che verranno assegnati ai lavori socialmente utili a rifare le strade.

    P.S. Dal servizio sulla Finocchiaro, ho visto che a fianco alla sede del PD c'è una filiale della MPS,saranno intercambiabili. E quei brokers,banchieri,speculatori intervistati felicissimi di Monti, che mi vengono a parlare di sacrifici utili e di Monti salvatore, chi più di loro è traditore, una vita al servizio della Germania..

    RispondiElimina
  54. Complimenti al prof per la trasmissione.
    Una nota: più che Fassina, a me preoccupa molto di più l'imprenditore giustamente arrabbiato, ma purtroppo convinto che i problemi si risolvano licenziando 1,5 milioni di dipendenti pubblici....

    RispondiElimina
  55. Ma alla fine è riuscito a darglielo il libro?Se sì mi piacerebbe la descrizione della faccia che ha fatto, contrita tipo culo di gallina?
    Era in difficoltà, non sapeva più a che bugia attaccarsi...che pena!Si vede che sta male con se stesso...

    RispondiElimina
  56. Ma Fassina è il responsabile economico del PD o il suo parafulmine ?
    Poveraccio ieri quante ne ha prese, poi con il patetico tentativo di ricordare il 92 senza menzionare lo SME, ha toccato il fondo. Ora mi sorgono un paio di dubbio, ma non è che lui al FMI faceva il cameriere e Boldrin all'università Amerikena faceva il bidello ?
    Poi devo verificare se alla segreteria dell'università di Bologna c'è un certo Minosse o Manasse.

    RispondiElimina
  57. streaming della puntata:
    http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-562e7042-d847-4816-921b-ec60c4536332.html#p=0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Paolo che ci tiri il bidone? ;-)

      Elimina
  58. ho sbagliato eliminate pure i miei commenti preso dalla foga.. era una puntata vecchia.. sorry!
    :(

    RispondiElimina
  59. che delusione Paragone: se alle menzogne di Fassina sul 1992 avesse dato solo 3 minuti al Professore, oggi avremmo forse un milione di italiani più consapevoli e pronti a venire a cercare un po' di verità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo.

      Forse il conduttore ha altre priorità come la cura del proprio look, perchè non ha fiutato il sangue che stava uscendo dal corpo di Fassina. E invece di offrire la preda al sacrificio finale, ha preferito un'altra strada.

      Consapevolmente o no, ha tenuto un comportamento filo-PUD€

      Elimina
  60. Che tristezza vedere Fassina trasformato in Contezero... Un momento di psicodramma da soap-opera. La cosa non è che mi dispiaccia, ma di una cosa sono certo, Fassina non ha l'indole di Monti. Lui in fondo al cuore sono convinto che stia vivendo un dramma vero personale qualcosa che si rende conto dovrà portarsi addosso tutta la vita. Una cosa che diventa tanto più pesante quanto si senta una diretta responsabilità nel dramma di tante persone comuni che in lui è nel suo partito avevano riposto la fiducia.
    Questa è una cosa dalla quale non si potrà mai liberare e la sua trasformazione in Contezero sembra solo qualcosa che lo aiuta a portare l'immane peso che ha sulla coscienza.
    È più che giusto che paghi per i suoi errori e quelli del suo partito, ma umanamente, è una persona che mi fa tanta tristezza. Nessuna redemptio insomma ma umana pietà quella che i nostri nemici non hanno e della quale questo mondo ha invece tanto bisogno.

    RispondiElimina
  61. Devo dire la verità: a me la puntata ha lasciato l'amaro in bocca. Saranno stati i broccoletti siciliani, o forse le emorroidi. O forse la tristezza di vedere Alberto dover amaramente dar ragione a Tremonti, dover urlare per farsi sentire, avere meno spazio di servizi-fuffa su Napoli, meno spazio di quel cazzone di Pravettoni, con degno finale a sputtanare il ritorno della lira.
    Forse mi son svegliato male, cercherò di vedere i lati positivi: si comincia a dar più spazio a certi argomenti, il prof è sempre maledettamente incisivo nonostante i mille paletti, ma la strada è lunga, spero che il marasma della trasmissione di ieri sia da vedere come un necessario passaggio ad un tipo diverso di informazione.
    Comunque io avrò pure le emorroidi, ma al prof. sicuramente sarà venuta la sciatica: un fottuto sgabello non potevano darvelo? :)
    Saluti a tutti

    RispondiElimina
  62. La Fassina è un giovane Werther che mi incuriosisce assai. Si nota che è tormentato e lo è perchè, visibilmente, capisce.
    Ogni tanto gli scappa la parolina di troppo, pure ieri sera, quando si parlava di uscita dall'euro: 'Si beh in teoria (quel che dice mezzo mondo ormai) è vero'(barlume di scintillio negli occhi->pensiero razionale->no svalutazione moneta, sì svalutazione salari) - attesa di pochi secondi - (occhi spalancati, tubo riattaccato alla nuca, modalità GFogno ON) '...Ma non potevamo andare avanti così, a svalutazione e debbitopubblico!'.
    Credo che uscito dallo studio si rifugiasse in un vicolo a piangere ed autoflagellarsi. Non ha più la serenità del furbo e per buoni motivi.

    RispondiElimina
  63. @Marco Bessi
    Fassina, come ho scritto lo scorso anno, mi sembra double face.. da un lato ha un'anima che riconosce gli ORRORI delle loro politiche mentre dall'altro si ricorda delle sue chiappe che preferisce che poggino su una balla poltrona.. animo combattuto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno Smeagol su cui Gollum riesce a prevalere. Io per Smeagol provo tanta pietà.

      Elimina
  64. Magari è la prassi ma "L'ultima parola" di ieri sera non è ancora presente in archivio: buffo che alla rai invece non manchino di inserire un posto al sole con precisione svizzera.... Sarà deformazione professionale ma l'occhio su quella discontinuità temporale non la digerisco proprio: motivi tecnici? Solitamente la passata programmazione, pur non disponibile, risulta comunque presente. Non può che venirmi in mente

    "Chi controlla il presente controlla il passato, chi controlla il passato controlla il futuro."

    Complottista? Assolutamente no ma, evidentemente per mio limite, m'è difficile escludere la possibilità che Fassina possa essere un rettiliano... fosse altro per il suo colore grigio che mi fa escludere, questo si, che possa essere "illuminato" da qualcosa...

    Un caro saluto

    Simone Restivo

    p.s. Piccola riflessione...avete fatto caso che ogni volta che l'interlocutore è preparato (o quantomeno presente) la matematica non la tira fuori nessuno? Al solito se usa la scienza tanto pe' riempisse la bocca...

    RispondiElimina
  65. Errata corrige... programma presente in archivio anche se dalla programmazione risulta non essere mai andato in onda... il mistero si complica, Novacula Occami!! Temo che l'unico complotto sia la stupidità umana. Al mi(ni)stero non resta che l'inconsapevolezza, la convenienza o una combinazione lineare delle due...

    RispondiElimina
  66. Ciao a tutti,
    dato che per mia scelta non ho il televisore qualcuno sa indicarmi un link con l'intervento di ieri del prof? Ancora non sono riuscito a trovare niente
    Grazie

    RispondiElimina
  67. Buonasera professore e grazie per il suo generoso, competente e assolutamente anticonformista impegno divulgativo che mi ha consentito di trovare conferma (conferma scientifica) alle convinzioni che intuitivamente mi ero fatto sulle ragioni della situazione attuale e sulle possibili vie d'uscita.
    Seguo il suo blog ormai da qualche mese e non manco di provare vera gioia nella lettura dei suoi assidui interventi. Nonostante io non possa certamente essere definito un " illetterato", essendomi laureato in economia politica presso una nota (e ora quasi malfamata) università milanese, devo sottolineare il fatto che le mie nozioni tecniche, fino all'incontro con il suo blog, mi erano state utili solamente per mantenere una certa autonomia di pensiero rispetto alle dottrine imperanti e per impormi, ad un certo punto, l'urgenza di individuare qualcuno, esperto della materia, in grado di aiutarmi a mettere ordine nelle mie valutazioni istintive.
    Quindi Le sono grato dell'aiuto che mi ha dato e che prosegue di giorno in giorno.
    Avendo bene compreso, peraltro, la Sua spigolosità di carattere, sperando di non averLa indotta fino a qui a cestinare questo mio primo approccio, arrivo al sodo ed espongo di seguito alcune considerazioni, forse alla mia portata, sul tema " comunicazional - televisivo" che è oggetto del post in commento.
    Il dato di fatto è che la superficialità, in generale, soverchia la profondità delle riflessioni e delle analisi documentate: raramente il mezzo televisivo consente una informazione degna di essere chiamata con questo nome, spesso accade che l'informazione non sia distinguibile, in maniera ragionata, dalla disinformazione e conseguentemente, l'esito finale, è che ogni fruitore televisivo tende sostanzialmente rimanere della propria originaria opinione così come ogni tifoso calcistico rimane immutevolmente appassionato della propria squadra del cuore a prescindere da come questa abbia giocato la partita.
    Il problema però è che, nel caso specifico, l'immutabilità delle opinioni, trattandosi di questioni di assoluta incidenza sulla vita delle persone, deve essere contrastata in modo efficace e senza alcun ritardo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando faceva l'imprenditore, Silvio B. ero solito 'parlare' alla forza vendita di Publitalia (le trascrizioni dei 'discorsi motivazionali' sono stati oggetto di pubblicazione) a proposito del mezzo di comunicazione, la TV, che dovevano 'vendere'.

      Tra un aneddoto sul cav.Averna ed uno sul colonnello Fiore, il B. ammoniva i suoi uomini ad usare, anche con gli interlocutori delle aziende inserzioniste, lo stesso linguaggio televisivo: "Il pubblico tv ha fatto la terza media. E non si sedeva nemmeno nei primi banchi, in classe".

      A parte il valore dell'aneddoto, si può argomentare anche su un paio di altre cose: forse Grillo lo ha capito prima di altri, che l'approfondimento non si fa in TV (e il successo di questo, come di altri blog, si spiega anche negli stessi termini)?; forse in una società in cui quasi la metà della popolazione è 'vecchia', il mezzo di comunicazione (e non vorrei usare l'espressione 'di controllo') rimane la TV (con audience decrescente ma ancora di massa e destinata a vendere sempre più pannoloni e adesivi per dentiera)?

      Elimina
  68. A quelli che, mentendo sapendo di mentire, affermano che "se finisce l'eruo, finisce l'Europa" (tipo la Fassina), occorre sempre ribattere con i fatti che dimostrano la verità del contrario (L'Europa finisce se l'euro continua).
    Ad esempio, la dinamica del debito pubblico Sloveno è tutta un programma, considerando che questo paese è entrato nell'euroZone nel 2007.
    Adesso mi metto alla ricerca di altri dati: partite correnti, debito con l'estero etc...

    RispondiElimina
  69. BBE (=> BEST BAGNAI EVER !!!)

    Il suo intervento è stato STRAORDINARIO, e sono sicuro che la consapevolezza sta sempre di più entrando nella coscienza degli italiani; ieri sul Corriere.it leggevo un articolo dove si parlava della solita STRONZATA del referendum sull'uscita dall'euro.
    I commenti a seguire però erano interessanti; oltre all'esercito dei parameci piddini, ormai sempre di più in minoranza, tante osservazioni intelligenti sui benefici che avremmo nel tornare ad avere una nostra moneta, etc ...

    RispondiElimina
  70. L'intervento in video clip:

    http://youtu.be/jUg9x0Sn52Y

    RispondiElimina
  71. è rimarchevole notare come Tremonti riesca a fare la figura migliore (economisti esclusi).

    RispondiElimina
  72. Non capisco perchè in questa trasmissione si perseri con la linea "CONTRAPOSITIVA" delle varie interpretazioni o ricette per risolvere la crisi.

    Possibile che Byoblu con le sue interviste a modello MONOLOGO non abbia insegnato niente, meglio 2 ore consecutive di Bagnai senza contraddittorio, e poi la prossima volta 2 ore di Fassina (magari per Fassina bastano 20 minuti)ma sempre senza contraddittorio, e poi saremo noi cittadini comuni a farcelo da soli in contraddittorio.

    Basta con le trasmissioni urlate che ispirano solo alla violenza (verbale) che non portano a nessuna verità, ma porteranno alla fine la gente in piazza esasperata a scontrarsi fisicamente e violentemente gli uni contro gli altri!

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.