MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

venerdì 12 ottobre 2012

Che tajo!

Nun ve la perdete: l'Ultima parola, fra du' orette!

(e la sintesi la trovate qui grazie a byoblu, santo subito dopo. Come vedete, se semo tajati...).

154 commenti:

  1. E che ce lo dice a fare... sto diffondendo a stecca!

    E non si risparmi sugli effetti delle politiche "naziste" UE-BCE applicate alla Grecia, visto che hanno pensato bene di assegnare il Nobel per la pace in Europa....(solo per restare a presente, io quello che è successo con la Yugoslavia non me lo sono dimenticato, qualcuno ad Oslo forse si, o magari ha studiato su un altro manuale di geografia)

    RispondiElimina
  2. Venerdi 12, alle ore 23:25, in telecronaca diretta da Roma, Bagnai - Resto del mondo , valevole per la qualificazione della Coppa Europa.
    Curini aveva un programma formidabile: calze, mutande, vestaglione di flanella, tavolinetto di fronte al televisore, frittatona di cipolle per la quale andava pazzo, familiare di Peroni gelata, tifo indiavolato, rutto libero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vado a vedermi da Claudio Borghi. L'ambiente sarà più formale.

      Elimina
    2. Dopo una pizza con Messora, Alex e Hegel... Siamo nati per soffrire!

      Elimina
    3. Aaargh... registrata? Allora mancheranno i riferimenti alle "chicche" odierne?

      Elimina
  3. Vi siete persi la gioia di corradino mineo e il suo compiacimento per il nobel all'unione europea: simbolo del diritto e della "guerra" alla pace..

    RispondiElimina
  4. E chi se la perde!
    Un abbraccio.
    Trella (ingegnere, ex piddino, lettore di DD, ma soprattutto assiduo frequentatore del suo blog negli ultimi mesi).

    RispondiElimina
  5. Nobel per la pace: il prossimo chi sarà? Hannibal Lecter?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per l'Italia candiderei Donato Bilancia.

      Elimina
    2. Scusate eh, non ve la posso lasciar passare... Bilancia non ne ha ammazzati abbastanza! Lecter forse sì, ma non in modo sobrio!

      Elimina
  6. Risposte
    1. c'ha la faccia proprio! non avrei mai dubitato :D

      Elimina
  7. Risposte
    1. Aspetta... Borghi ha appena visto Boccia! Il meglio deve venire. Intanto Claudio mi mette su twitter di viva forza.

      Elimina
    2. È cinque minuti che ascolto Boccia e già mi viene voglia di compiere un atto criminale...

      Aspetta, aspetta: «... l'alternativa è l'esercito se la facciamo troppo fuori dal vaso». Questo grandissimo pezzo di omissis si permette di minacciare apertamente persino. Ah, ecco, adesso parla quella str... de La7, stiamo a posto!

      Elimina
    3. Mi offendi nei miei sentimenti....

      Elimina
    4. Grande la reazione a Boccia alle parole: "IL SOGNO!!!!!"...grande...

      Elimina
    5. Da Wikipedia, alla voce Myrta Merlino:

      Dopo aver conseguito la laurea in Economia inizia a lavorare per la Comunità Europea... e come ti può sbagliare?!?

      È stata poi autrice di Italia Maastricht (il primo talk show economico della Rai)... e daje. Questa è una di loro: «Noi siamo Euroborg. Voi sarete assimilati. La resistenza è futile.»

      Elimina
    6. Infatti nel momento in cui si iniziava a parlare di divorzio Bankitalia/Tesoro, Lei che fa? Fiorito! Fiorito mio! E l'interessante discussione, che avrebbe dipanato i dubbi sul "ma dove va la spesa pubblica?" finisce là... Professore, alla fine Paragone è venuto subito a salutarla...che impressioni ha avuto dalla trasmissione?

      Elimina
    7. «Noi siamo Euroborg. Voi sarete assimilati. La resistenza è futile.»
      Questa te la rubo e non ti cito neanche (i veri artisti rubano)
      Prof, tropo un grande! Che caciara però.

      Elimina
    8. a professò co boccia te piace vince facile ;-)

      Elimina
  8. Cazzo,
    ma Boccia
    è confessatamente una testa di cazzo !!!

    Ma non ha scampo,non ha rimedio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. approoovo a pieni voti!!!!!! ;)

      Elimina
    2. Disapprovo totalmente! Rispetto per il nemico mandato a combattere la battaglia sbagliata. I vostri insulti, oltre che fuori luogo, sono... vilipendio di cadavere! Il Partito di Destra è morto, non sanno come uscirne, se non diventando piccoli Gauleiter, e ne sono consapevoli.

      Elimina
    3. Curioso sarebbe capire se effettivamente Boccia (e tanti altri) sono davvero convinti della soluzione "controintuitiva" più europa...

      Elimina
    4. Chiedo umilmente venia !!

      Mea culpa,mea culpa.


      Elimina
    5. okay, onore delle armi
      Ma se vogliamo cominciare a ragionare facciamolo rigorosamente a BOCCIA ferma!

      Elimina
  9. la cosa che mi colpisce è che boccia è riuscito a dire praticamente ogni cazzata possibile che lei ha smentito da tempo (con l'apice del "fogno")...sembrava che fosse stato imbeccato allo scopo di far fare bella figura al cavajere nero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono scollati dal nostro dibattito, ma noi siamo molto avanti e anche molto pochi. Proviamo a crescere senza arretrare!

      Elimina
  10. Proff. con un Bagnai cosi,e come far l'amore..Mando a dormire la compagna,oggi voglio il godimento intellettuale..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'altra vedova bianca di Goofynomics.

      Elimina
    2. attento che je ariva boccia in sogno :-)

      Elimina
  11. GRANDE PROF. SEI UN DIO !!!!!! HAI MESSO A TECERE QUELLA SACCENTE IGNORANTE VESTITA DA BAMBILINA RICCASTRA CHE SPARLA SEMPRE A PROPOSITO E SOPRATTUTTO QUEL PIRLA DI BOCCIA!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Povera stella , è un'altra che ha studiato economia con gli inserti di Repubblica.

      Elimina
    2. Ma a quella col tailleurino dovreste voler bene! Mi risulta che sia pidiellina, right? Berlusconi, quando l'ha sentita, si è detto: "Io sono furbo, ma se mi vengono dietro dei pirla simili è meglio ritirarsi." E ha lasciato le chiavi a Pierferdy...

      Elimina
  12. bisogna incominciare a spiegare come funziona ....ugo....

    RispondiElimina
  13. (dopo l'esposizione di una serie di dati funerari sull'economia italiana con il governo Monti, e dopo le parole di Bagnai sull'euro)

    BOCCIA:

    «ma insomma! Io voglio lasciare un sogno ai miei figli: il sogno degli Stati Uniti d'Europa!»

    BAGNAI:

    «ancora con il sogno! Ecco cosa volete voi, voi volete che i cittadini dormano, ma vi do una notizia: I CITTADINI SI STANNO SVEGLIANDO!»

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però, come dicono gli anatroccoli, non ho i tempi televisivi, e non sono incisivo come Donald. Non ho nemmeno starnazzato "Monti criminale".

      Elimina
    2. A me dispiace per figli di Boccia:
      -papa' mi compri la playstation?
      - figiuolo, lascia stare queste stupidaggini, il papa' ha in serbo per te qualcosa di piu' grande.

      Elimina
    3. Professore, "monti criminale" l'ha gridato Barnard avendo in risposta l'effetto opposto. Lei è parso credibile e superpartes, è sicuramente riuscito a innescare il dubbio ai telespettatori. Spero che la invitino piu spesso, magari in prima serata (anche se Paragone sta facendo un ottimo lavoro). Questa è la prima volta che commento ma la seguo da mesi e grazie al suo vangelo ho saputo dare qualche lezioncina (sono un ingegnere, mi piace darle a prescindere da quello che studio, non me ne voglia) a qualche luogocomunista.
      Francesco

      Elimina
  14. Cazzo...anche uno come Boccia insegna.....ditemi dove così evito di mandarci i figli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no uno come boccia pija o stipendio è diverso...magna tranquillo!!!

      Elimina
  15. Boccia ha paura della verita'. Ha capito che il pd e' finito. A proposito, Ferrero ha chiarito la sua posizione sull'euro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiarito è un termine eccessivo. Diciamo che si è capito che lui è per la conquista di Bruxelles, da parte dell'internazionale proletaria, volta a trasformare l'UE in un collettivo borg che sia più a misura d'uomo, più umano, più vero, un collettivo sincero... praticamente gli Stati Uniti d'Europa (Proletaria però).

      Vabbuò, buon pippero a tutti.

      Elimina
    2. Off records mi ha detto che ritiene non sia il momento di combattere questa battaglia politica. Risposta: in effetti, meglio aspettare di perderla.

      Ma anche voi, santo Dio, cosa volete da quell'uomo? È stato ministro di Prodi, quindi complice e parte attiva di questo progetto fascista. Siate umani: dimenticatelo.

      Elimina
    3. "Ritiene non sia il momento di combattere questa battaglia politica". Traduzione:
      - non lo posso fa' perchè se no perdo ogni speranza di rientrare al governo in una coalizione col piddi;
      - e anche se non ci "entrassi", perdo ogni speranza di rientrare in parlamento sfruttando gli scontenti di sinistra piddina (da qui la lotta al fiscal compact scisso dall'euro).

      La cosa interessante è che tale retropensiero può essere applicato a tutte le altre forze politiche non allineate al 100% all'"agenda monti" (idv, al netto degli incidenti di percorso ormai abituali; mutatis mutandis -bravo! Grazie- persino al nuovo "corso" leghista).

      Quanto al mov-ortotteri, la buttano ancor più in caciara: ho notato che la tecnica di grillo è dire 10 proposizioni di slogan retorici collaudati per ogni concetto "significativo", in modo da mascherarne la "superficialità": ma funziona! Oh come funziona!

      Elimina
  16. Ohhh il comunista , se stava zitto e lasciava credere che la risposta fosse nel suo libro ( come aveva detto all'inizio ) ci guadagnava parecchio .
    Menomale ha lasciato questa figura di merda ai posteri.

    RispondiElimina
  17. Incredibile: Boccia confessa!

    BOCCIA: «se falliamo noi resta solo l'esercito»

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto bene!!! Ha confessato ma la gente che era li ha una difficoltà pazzesca a recepire i messaggi!
      Cioè, Bagnai ha detto chiaramente che Monti sta facendo il curatore fallimentare per conto dei Paesi del Nord per riscuotere quanto prima i loro crediti (prima che l'euro vada a p.....e) reprimendo fiscalmente i poveri cittadini italiani, persone fisiche e giuridiche.
      ma la gente si sofferma sulla lega, su formigoni, su quelli che rubano e sbafano....la stessa giornalista di topolino, la biondina, fa la giornalista ma, onestamente, mi chiedo di cosa parli...quella non ha capito un fico secco manco stasera!!!!
      quindi figuriamoci se ha afferrato il messaggio di boccia che parla di esercito!
      ...e guarda caso esiste l'eurogendfor ormai da 5 mesi ed ha, casualmente, il suo quartier generale alla caserma americana Ederle di Vicenza!
      la gente non si sforza minimamente a capire! è testarda, resta sulle sue idee e fila dritto!
      se io avessi sentito quello che ha detto Bagnai stasera a l'ultima parola per la prima volta, a me sarebbero caduti i capelli di botto!!! questi l'hanno ascoltata come se nulla fosse!!!! forse qualcuno ha colto il messaggio, ma ho paura che li in mezzo saranno un 5 o 6, se tutto va bene!

      Elimina
    2. La dott.ssa Merlino ha capito benissimo e l'ha dimostrato. Ma non può fermare il vento con le mani. Riuscirà solo a spettinarsi (rischio che io purtroppo non corro).

      Elimina
  18. Boccia, vabbè, che ti aspetti....
    La Merlino giornalista, e hai detto tutto....
    Ma Ferrero, porello, nun ja fa' proprio, nun c'arriva, sempre sta "terza via".....eddaje, sveja, come dicono a Roma o dde qqua o dde llà...e pubblico da sangue e merda.

    Come sempre tempi troppo ridotti per articolare un discorso argomentato, in tv si devono vendere slogan.

    RispondiElimina
  19. Alberto fai i miei complimenti anche a Borghi visto che ve state a 'mbriacà assieme.

    RispondiElimina
  20. Quando Boccia ha tirato fuori il sogno da lasciare ai figli mi son piegato in due !! La reazione di Alberto è da annali!!

    RispondiElimina
  21. Il governo ,Dio ce lo mantenga nei secoli, ha trovato la soluzione per ridurre gli squilibri strutturali! Profumo intervenendo a un convegno organizzato dagli industriali di prato si è detto d'accordo con il mix taglio irpef-aumento iva ,perchè in fondo sfavorendo le importazioni è come svalutare!
    Peccato che per i consumatori interni, l'iva aumenterà anche sui beni prodotti in italia...

    RispondiElimina
  22. Vabbè, Boccia si era preparato con tanto di domande (da formulare "a prescindere") "lei è un lavoratore a tempo indeterminato? E allora mi spieghi perchè..." : Ma li mortacci tua, c'hai la faccia come er cu! Siete stati voi piddini a fare le leggi sui ricercatori sempre più precari e comunque non le avete cambiate quando siete stati al governo!
    Ma poi che cazzo c'entrava?
    E quella del pubblico colla storia della sopravvivenza solo dentro all'europa se no la Cina ti fa bua!

    Comunque in una trasmissione (post)leghista, con lo scopo di mostrare come "essi" abbiano ancora un senso opponendosi ai "poteri forti", è andata pure abbastanza bene...
    La caciara era perseguita perchè doveva mostrare il livello viscerale del dissenso del "popul"; i ragionamenti erano del tutto secondari se non fuori contesto...
    E nonostante ciò sei quasi riuscito a stanare Ferrero; mica poco (è stato in fondo il più simpatico; forse, ma sono buono, non si rende veramente conto che euro e fiscal compact sono due cose inscindibili)! E pure "il partito unico dell'euro" sei riuscito a piazzarlo!
    Bilancio positivo e un altro tassello del crollo piddino, Ma sarà dura...Anche perchè se "ci pensano i mercati" rischiamo di trovarceli a pontificare ancora sui favolofi anni dell'euro, il fogno infranto dalla speculazione cattiva

    RispondiElimina
  23. Lei era in ottima forma ma la trasmissione è inguardabile... dopo i primi minuti mi aspettavo un grande spettacolo con la distruzione completa di Boccia e la rieducazione di Ferrero e invece niente... una inutile serie di servizi e di battibecchi tra il pubblico. E la biondona sul punto di mettersi a piangere? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sono le regole dello spettacolo! Anch'io vorrei fare un integrale di fantasie di Sweelinck in concerto, ma questo significherebbe odiare il pubblico. Suvvia, siatemi aperti!

      E ricordate cosa mi disse Basilisco a proposito delle basette di Sinn: si criticano le idee, non le persone. Nel caso della dott.ssa Merlino, poi, la persona è evidentemente al di là delle vostre meschine critiche. Non è mica colpa sua se la mamma l'ha fatta bionda! Quindi siate seri, non fate come me.

      Elimina
    2. Mi sono stupita che l'abbiano invitata in una puntata in cui si parlava tanto di corruZZZione. Nonostante questo e i ridotti tempi di discussione, penso che sia riuscito a piazzare due begli interventi.

      Da casa mi è sembrato che il pubblico la sostenesse, mentre si è percepita inequivocabilmente la contestazione a Boccia (nomen omen).

      La dottoressa Merlino è autentica quanto il suo colore di capelli (opera della parrucchiera, la mamma non c'entra).

      Ferrero annuiva quando parlava lei, professore, ma poi ha detto: "Ci sono altri modi di fare politica [...] a me non piace la discussione o è l'Europa, e allora è così, o si esce dall'Europa e non si sa dove si va a finire [...] ci sono delle robe che si potrebbero fare e su cui bisogna fare una battaglia" e mi sono cadute le braccia.
      Non ti curar di lui, ma guarda e passa.

      Interessanti gli interventi di Messora e dell'avvocato Vassalle.
      Alla giovane signorina (leggermente isterica e vestita con sobrietà antiquata per darsi una parvenza di competenza e serietà) del pubblico che teme concorrenza alla Cina, auguro che trovi un bel lavoro a condizioni cinesi (e un bravo logopedista).

      Paragone a me piace, al termine si è visto che venuto da lei: possiamo sperare di rivederla presto in una puntata più in tema?
      Magari nell'introduzione musicale lei potrebbe suonare il clavicembalo (mi perdoni, ma mi è sembrato un pochino impacciato, poi si è ripreso benissimo nel dibattito)
      E quei rimbambiti della 7 cosa aspettano a invitarla?

      Per chi non l'ha ancora vista la puntata è qui:
      http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-2b6eb776-148e-4c45-9049-3c8e3d55f5af.html

      Elimina
    3. Dico solo che questa trasmissione promette ma non mantiene: i preliminari sono stati eccezionali e con lo stesso ritmo, anche con gli interventi del pubblico, avrebbe potuto offrire un ottimo spettacolo e invece niente.

      Noi avremmo voluto vedere scorrere (metaforicamente) il sangue, fino all’ultima goccia! :)
      Il pane manca ma almeno dateci i circenses!

      Non era però una critica a lei: la sua performance è stata eccezionale!
      E’ mancata solo, per ragioni di tempo, la stroncatura delle ultime parole di Ferrero.
      Anch’io ho notato che il suo atteggiamento contrastava nettamente con quello di Boccia, tutto rannicchiato su se stesso, in attesa di quelle mazzate che purtroppo ha scampato.

      Concordo, la biondona, aka la dott.ssa Merlino, è al di là... e se ne rende pure conto.

      Elimina
  24. Confessione agghiacciante.

    Ma bravo, bravo er cavajere nostro! La Tivvù fa spezzatino ma Bagnai è lapidario, e tramortisce i luoghi comuni! Me la immagino quella biondina come dev'essere rimasta sbalordita alla notizia che la Cina c'era già da dumila anni!

    Ma quando il poveretto ha ripescato il FOGNO, quella è stata l'apoteosi! Ma possibile che non avesse mai letto il blog?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la biondina???? ma l'avete mai sentita di parlà prima d'oggi a quella???
      non ne ha mai azzeccata una!
      "hai soldi ma non sai come te li ritrovi e soprattutto non capisci un cazzo????...tipico degli italiani!"

      Elimina
  25. Grazie professor Bagnai per aver cercato di spiegare un poco di economia a gente come Myrta Merlino, la quale conduce quell'ameno programma di varietà tutte le mattine su La 7, programma che con l'analisi politica ed economica ha da spartire quanto la cioccolata ne avrebbe con quella materia organica dello stesso colore, ma dall'odore ben diverso, che tutti conosciamo! In ogni caso lo ha detto lei e lo penso anche io...la gente si comincia a spazientire, perchè comincia a capire che c'è qualcosa che non gli è stato detto. Politici come l'on. Boccia che non riuscirebbe a convincere un ateo dell'inesistenza di Dio, non possono certo sperare di convincere le platee della necessità di rimanere nel "sogno dell'eurozona". Più che un sogno è un "nightmare"...Monti come Freddy Krueger...anzi peggio!!!
    Grazie ancora professore, spero che la invitino più spesso.

    RispondiElimina
  26. Prof, complimenti!

    Per solidarietà tra utenti di netbook in tempo di auterità sono fiero di scriverle dalla macchinetta appena riparata e rediviva (ha il disco fisso di un Ipod, e forse ora crede pure di esser diventato un mac, ma in fondo anche certi deputati Piddini di nome e di fatto credono di essere di sinistra... perchè farne una colpa?).

    Idee sfuse invece sull'Ultima Parola. Innanzitutto bella trasmissione, credo che sia la più democratica attualmente sul palinsesto Rai, peccato solo duri poco e sia trasmessa tardi.

    Il magone mi viene a pensare che mentre lei, o Messora, o molte altre persone di buonsenso e con un minimo di cognizione avrebbere bisogno di tempo per far comprendere qualcosa, mentre i politici sono avvantaggiati: a loro bastano 5 minuti per confondere.

    Certo che il clima mi sembra cambiato, sbaglio o Boccia li presente era un po' in affanno, o forse in imbarazzo? Per un attimo sembrava un pugile barcollante dopo un gancio sinistro ben sferrato. Sarà per quello che Paragone è intervenuto per rassicurarlo?

    Comunque buona prova, spero che qualcuno in più si affacci qui o in tutti quei bei posti sulla rete dove bene o male le verità affiorano.

    Delusione della serata Ferrero, per ovvie ragione. Un po' di quello che si piglia Grillo potrebbero prenderselo i comunisti se solo realisticamente capissero che l'europa non potrà essere qualcosa di vagamente di sinistra, se non forse tra decenni....

    RispondiElimina
  27. Sarei voluto essere lì per fare due domande, una a Boccia, ed una alla bionda (che non so chi sia).
    A Boccia: "bisogna andare verso l'europa politica", dice lui. Il problema è che di europa politica nessuno ne parla! Nessuno parla di quale debba essere la forma di stato, quella di governo, i rapporti tra l'esecutivo ed il legislativo (ad oggi, il Parlamento europeo, quello sì, è solo un costo), e se debba esserci una corte costituzionale. Così come nessuno parla di codice civile, penale o amministrativo europeo.
    E allora di che cosa si parla? Forse di qualcosa di cui nessuno parla perché nessuno la vuole? L'europa politica, sembra essere un classico esempio di pubblicità menzognera!

    Per la sedicente bionda: sono perfettamente d'accordo con il destinare all'istruzione i soldi che Er Batman si è mangiato. Ahimè, a quanto mi sembra di capire, sarebbero però gli stessi Monti e Napolitano a non concordare con questo nobile intento. Perché loro dicono "la politica è corrotta quindi la tagliamo", e tagliare non significa reindirizzare i soldi da un'altra parte. Significa spendere meno e basta.
    Affido, da ultimo, al suo fine intelletto di donna la soluzione di un quesito che da qualche giorno mi tormenta: siamo sicuri che i nuovi politici e statali "pagati poco" saranno talmente fieri della loro povertà da essere incorruttibili? Mi rendo conto che i "pagati molto" non hanno fatto una bella figura. Ma c'è qualcosa che non mi torna......

    RispondiElimina
  28. Proffe stasera alla grande! :-D

    Nel frattempo c'è mio fratello che su "Whatsapp" mi aggiorna da "La Vera Cina" [Cit.] e mi racconta storie di ordinaria inciviltà ma che però non starò qui ad elencarvi (un paio di chicche però si: una che sapeva un pò di italiano prima ha chiesto a mio fratello se per favore poteva farla passare per scendere dal bus e appena lui s'è spostato l'ha mandato a fanculo. Gente che coi Porsche fa inversioni ad U, sfreccia in città, passa col rosso, ecc.).
    Mi racconta inoltre che i controlli dei biglietti sui bus sono in linea con la media europea (cioè non ne fanno, i controllori cazzeggiano alle scale mobili della metropolitana) e la polizia pare non sia granchè cordiale (mi raccontava di un pestaggio con arresto all'Oktoberfest).


    Ma ora, parliamo invece di altre questioni.

    Sempre mio fratello (e chi, sennò?) mi dice che (cito):

    "Tra l'altro ci sono parecchie agenzie che sono riservate ai tedeschi, perchè loro sono a favore dell' Unione Europea. Tipo io ne ho beccata una"

    Bello, no? Ma c'è di più. Pare che se non si sa il tedesco, le possibilità d'essere assunti sono bassissime (mio fratello dice "non ti prendono neanche a pulire i cessi"). Addirittura alcune agenzie negano il colloquio anche per lavori come fare il lavapiatti e la conoscenza dell'inglese per loro è quasi irrilevante, se non fosse giusto per lavori che richiedono la conoscenza della lingua inglese come requisito necessario (aziende che hanno rapporti con Paesi esteri, ad esempio). Conclude dicendo che se non si ha un titolo di studio scientifico/tecnologico o in economia ti considerano come uno del terzo mondo e se non sai il tedesco, non vali un cazzo.

    Ed a volte ti sfottono anche.

    Insomma, pare che il biondissimo, altissimo, bellissimo modello tedesco, metta la gente di pessimo umore. Almeno in zona Monaco di Baviera.

    Ma per ora, vi saluto!

    A presto con le nuove avventure di mio fratello in Cinmania ("La Vera Cina" il Prodi chiamò!) che ora casco dal sonno...

    PS: nella puntata precedente, vi ho raccontato che a mio fratello hanno detto, all'hotel in cui lavora, che non è strettamente necessario che faccia le pause (che gli spettano), ora ha aggiunto che gli hanno anche detto che non è scritto da nessuna parte che debbano mangiare (loro dipendenti) e che devono farlo solo se ce n'è il tempo. E sapete cosa? I proprietari di questo posto, sono spagnoli trapiantati in Cinmania...(perchè, come dicevo, senza lingua tedesca i tedeschi non assumono del tutto).

    RispondiElimina
  29. Come spiegava Pasolini, la televisione è un mezzo strutturalmente fascista e autoritario. Non puó risvegliare. Puó solo narcotizzare e omologare. Tipicamente fagocita l'oppisizione e la neutralizza contenendola. Attenzione al mezzo. La rete, il blog, il libro, la piazza vera, sono mezzi che non strumentalizzano il messaggio, by design. Da preferire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì? Davvero? Allora guarda, facciamo così: tu vai in piazza a giocare a briscola con gli anziani della sezione di Albadorata o quel che l'è, così fai anche un lavoro socialmente utile, e io, che sono, perché è vero che lo sono, un fascista (perché sono violento, stronzo, nazionalista, ecc.) vado a lottare in televisione.

      Lo sai: Siccome una giornata bene spesa dà lieto dormire, così una vita bene usata dà lieto morire.

      Buona notte e buona briscola, intellettuale dei miei stivali (vedi: sono fascista). Salutami quel perdente e vero fascista di Viale, digli che lo aspettano a Irkutsk.

      Elimina
  30. Voglio solo aggiungere una notazione...la trasmissione è forse l'unica che da voce al dissenso, nel mare morto dell'assuefazione allo status quo. Gente come Boccia o la Merlino dovrebbero cambiare mestiere, e lo farebbero autonomamente se avessero l'onestà intellettuale per dare questa svolta alle proprie vite...Ma non lo faranno mai, purtroppo! Per capire i concetti espressi dal prof. Bagnai ci vorrebbe più tempo, e soprattutto ci vorrebbe che nessuno interrompesse di proposito come è successo stasera...ma questo accade quando uno degli interlocutori dice qualcosa che l'altro non vuole venga recepita dal pubblico. In effetti sono ignobili! Stasera li ho odiati! Io sono di sinistra, quella vera, per cui uno come Boccia lo userei per il tiro a segno con le palle di pezza...al Luna Park di una volta si usava: tre palle 100 lire. Purtroppo mi rendo anche conto che gente come Ferrero, che magari sarà anche in buona fede, non è a parer mio assolutamente all'altezza di rappresentare un pensiero critico di sinistra perchè non ha una sufficente preparazione tecnica per parlare di economia in maniera seria. Sono di sinistra ma leggo ed ascolto di tutto, e mi informo senza pregiudizi; ecco perchè apprezzo molto il modo in cui il prof. Bagnai(che certo di sinistra non è, in quanto si è definito lui stesso un "ortodosso" dell'economia) si esprime, in una maniera cioè comprensibile per tutti, e chiara. Peccato che lo abbiano interrotto stasera mentre bastonava l'eurozona...evidentemente dava molto fastidio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdonami, credo che tu abbia difficoltà ad orientarti nello spazio politico. Prima di tornare a intervenire leggi e capisci "Crisi finanziaria e governo dell'economia", così ci capiremo sul termine ortodosso, e, a valle, spogliandoti dal ragionamento per appartenenze, capirai che il problema di Ferrero non è tecnico, ma (nella migliore delle ipotesi) etico.

      Elimina
    2. Aaaaaaaaaahhh [immaginate il tono della sirena di un'ambulanza] adesso ho capito tutto: Bagnai utilizza il vetusto concetto di lotta di classe perché non è di sinistra! Quanto meno non di una sinistra moderna, al passo coi tempi [infami]. Io mica lo avevo capito.

      Ma approfondiamo:

      «Cui Prodest?

      Calata nell’asimmetria ideologica mercantilista (i “buoni” non devono cooperare) e monetarista (inflazione zero) la scelta politica di privarsi dello strumento del cambio diventa strumento di lotta di classe. Se il cambio è fisso, il peso dell’aggiustamento si scarica sui prezzi dei beni, che possono diminuire o riducendo i costi (quello del lavoro, visto che quello delle materie prime non dipende da noi) o aumentando la produttività. Precarietà e riduzioni dei salari sono dietro l’angolo. La sinistra che vuole l’euro ma non vuole Marchionne mi fa un po’ pena. Chi non deflaziona accumula debito estero, fino alla crisi, in seguito alla quale lo Stato, per evitare il collasso delle banche, si accolla i debiti dovuti agli squilibri esterni, trasformandoli in debiti pubblici. Alla privatizzazione dei profitti segue la socializzazione delle perdite, con il vantaggio di poter incolpare a posteriori i bilanci pubblici. La scelta non è se deflazionare o meno, ma se farlo subito o meno. Una scelta ristretta, ma solo perché l’ottusità ideologica impone di concentrarsi sul sintomo (lo squilibrio pubblico, che può essere corretto solo tagliando), anziché sulla causa (lo squilibrio esterno, che potrebbe essere corretto cooperando). Alla domanda di Rossanda “non c’è stato qualche errore?” la risposta è quella che dà lei stessa: no, non c’è stato nessun errore. Lo scopo che si voleva raggiungere, cioè la “disciplina” dei lavoratori, è stato raggiunto: non sarà “di sinistra”, ma se volete continuare a chiamare “sinistra” dei governi “tecnici” a guida democristiana accomodatevi. Lo dice il manuale di Acocella: il “cambio forte” serve a disciplinare i sindacati.
      »

      Albè rassegnati, t'amo stanato: è evidente a tutti oramai che sei un bieco strumento della Reazione.

      [Dice: diBbò perché sei sempre così didascalico? Taci! Il piddino ti ascolta...]

      Elimina
  31. Cmq in quel del fronte piddino: http://phastidio.net/2012/10/09/perche-fassina-ha-purtroppo-ragione/

    RispondiElimina
  32. Trasmissione vista. I diversi momenti di caciara hanno distolto l'attenzione da argomenti che sarebbero stati molto più densi. Era prevedibile e tale è l'arena televisiva. Lei professore come sempre affabile, gustoso e spassosissimo (la prego disapprovi questo grave episodio di palese lecchinaggio per scansare gli eventuali detrattori). Mi auguro che l'editore stampi il suo libro nei tempi più celeri. Da quando il prof. Cesaratto ha presentato "Oltre l'austerità" in Senato, Bersani, manica a mezzo braccio d'ordinanza, cravatta allentata e sofferente in salivazione, gira sempre con le mani in tasca ed è tutto un gratta gratta nelle parti intime mentre Stefano Fassina sembra sia stato colto da labirintite. Piano piano i frutti sembrano maturare, e credo che la sua opera divulgativa sia stata davvero preziosa. Per me, per lei, per tutti i nostri cari, e pure per la figlia di qualche preclaro genitore di fervente e fantasiosa creatività onomastica che si ritroverà a vivere in Italia piuttosto che nel sogno degli Stati Uniti di Europa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E certo che oltre l'austerità era un testo coraggioso, che paura deve aver fatto a Bersani! A me hanno fatto correggere la frase dove dicevo che gli interventi della Bce sono inutili, perché c'era qualche granotelista (o ferroporcista?) che diceva il contrario. Chi aveva ragione? Non so, guardate lo spread, e soprattutto cosa misura!

      Ma ne riparleremo, perché se la situazione non si smuove è colpa anche di certi tentennamenti e di certi opportunismi. E io non ce la faccio più a sopportarli.

      Elimina
    2. MJJ,

      e non hai letto ancora gli articoli di Lanfranco Turci, quelli fanno molta paura. Te li consiglio vivamente, perché Turci è uno che non le manda a dire, ma va detto che il 90% delle volte è perché non ne ha da dire.

      Elimina
  33. Grande prof. Prossimamente su questi schermi, sicuro.

    Magistrale la devastazione chirurgica del Boccia, ormai irrecuperabile alla società. Al solito pensava di aver buttato la palla in corner, mettendola sul personale ed evocando il Sogno degli Stati Uniti d'Europa da lasciare ai figli (possibilmente funzionari di Bruxelles), senza rendersi conto che era invece un retropassaggio a porta vuota. Colpo di tacco no look e il Boccia s'è svegliato dal Sogno.

    Inciso.

    La posizione ufficiale di Rifondazione Comunista sull'euro, credo all'insaputa del suo segretario, è che "della bomba atomica non si deve parlare finché non scoppia". E infatti stasera Ferrero su sollecitazione del prof ha inizialmente abbozzato - "certo, certo, son d'accordo (con te ma non con me stesso...)" - per poi rettificare sul finale secondo la linea del partito, ricordando come "anche rimanendo in questa Europa ci sono tante cose da fare, il referendum sulla riforma delle pensioni Fornero, il referendum sul Fiscal Compact (che riguardando un trattato internazionale sarebbe incostituzionale, e Ferrero lo sa benissimo)". Per la serie: "c'abbiamo ancora un ruolo noi! Abbiamo ancora tante cose da dire!". Nell'euro.

    E troppo comodo amico mio: mi tengo il solito schema di gioco, vado di rimessa e non mi espongo finché non "scoppia la bomba"! E poi che metafora infelice, e rivelatrice: come se l'Europa del dopo fosse destinata a un inverno nucleare, macerie e devastazione. Una idea alquanto pessimista della Liberazione, per un Comunista poi! La realtà è che quelli non hanno uno straccio di idea o progetto, fossero almeno anticapitalisti, lo capirei pure. Ma manco quello! Che sò comunisti a fà? Bho. Ricordano il Manifesto...

    Pappagalleggiano il Front de Gauche francese nella forma (Federazione della Sinistra) e nei contenuti (le capriole dialettiche di Mélenchon&Co sull'euromalacolpaèdelneoliberismo), sperando che dopo tanta austerità "de destra" l'onda rossa del popolo parta da Parigi (al solito) e venga poi a levargli le castagne dal fuoco qui in Italia. Le anime belle con il Sogno internazionalista in testa - a ognuno il suo Sogno. Ciò non toglie che potrebbe essere proprio il peso della "eccezionalità" francese nell'Europa politica a causare la fine anticipata dell'eurozona.

    PS_Prof, non è questo il post dove affrontare il tema, ma capisco perché tempo fa mi aveva cazziato sull'uscita dall'euro a destra o a sinistra, ricordando la discussione in Francia. Avrei dovuto leggere la posizione sull'euro del Parti de Gauche di Mélenchon, se ne riparla...

    RispondiElimina
  34. Non ho visto la trasmissione, ma mi colpiscono le descrizioni contrastanti che ho trovato in ALCUNI commenti. Mi riferisco ovviamente alla questione di quale tra 'bionda', 'biondina' e 'biondona' sia la designazione più appropriata per Myrta Merlino. Come decidere il termine più appropriato: l'età, la circonferenza vita, il timbro della voce?

    Siccome non ho mai visto Myrta Merlino ho imparato che è bionda, un'informazione che spero di aver dimenticato già il prossimo lunedì. O forse avrei dovuto dire che "non ho mai messo gli occhi su Myrta Merlino"? E se mi fosse capitato di vedere "la bionda" e di perdere un po' il filo? Niente di grave, "tanto la bionda non capisce niente"?

    Troppe domande, ma la cosa che più mi interessa sapere è se almeno Bagnai si è divertito.

    RispondiElimina
  35. Professore, complimenti anche da parte mia!

    L'ho seguita insieme ad alcuni amici ed a fine trasmissione la considerazione è stata unanime: lei, rispetto a quasi tutti i presenti in studio, si è mostrato di un'altra categoria. Soprattutto morale! Nonostante i tempi televisivi imponevano una drastica sintesi di qualsiasi concetto si intendeva esporre, lei, a parer mio, ha fatto pieno centro: il suo pensiero è arrivato a solleticare le corde che dovevano essere solleticate. E da lì poi lo spettacolo. Sto ancora decidendo se ritenere più divertente il sogno degli Stati Uniti d'Europa, da regalare un giorno ai miei figli e a quelli dell'On. tuttologo esperto di non si sa bene cosa, oppure se orientarmi verso una osservazione nettamente più autorevole, suffragata da studi e ricerche ventennali, ma che dico, trentennali, ed ostentata con pacatezza e garbo dalla biondina: "dove andremmo noi, piccola Italia con la nostra misera liretta, di fronte a colossi come Cina e USA?". Due anelli successivi della stessa catena: il piddino abituato a fare discorsi sui massimi sistemi, ideali per gettare una sufficiente dose di fumo negli occhi degli ascoltatori, e la giovane ragazza, suppongo studentessa, ansiosa di emularne le gesta e caricata con la cordicina per recitare "più Europa più Europa più Europa". Nonostante si trattasse di due avversari piuttosto semplici lungo il sentiero della informazione informata e verso l'obiettivo della verità, lei è risultato cento volte più credibile di loro.

    Vede, io la voglio ringraziare. Le premetto che sono (stato) un suo studente. In primis le dico grazie per avermi fatto appassionare in un modo che mai avrei pensato alle sue materie. Questo penso sia il massimo per un Professore. E poi, grazie ancora: lei è un grande esempio per tutti coloro, soprattutto noi ragazzi, i quali desiderano pensare con la propria testa e cercare di affermarsi per le proprie idee, conoscenze, competenze, piuttosto che essere continuamente manovrati dal burattinaio di turno. Per questo ho provato una punta di orgoglio quando, vedendola lì in televisione, mi sono rivolto a mia mamma dicendole: "Mamma, hai presente il Professore di cui spesso ti parlo? E' lui".

    Buona giornata :)



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il solito lecchino (diceva quello). Ma leccavi a PE o nel covo di piddini? E quanto hai preso?

      Elimina
    2. Beh Prof, il massimo ho preso, altrimenti mica avrei leccato così tanto... Eheh :)

      Scherzi a parte, dovrebbe vedere quanti miei colleghi dell'UdA hanno condivido e commentato (nei social networks) la sua partecipazione alla trasmissione. Ora aspettiamo di vederla di nuovo in tv, magari a Servizio Pubblico. D'altronde dopo un'oretta trascorsa quale vicino di banco del rosso Ferrero, Santoro non dovrebbe essere un grosso problema :)

      Elimina
  36. Mannaggia che ero di turno...me la guardero via web,comunque vedo dai commenti quanto abbia combattuto..mi unisco ai ringraziamenti

    RispondiElimina
  37. Anche io mi associo ai complimenti, Alberto.

    Purtroppo questo tipon di trasmissioni non sono fatte per chiarire le questioni, ma solo per consentire di accennare i diversi punti di vista.

    Mi auguro che ti concedano in futuro degli spazi di approfondimento veri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io no. Di lezioncine ne faccio già abbastanza in classe, dove mi diverto, ma meno che in mezzo a quella gran caciara.

      È anche divertente il fatto che parlate di televisione come se la vedeste per la prima volta! Io sono due anni che non la guardo, ma era così anche due anni or sono. Quindi, cosa vi aspettavate?

      Elimina
  38. ho visto la trasmissione ieri sera, rispetto ai precedenti interventi televisivi in cui era paziente e leggermente diplomatico per cercare di spiegare dei concetti, stavolta l'abbiamo vista in versione "tanto è come dico io, se lo capite bene se no andate a quel paese! capirete poi". Ache la posizione in cui stava seduto, gambe incrociate larghe e braccia aperte, esprimeva questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo sembrate privi di educazione musicale. Secondo voi Frans Bruggen sarebbe stato un buon musicista se avesse portato il suo Bressan alla Tonhalle e avesse suonato (a 415) la re minore di Telemann DURANTE la Nona di Beethoven!

      Ovviamente bisogna adattarsi al contesto. Dove c'è tempo e modo si argomenta, dove non c'è si combatte. Ma mica mica avrete creduto a quei cretini degli anatroccoli che starnazzavano "Bagnai è troppo accademico"? Porelli...

      Elimina
    2. infatti ho apprezzato la sua versatilità. Tutti i metodi sono buoni se servono a realizzare il sogno: regalare ai nostri figli un mondo dove i piddini se ne stanno zitti e la piantano di ripetete I soliti luoghi comuni

      Elimina
  39. Se chiedere è lecito e rispondere.....
    Pura curiosità:
    Qui abbiamo tutti apprezzato i suoi interventi (48 anni impiegato laureato nel 1991, mai avuto il piacere di incontrare anche casualmente il Professore), ma lei? Si è divertito? E' rimasto soddisfatto dalla sua "prestazione"?
    Se ritiene inappropriata la richiesta la cestini senza indugio.
    Cordiali saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si vedeva? Paragone è simpaticissimo e c'erano tante belle ragazze. Cosa vuoi di più dalla vita?

      Elimina
    2. Un nuovo matrimonio Banca d'Italia Tesoro e la mia svalutabilissima vecchia liretta old sudamerican syle

      Elimina
  40. Un Sogno? Si il sogno di un uomo ridicolo . Questi sembrano sogni fatti sotto l'effetto di oppiacei o di lsd, più che altro.
    Cosa potrebbe mai insegnare Boccia? Marketing applicato alla smorfia napoletana? Questi spacciatori di sogni dovrebbero rendersi conto che non è pù tempo per loro.
    Quando ha tirato fuori dal cilindro i precari lo avrei voluto disintegrare, ma non lo sa questo megadisinformato che molti precari sono diventati disoccupati a tutti gli effetti?
    Sulla donne mi astengo, per solidarietà femminile, dico solo che le quote rosa potrebbero essere rappresentate meglio.

    Ps. mannaggggia volevo commentare in real time ma ho una connessione più scarsa di Boccia, quindi cercate di comprendere il dramma che vivo.
    Lo sa che avrei preferito Fassina? Un po' più preparato, c'è più gusto.
    Buon lavoro( waiting for Fassina)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la tua connessione però ha margini di miglioramento :-)

      Elimina
    2. grazie:) ma mica ce lo so, è una lotta fra giganti.
      1h per 3 frasi ,per dire, è un record di improduttività: la dovrei disintegrare, senza indugio.

      Elimina
  41. "ed e' sempre stato facile fare delle ingiustizie prendere manipolare fare credere ma adesso state piu' attenti perche' ogni cosa e'scritta" ma il testo de "gli spari sopra" per caso l'ha scritto lei?
    Mi è sempre piaciuto Paragone e ora ancora di più, puntata godevolissima che ha raggiunto il suo apice quando Boccia ha nominato il sogno europeo, non ci volevo credere!
    Lei ha potuto dire tante cose, anche se lo spazio era limitato, ma spero che abbia dato lo spunto agli spettatori per approfondire le quastioni accennate.
    E mi è sembrato di capire che non c'è stato il tempo di far parlare altri ospiti, forse il dibattito continuerà la prossima settimana.

    RispondiElimina
  42. BENE PUBBLICO & PUBICO PRIVATO

    Strana la storia dell’ evoluzione dell’ ESSERE che attraverso il LINGUAGGIO ha trasformato l’armonia della “meccanica celeste” in “realtà marrone”.

    Basta aprire le pagine di cronaca, sport, politica e affari e leggere, lettura anche “leggera”, o "vedere" unca corrida televisiva per scoprirne la trasformazione antropologica.

    Non ne è mutata, darwinianamente, l’immagine: sempre due gambe, un tronco, due braccia ... una testa.

    Per oggi basta leggere le memorie di costituzione in giudizio della Procura di Palermo di fronte alla Consulta per il conflitto di attribuzione sollevato dal presidente della Repubblica:

    “Un’immunità assoluta può essere ipotizzata per il Capo dello Stato solo se, contraddicendo i principi dello Stato democratico-costituzionale, gli si riconoscesse una totale irresponsabilità giuridica anche per i reati extrafunzionali ... e una tale irresponsabilità finirebbe per coincidere con la qualifica di ‘inviolabile’ che caratterizza il Sovrano nelle monarchie ancorché limitate”.

    Per oggi basta leggere le dichiarazioni d’amore di S Marchionne per il algido cooptato ragioniere della svendita dei beni comuni: ”Spero che Monti stia in carica per sempre”.

    Ora credo sia chiaro anche al più stolto dei sudditi e, nei confini continentali, dei Untermenschen cos’è “mutato” nelle rappresentazioni della Carta Costituzionale degli stati democratici e di come vengono amministrati: BENI PUBBLICI semanticamente trasformati in PENI PRIVATI.

    Io, per oggi tra le immagini di una Christine Madeleine Odette Lagarde (FMI), del retorico Jose Barroso (presidente della commisione UE, Nobel per la pace) e dei fuochi greci di piazza Syntagma, mi dedico alla rilettura di M Allais, il fisico del pendulo “paraconico” e Nobel per l’economia nel 1988 che raccontava che “l’attuale creazione di denaro dal nulla operata dal sistema bancario è identica alla creazione di moneta da parte di falsari. La sola differenza è che sono diversi coloro che ne traggono profitto.”
    Il ricordo e la MEMORIA male non fanno.

    That’s all, folks!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La FED è privata, la BCE è privata, tutte le singole banche centrali europee sono private, ossia società per azioni, il cui fine non è il bene comune dei popoli europei, ma il bene dei propri azionisti... C'è bisogno di aggiungere altro? Apprezzo quanto scritto dall'autore del presente post.

      Elimina
  43. Sono un operaio ke ci tiene nel ringraziarla per questo splendido blog e x la sua professionalità e competenza...la seguo cn ammirato interesse da molti mesi. Grazie Prof.

    RispondiElimina
  44. Scusi professore, ho letto adesso il suo commento, e ammetto di non aver letto "Crisi finanziaria e governo dell'economia". Sicuramente ho frainteso il termine ortodosso, che ho usato semplicemente riportando una sua frase presa dalla bella intervista rilasciata a Claudio Messora, che io ho apprezzato molto. Le sarei grato allora se lei stesso mi spiegasse cosa intendeva, per ortodosso e, e glielo chiedo in maniera sincera, senza ironia e senza altra motivazione se non quella di comprendere il reale significato che lei dava a tale termine in riferimento se stesso. Io la conosco da poco, quindi mi scuso se posso aver compreso malamente il senso di una sua frase. Probabilmente se fossi uno dei suoi allievi o comunque una persona che da parecchio tempo legge quello che scrive od ascolta quello che dice non potrei facilmente fraintendere ciò che lei intende. Riguardo invece al discorso che ho difficoltà ad orientarmi nello spazio politico, sicuramente sarà vero nei suoi confronti, perchè come le ripeto, la conosco appena, mentre riguardo ad uno come Ferrero mi permetta di dissentire. Non mi piace lui, non mi piacciono tanti altri politici che si definiscono di estrema sinistra, ma che eticamente, come dice anche lei, non lo sono. Ferrero lo conosco abbastanza, e ripeto il mio giudizio su di lui: non mi da l'impressione di essere in malafede, quindi a mio avviso sarà anche eticamente meno esecrabile di altri, ma non ha lo spessore culturale per fare il leader,a parer mio. Poi magari lei potrà addurre mille motivazioni in più per ribadire il giudizio che mi sembra estremamente negativo, su Ferrero, ed in tal caso ne prenderò atto senza problemi. Io più che come una cattiva persona, lo vedo come una persona non capace...
    In ogni caso professore, a me ha fatto piacere vederla ed ascoltarla in televisione,e del resto l'ho apprezzata prima ancora che nella trasmissione di ieri sera, qui in rete, a partire dalla lunga intervista "Ce lo chiede l'Europa". Ho voluto intervenire su questo suo blog unicamente perchè credo che sia importante confrontarsi e conoscersi, ma anche perchè mi faceva piacere l'idea di poter scambiare due parole con lei, come dovrebbe accadere fra liberi cittadini...cosa che accade sempre più di rado.
    Le rinnovo il mio apprezzamento per il fatto che lei qui in Italia, assieme a pochi altri si oppone a questa dittatura europea, con voce forte e chiara (finchè la faranno parlare) cosa che faccio anche io, umilmente, nel mio campo (che non è l'economia).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ortodosso è da riferirsi a economista: la scuola di pensiero economico keynesiana, a cui Alberto appartiene, è classificata come ortodossa (o mainstream).

      [Quindi diBbò mi stai dicendo che chi chiama Bagnai eterodosso ha le idee lievemente confuse? Hai capito bravo!]

      Elimina
    2. Grazie! Finalmente ora ho capito! Se il professore avesse detto di essere keynesiano non sarei caduto nel fraintendimento.

      Elimina
  45. Son crollato alle 00.45... Dopo il servizio su Montepaschi. La faccia di bronzo di Profumo ha su di me un effetto soporifero.
    Non avevo mai visto la trasmissione, mi è piaciuta molto l'anteprima, con Paragone alla chitarra, il gruppo, e i vari interventi, tra cui, quello del Prof al microfono.
    La caciara del dibattito mi è piaciuta meno; son d'accordo con tutti i goofynomisti che hanno giá detto che gli interventi del Prof Bagnai necessiterebbero di maggior tempo.
    Ho particolarmente apprezzato la sua risposta alla ragazza luogocomunista ( la Cina esisteva giá 2000 anni fa) e come ha seppellito il sogno di Boccia sotto una risata!!!
    Comunque in un'arena del genere bisognava attaccare ed essere aggressivi : direi missione compiuta al 100%. Alla prossima Professore!

    RispondiElimina
  46. Salve professore i miei più vivi complimenti per gli interventi molto interessanti di ieri. Non la conoscevo,ma adesso inizierò a seguirla. Grazie ancora

    RispondiElimina
  47. Uhmmm stay in the bell prof (Stai in campana)

    Non era Hegel quello a capotavola! Era Anakin Skywalker che sta per essere cooptato dall'oscuro Signore dei Sith! C'vavea pure la spada laser tascabile .... formato pacchetto di sigarette!

    Sono ritornato a casa giusto in tempo, che in inglese si dice .. Just In Time... per vedere il termine dell'intervento di Messora e poi tutto quello che seguiva!

    Paragone è simpatico, ma quando si è messo a litigare (giustamente) con i suoi compagni di partito Leghisti (pensavo fosse un ex...) mi ha ricordato, cambiate le mutande (Mutatis mutandis) Fassina che discute con Letta.

    Ma io sono una carogna sospettosa! A prtoposito, nel battibecco tra Alberto e Zedda Piras (La Mirta...mi piacerebbe conoscere sua moglie...) la prevalenza del volume microfono è sytata data a quest'ultima!

    Ma io sono sempre una carogna sospettosa!

    Alex (Obi Wan Kenobi)

    RispondiElimina
  48. Tutti a parlar male del povero Boccia che invece ha detto, secondo me, la cosa più informativa della serata (informativa è qualcosa che non sai e non ti aspetti).
    L'esercito per le strade.
    Quale esercito? Piano Solo o Fall Achse? La prossima estate, come d'uso? Sono MOLTO curioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io sono curioso, ma l'argomento esercito mi fa ben sperare. Questa è l'ULTIMA minaccia possibile. Oltre l'esercito? Altri argomenti? Altre paranoie da istillare? Credo abbiano raschiato il fondo. E lo sanno

      Elimina
    2. Forse si tratta della gendarmeria europea EGF,( European Gendarmerie Force)?! Il Quartier Generale (Head Quarter) è la caserma Chinotto di Vicenza, in quella zona ha anche sede il Coespu (centro di eccellenza per le stability police units). Forse a questo si riferiva incosciamente il Boccia...Esiste già dal 2003...e non è una bella cosa saperlo.

      Elimina
    3. Mi permetto solo di aggiungere ciò che ho trovato recentemente sul web, riguardo all'EGF...e vi assicuro che c'è poco da stare allegri. Sono notizie riguardanti lo statuto che ne regola la disciplina. Preciso che dell'EGF nessuna fonte di informazione generalista ha mai parlato, cosicchè i cittadini italiani ed europei ne sono in massima parte all'oscuro. Letti i seguenti articoli che ne disciplinano le mansioni ed i poteri, mi viene in mente la Gemeinse Staat Polizei, più comunemente e tristemente conosciuta come Gestapo:
      Eurogendfor è nata in Olanda il 18 ottobre 2007 col «trattato di Velsen» (uno dei tanti trattati di cui i cittadini non sanno nulla), firmato dai Paesi che sono dotati di Polizie militari: Francia (Gendarmerie), Spagna (Guardia Civil), Portogallo (Guardia nacional) e Olanda (Marechaussée) e ovviamente, per l’Italia, i Carabinieri.
      Chi comanda su Eurogendfor? Un comitato interministeriale (orwellianamente CIMIN) con sede pure a Vicenza, composto dai rappresentanti ministeriali dei Paesi aderenti (per l’Italia, Difesa ed Esteri). Questo CIMIN esercita in esclusiva il «controllo politico» sulla nuova Polizia militare e decide di volta in volta le condizioni di ingaggio di Eurogendfor; e al Cimin solo Eurogendfor risponde. In altre parole, Eurogendfor non risponde ad alcun Parlamento, nè nazionale nè europeo.

      E se già così la cosa appare di una gravità assoluta, (una forza di Polizia militare sovranazionale che non risponde delle proprie azioni ad alcun parlamento, ma solo ad un comitato interno) è leggendo il disegno di legge numero 3083 - A, passato al Senato (anche in questo caso nel più assordante silenzio) il 4 marzo 2010, che si coglie la assoluta pericolosità di tale struttura.

      Infatti leggendo gli atti si scopre che la Eurogendfor (già assolutamente attiva e funzionante benché l’Italia ancora non abbia ratificato), SOSTITUENDO e/o rinforzando le forze di polizia aventi status civile, può compiere un ampio spettro di attività:

      - garantire la pubblica sicurezza e l’ordine pubblico;

      - eseguire compiti di polizia giudiziaria;

      - monitorare la polizia locale nell’adempimento dei propri servizi

      - compiere investigazioni criminali

      - dirigere la pubblica sorveglianza

      - regolamentare il traffico

      - operare come Polizia di frontiera

      - acquisire informazioni e svolgere operazioni di intelligence

      - proteggere la popolazione e la proprietà,

      - ecc..


      Ma ancora non basta, perché questa super Polizia sovranazionale gode anche di una sorta di totale immunità a livello internazionale. Infatti, leggendo il trattato si apprende che:

      Articolo 21) i locali, edifici, archivi (anche informatici ed anche se non ivi presenti) appartenenti ad Eurogendfor sono inviolabili;

      Articolo 22) le proprietà ed i capitali di Eurogendfor sono immuni da provvedimenti esecutivi dell'autorità giudiziaria;

      Articolo 23) tutte le comunicazioni degli ufficiali di Eurogendfor non possono essere intercettate;

      Articolo 28) i Paesi firmatari rinunciano a chiedere un indennizzo per danni procurati alle proprietà nel corso della preparazione o esecuzione delle operazioni. L’indennizzo non verrà richiesto neanche in caso di ferimento o decesso del personale di Eurogendfor;

      Articolo 29) gli appartenenti ad Eurogendfor non potranno subire procedimenti a loro carico a seguito di una sentenza emanata contro di loro, sia nello Stato ospitante che nel ricevente, in uno specifico caso collegato all’adempimento del loro servizio.


      E’ stata, in altri termini, creata una sorta di struttura militare sovranazionale che potrà operare in qualsiasi parte del mondo, sostituirsi alle forze di Polizia locali, agire nella più totale libertà (leggi immunità) e che, al termine dell’ingaggio, dovrà rispondere delle sue azioni al solo comitato interno.

      Elimina
    4. Sulla reintroduzione della pena di morte prevista dal trattato di Lisbona ”in caso di guerra o pericolo minaccia di guerra…ma anche per reprimere rivolte e tumulti

      »Die Grundrechtecharta ermöglicht ausdrücklich in den aufgenommenen ›Erläuterungen‹ und deren ›Negativdefinitionen‹ zu den Grundrechten, entgegen der durch das Menschenwürdeprinzip gebotenen Abschaffung der Todesstrafe in Deutschland (Art. 102 GG), Österreich und anderswo, die Wiedereinführung der Todesstrafe im Kriegsfall oder bei unmittelbar drohender Kriegsgefahr, aber auch die Tötung von Menschen, um einen Aufstand oder einen Aufruhr niederzuschlagen.

      Karl Albrecht Schachtschneider, emeritierter Professor und Staatsrechtler

      Elimina
    5. Abbiamo ancora un margine di difesa, a mio avviso. Eurogendfor è immune? Se ripudi il trattato, non più. Non ha uomini e mezzi sufficienti per occupare un paese, anche se è abbastanza inquietante come entità.
      Passando agli eserciti.....fossi Boccia, eviterei questi tenebrosi riferimenti. Cosa vuol dire quello che ha detto? Che se non gli diamo il potere col voto se lo prendono con le forze armate?

      Elimina
  49. Pensavo che una zucca analitica come il prof venisse tritato nei tempi sincopati ed interrotti della tv. Ed invece anche nella retorica lapidaria che la tv consente è stato compendioso e comunicativo. Sembrava un consumato animale da talk show.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per nulla. Ho visto menti fulgide figurare come un minus habens davanti alla camera e anche peggio se bersagliati dai professionisti dell' insulto e dell' interruzione. Riuscire a comunicare, anche piacevolmente, in quelle condizioni assurde é un dono di natura del quale non puoi ascriverti alcun merito. È come nascere belli o brutti, divertenti o deprimenti

      Elimina
    2. prof io mi risparmio gli ovvi complimenti da stadio, tranne un midico!!!, che ccè pò stà. (vede mi sta anche romanizzando, adess turni amò lumbart....) Alura, piuttosto volevo dirle di stare attento alle reazioni che possono causarle gli interventi di questi luogocomunisti.(anche se certo, l'ultima parola è un programma abbastanza informale) perché questi piddini sono ultraprevedibili. Quando aprono bocca si capisce subito dove vogliono parare, dato che le loro "lievi imprecisioni" le preparano in modo plateale( e gliele conficcano nel cranio sin dalla loro nascita politica) Insomma quando li ascolti "le" senti proprio arrivare! Ecco, si, arriva...."più europa"....(rullo di tamburi:...."il sogno europeo"...e così via. Ci vuole sangue freddo.

      Elimina
    3. Mah, secondo me può anche non accontentarsi di un 1-0 risicato!

      Vedremo alla prossima apparizione! :)

      Elimina
    4. C'è una cosa che qui tutti sottovalutate, ma certo non è colpa vostra. Si chiama cultura. Due diplomi in conservatorio sono più utili di una laurea in economia (o di una trombatura alle primarie). Credetemi.

      Elimina
    5. A Giuseppe Rossi: per apprezzare la battuta di Alberto ti suggerisco di leggere questo commento:

      ---
      Gengiss 11 ottobre 2012 12:29

      Il blogo del professore è interessantissimo, ma i commenti degli studenti sembrano un po' troppo "lecchinisti". Saranno sinceri o sperano in un voto più alto all'esame?
      ---

      Anche lui ha l'aria di essere un trollonzo, cioè un troll assai Oronzo.

      Elimina
  50. Mi sono perso la puntata però me la stò vedendo ora, la risata dopo che boccia parla di "unione politica" è qualcosa di epico.

    RispondiElimina
  51. Profe, ha tenuto il punto!, come direbbe l'altro profe, Alain Badiou. E questo è importante.
    ... poi quella risata, mooolto scenica...
    però... il concorso? cmq lei ha giocato d'anticipo: "se mi lasciate ancora insegnare"

    RispondiElimina
  52. Grazie prof. per la sua testimonianza, che purtroppo non per colpa sua rimarrà tale, in questa gabbia di matti (vedi farsa Nobel per la pace). Non c'è speranza credo, ma vorrei tanto sbagliarmi.

    RispondiElimina
  53. me so tjato pure io. Peccato che è durata poco.
    La prossima volta da Formigli, ma probabilmente là non la inviteranno mai, è troppo sovversivo dire ciò che ripetono i maggiori macroeconomisti mondiali. E' un parlare controcorrente...

    RispondiElimina
  54. me pareva er gatto che se lecca i baffi mentre gioca cor topo
    maggicco.......

    questa è l'opinione der bufalo

    RispondiElimina
  55. Complimenti Prof. Bagnai per gli interventi a L'ultima parola di Paragone. Ha giustamente cercato di puntare l'attenzione del pubblico sulla forzatura rappresentata dall'Euro. Purtroppo, come ha osservato anche Paolo Barnard nella puntata precedente della stessa trasmissione, si dà ancora "molto carburante" al problema delle ruberie, cosa senza dubbio di valore etico, ma che non va a toccare le fondamenta del problema e distrae gli ascoltatori, alzando pure la temperatura della discussione che si trasforma in caciara. Quella di Paragone rimane comunque, a mio avviso, la migliore trasmissione nel suo genere. Lui è molto bravo ed attento. Purtroppo, il problema di fondo, secondo me, rimane sempre la fondamentale mancanza di ascolto tra le persone. Quel voler affermare a tutti costi qualcosa che alla fine fa agitare tutti senza capirne bene il motivo. C'è bisogno di intelligente dialogo e lei, Prof. Bagnai, ieri ha secondo me dato una prova di coraggio in questo senso. La strada è comunque dura. Buon lavoro.

    RispondiElimina
  56. d'altronde uno che scrive tagli "inimagginabili" per forza è l'economista del pi.dy
    http://www.francescoboccia.com/

    RispondiElimina
  57. Arbè(sinnò poi me danno der lecchino),già vedere qualcuno che smerda Celentano in TV è stato un inizio coi fiocchi......Si sogna mentre si dorme -me sto ancora a tajà- però la faccia della signorina,convinta di aver fatto una domanda interessante,che si guardava intorno smarrita non sapendo che pesci prendere dopo sua risposta non ha prezzo.

    PS secondo me Paragone ci gode a far fare figure di merda a Boccia!Poteva nominà a Serracchiani cosi per vedere che reazione poteva avere quel poraccio!

    RispondiElimina
  58. Complimenti professore, ha forato il video. Il dibattito si era polarizzato tra lei e Boccia, tra anti-euro e pro-euro. Se la invitano a qualche altra trasmissione si troverà automaticamente a capo dello schieramento anti-Monti, con tutto quello che ne conseguirà... si prepari.

    RispondiElimina
  59. Bravo Bagnai m'e' piaciuto molto anche se forse ha dato l'idea(come tra l'altro lei stesso ammette ogni tanto) di essere un tantino snob.Cmq ottimo intervento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, fa parte del mio cercare di dimostrare che gli Italiani Di regola non sono Untermenschen. Soprattutto in presenza di eccezioni, devo tentare di alzare la media.

      Elimina
    2. Secondo me ha dato l'idea di essere professionale, serio, non volgare, incisivo, chiaro. Ha dato anche dimostrazione che la tv può essere educativa e non una vetrina per cretini arrivisti

      Elimina
    3. Gli elettori sono adulti e come tali vanno trattati. Chi dice il contrario e' un venditore di fumo. Avrete notato che la pubblicita'utilizza toni e linguaggio adatti ai bambini anche quando l'oggetto da vendere e' un suv? Ecco, il prof questo non lo fa, ed e' la cosa che apprezzo di piu'. Se per te e' snobbismo, allora W lo snobbismo!

      Elimina
  60. Grande.

    Ho visto il video postato da Messora, in cui si sentono voci sovrapposte ma si capisce ugualmente che è stato un ottimo momento e che diversi temi hanno molto colpito il pubblico.

    Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ A chiunque possa interessare il video:

      Rivisto poco fa. Ora l'audio è perfetto.

      Elimina
  61. OT ... ma l'articolo di Giulio Sapelli è troppo interessante. Bellissimo l'incipit.

    http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2012/10/13/FINANZA-Sapelli-ecco-chi-sono-i-tecnocrati-che-vogliono-liquidare-l-Italia/327156/

    RispondiElimina
  62. All'ombra de' cipressi e dentro l'urne confortate di pianto è forse il sonno dell'euro -della morte- men duro?

    Questa citazione riadattata le (ti, se mi è permesso) è venuta di getto o era preparata? Spettacolo! Chissà se Boccia l'ha capita. A proposito, quando è partito con quella risposta farfugliata sulla tua (mi permetto) situazione lavorativa temevo che stesse per partire una minaccia mafiosa.

    Quando Boccia se ne è uscito con la storia del sogno, nella mia casa una risata ha rotto il silenzio della notte, sebbene in fondo mi faccia tenerezza, anch'io ho un sogno insensato: http://www.youtube.com/watch?v=PKiA47nZL-8
    ma io ci scherzo sopra, i piddini ci credono veramente.

    E ora cosa posso dire per non sembrare lecchino?
    "Arberto, 'a bionda t'ha gabbato!" Interrompendo con la solita litania il tuo intervento finale che stava filando con grande efficacia.

    PS: per chi avesse perso la puntata, byoblu ha inserito su youtube un video con riuniti gli interventi del prof. Bagnai http://www.youtube.com/watch?v=JGcbKCcVES8

    Valter

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valter, mi sa che non hai capito con chi hai a che fare. Io non sono un economista, caro. E Myrta falla sfogare. Ne riparliamo fra un anno, scommetti? Io mi sono preparato, certo, per 49 anni.

      Elimina
  63. Impeccabile la risposta di Bagnai alla frase fatta di Boccia, “ai miei figli voglio lasciare un sogno!”:

    “Quello che voi volete è che gli elettori dormano; perché solo quando si dorme si sogna!”

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Er "Boccia" se la pensa...

      PD or not PD:
      that is the question:
      Whether 'tis nobler in the mind to suffer
      The slings and arrows of outrageous fortune,
      Or to take arms against a sea of troubles,
      And by opposing end them?
      To die: to sleep;
      No more; and by a sleep to say we end
      The inflation and the thousand asymmetrical shocks
      That n€uro is heir to, 'tis a consummation
      Devoutly to be wish'd.
      To die, to sleep;
      To sleep: perchance to DREAM!!!!

      Elimina
  64. non ho visto la puntata dell'ultima parola,ma solo il video di byoblu.ho trovato il prof meno calmo del solito,ma vista l'arena in cui combatteva ne invidio la compostezza.Ringrazio Paragone,unico ad invitare ospiti che accendono qualche luce,se fosse per lui gli concederebbe più spazio.Boccia è stato sputtanato da Borghi come riportato pure in un post del sito,è demolito spesso in tv,anche quando parla di giustizia(vs travaglio),ma gode di ampi spazi spesso senza contraddittorio.Di cialtroni è pieno:ieri Barca ha detto a piazzapulita che l'illuminazione notturna è da ridurre perchè si possano apprezzare meglio le stelle di notte,dopo 1 servizio in cui cittadini di una periferia romana lamentavano l'assenza di luci di notte,che causava insicurezza:in studio nessuno gli ha detto di non sparare minchiate.Perciò,a differenza di altri,mi è piaciuto più il pezzo in cui il prof chiede a ferrero di prendere una posizione sull'euro,e quello"io l'ho già presa"...lui l'ha presa sul fiscal compact,ma sull'euro non si pronuncia,come ha fatto notare il prof nei commenti in un post precedente(anch'io ero e sono contento della manifestazione contro il fiscal compact,ma non avevo ragionato sul fatto che di euro ferrero non ne parla mai!).
    Il prof cita Di Pietro.In qualche post precedente il prof chiedeva di segnalargli il pezzo in cui a ballarò di pietro descriveva come le leggi vigenti e/o quelle in discussione non eliminavano alla base la corruzione.Ieri,da quanto ho capito,il prof richiamava il fatto che la corruzione negli enti locali è anche frutto di leggi di derivazione europea.Da ciò,ho pensato che il prof sostenesse che la corruzione da cui nascono gli scandali quotidiani fosse una mossa prevista ed incentivata dall'UE velatamente in modo da generare sfiducia ulteriore negli enti locali e spingere verso il controllo centralizzato della spesa locale e maggiori poteri allo Stato,in modo da insistere ancor più sul problema corruzione per nascondere all'opinione pubblica il vero problema dell'euro,e così da elevare Monti come salvatore e il Monti bis come la salvezza. ebbene,non nascondo che sono nauseato dalla campagna morbosa e pallosa anticorruzione,che sono sicuro nasconda veramente il problema dell'euro.Ma non è forse azzardato dire che la corruzione ha una delle sue origini nelle leggi volute dall'UE? In passato al prof qualcuno diceva "Prof,lei sbaglia,il debito privato non è colpa della grande pressione pubblicitaria ad indebitarsi rivolta al consumatore,ma è colpa del consumatore che si indebita,in quanto padrone delle proprie scelte".Io ovviamente non ero d'accordo con tale opinione. Ma ora il discorso è diverso:pur spingendo le leggi europee a liberalizzare i servizi pubblici e pur essendovi delle leggi di derivazione europea che indirettamente pongono dei semi su cui possono nascere comportamenti di corruzione,non è però enorme colpa dell'individuo se si abbandona a comportamenti illeciti?dunque non è forse rischioso sostenere che leggi dell'UE potrebbero non aver voluto combattere la corruzione in modo da trovarci nello stato in cui siamo e favorire così la risposta proeuropa proeuro promonti?dico ciò perché questa potrebbe apparire una forzatura,un fatto cioè non fondato su evidenti ed incontrovertibili dati,e per questo attaccabile e facilmente punto debole del ragionamento,mi immagino già Boccia che scassa i coglioni su queste faccende insomma.ciò ovviamente ammesso che io abbia capito,se no ditemi che non ho capito una beata minchia e per cortesia indicatemi dove di pietro o chi per lui spiega come indirettamente certe leggi dell'UE spingano verso la corruzione o certe leggi in discussione di derivazione europea spingano verso la corruzione per gli scopi che ben conosciamo.
    con questa riflessione,se così si può definire,non voglio scomodare alcuna persona,desideravo chiedere a qualcuno,se può e vuole,di indicarmi dove posso trovare le risposte ai miei dubbi.vi ringrazio tanto.

    RispondiElimina
  65. prof, complimenti e mi unisco con piacere al coro dei lecchini. Qui i dati auditel
    "L’ultima parola, talk condotto da Gianluigi Paragone, ha registrato 1.008.000 telespettatori, share del 14,22%"
    per cui una milionata di italiani ha potuto finalmente ascoltare un pò di verità. Sarà una gara in salita, ma vista dall'altra parte è una discesa....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io sono un combattente. Narcisista, stronzo, e combattente. D'altra parte, come fai a combattare se non ti aiuti un po'? Io mica sono nato a Tokyo, sono nato a Firenze...

      Quindi ci si diverte, è un po' una zingarata, o anche un tajo (alla romana).

      Elimina
  66. "...ma il taglio dei costi della politica non ha nulla a che vedere con l'esclusione dei costi del debito pubblico che il divorzio (fra Tesoro e Banca d'Italia dl 1981) ha provocato, non ha nulla a che vedere con il fatto che i governi sono in mano ai mercati per finanziarsi..."

    Ecco, questa è la frase conclusiva del video di Messora, pronunciata dal prof. Bagnai, e devo dire che, rivedendo il video, i concetti espressi in questa frase io, da profano dell'economia, ma da persona che cerca di informarsi e di farsi un'idea della situazione attuale, li sentivo miei anche prima che venissero pronunciati in maniera chiara e precisa dallo stesso Bagnai. Penso che il nodo centrale sia proprio questo...il modo in cui siamo stati ridotti per finanziarci...A prescindere dalle ideologie politiche,(sia che tu sia di destra, di sinistra o di centro non potresti negare una tale evidenza), è proprio questo meccanismo ad essere truffaldino. Perchè uno stato sovrano è stato ridotto a mendicare il proprio finanziamento pubblico sui mercati? Dovremmo forse chiederlo alla nostra classe politica tutta...credo proprio che ci abbiano venduto ai mercati in cambio dei loro piccoli sporchi privilegi...Io credo che se lo stato perde la propria sovranità monetaria, perda anche la propria democrazia ed indipendenza politica. Ed oggi ci troviamo in questa situazione di vassallaggio incapaci di far fronte alle nostre esigenze di welfare interno, strozzati, "incravattati" da un debito pubblico che io non vedo eticamente sostenibile.





    RispondiElimina
  67. Prof. Bagnai, cosa ne pensa della Tobin?, non è anche questa un mezzuccio per deviare capitali sui titoli di stato e poi Eurobond per continuare, come ha detto lei in trasmissione, il finanziamento dei governi sui mercati???

    RispondiElimina
  68. Caro Prof. Bagnai, lei è un grande. La vorrei vedere ogni giorno sput....tutti questi "falsi" economisti, soprattutto sinistroidi che hanno perso totalmente la bussola, dirigendosi verso una strada liberal-criminale. W Bagnai, W Keynes
    "la coscienza porterà al cambiamento" e grazie (anche) a lei siamo tutti un po' più coscienti!

    RispondiElimina
  69. Alberto,

    ma tu a Natale glieli regali gli Stati Uniti d'Europa ai tuoi figli? O hai figli ordinari che ti chiedono sempre le solite stronzate? Qui sta la differenza tra un buon padre e un padre mediocre. E Martin Luther Boccia è pronto a sobbarcarsi la spesa se i figli glielo chiedono.

    RispondiElimina
  70. Ho visto al sintesi di Byoblu, il sito RAI caricacarica ma non mostra niente... sicuramene un problema tecnico (in altri tempi sarebbe stato un errore di stOmpa) ;)
    La ragazzina cona la "evve" era telecomandata o ci credeva veramente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ne ho idea e preferirei non approfondire l'argomento...

      Elimina
  71. Qualcuno per favore mi dica dove in quale Università insegna l'onorevole Boccia perché almeno saprò in quale Università non scriverò mai mio figlio, se questo è il livello di conoscenza dell'economia aziendale siamo veramente rovinati. Persino mio figlio che ha tredici anni riuscirebbe a smentire l'ooooonoreeevoooleee Boccia che meriterebbe di essere bocciato all'esame di economia aziendale.
    Commercialista disperata e affranta che da un pò, dietro le quinte ,segue il suo interessantissimo blog.

    RispondiElimina
  72. QED: Riporto un breve scambio di opinioni che ho avuto con il segretario del PRC Ferrero sulla su pagina facebook:

    Gentile Ferrero,
    lei mi è fondamentalmente simpatico e credo nella sua buona fede; detto questo e senza troppi giri di parole, lo vuole capire che mettere in discussione il fiscal compact senza mettere in discussione la permanenza dell'Italia nell'euro è una contraddizione in termini? Cos'è ha bisogno dei disegnini?

    Ieri sera il prof. Bagnai ha detto parole di verità sulla crisi in atto e ha spiegato perchè il problema è l'euro; lei era presente, ma continua ancora a credere che questa Europa possa essere riformata e diventare l'Europa dei popoli: vorrei sommessamente chiedere quali sono le basi su cui poggia questa speranza, che a mio avviso è solo pura illusione (nel suo caso perchè le concedo il beneficio della buona fede; mentre nel caso del PD e delle altre forze politiche è pura presa per i fondelli). Eurogendfor docet. Ci stiamo avviando verso un'Europa fascista e se lei non cambia obbiettivo ne sarà inevitabilmente complice.
    La prego di rifletterci su.

    Paolo Ferrero Il motivo è abbastanza banale: se una maggioranza di italiani fosse daccordo a disdire il fiscal compact questo farebbe saltare la composizione europea. Visto che l'Italia non può fallire permetterebbe di contrattare una significativa modifica delle politiche economiche. Viceversa se una maggioranza di italiani fosse daccordo all'uscita dall'euro non ho ancora sentito dire che cosa farebbe su depositi bancari, ruolo banca centrale, chi paga inflazione importata, politiche economiche, etc. In altre parole il ruolo salvifico dell'uscita dall'euro mi pare una tipica attitudine italiana alla ricerca dei miracoli e dell'uomo della provvidenza. Purtroppo i miracoli non esistono e gli uomini della provvidenza non hanno dato buona prova di se.

    Mi dispiace ma con questa risposta lei dimostra di non aver compreso il rapporto di causa-effetto. Il fiscal compact è l'effetto, l'euro è la causa. Vorrei inoltre farle notare che di uscita dall'euro se ne parla e come in Francia, in Spagna, in Grecia, persino in Germania; in quasi tutti i paesi occidentali c'è un dibattito pubblico e dei partiti esplicitamente schierati contro l'Euro. In Italia nulla, vuoto assoluto. p.s.: il fiscal compact è la ratifica di un trattato e come tale non sottoponibile a referendum. In che modo intende farlo disdire agli italiani?

    Paolo Ferrero Mi dispiace ma lei non ha capito che esiste la volontà politica e non sole le leggi che lei pensa siano oggettive dell'economia. il fiscal compact è una scelta politica coerente con il complesso dei trattati europei. Noi siamo per farli saltare e come diceva Lenin bisogna agire sull'anello più debole della catena. Mi pare del tutto evidente che l'anello più debole è il fiscal compact e le politiche recessive e non l'euro. Chi prova a cambiare le cose si pone questo problema, chi si pensa sia sufficiente denunciare una situazioen epr cambiarla no.

    Ok ho capito, non ve la sentite di fare una battaglia di civilta` e di popolo. Me ne faro` una ragione. Spero di sbagliarmi ma il redde rationem e` vicino e non sara` per niente piacevole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e inoltre da finta (ferrero) di non comrpendere i problemi che nascono dal mercato comune...la deflazione coatta implicita nell'accettare
      l'aggancio al marco (cosa nota e discussa dal 1978 nel parlamento italiano come dimostrano badiale e tringali)
      il flusso di capitali dai paesi esportatori ^freddi^(con bassa inflazione e maggiore propensione epossibilita'all'investimento in innovazione con conseguente miglioramente della produttivita'...)
      non so chi sia ferrero ma non mi aspettavo nulla di buono

      su myrtha merlino : furbissima molto intelligente sa di cosa
      si discute e sa cosa deve fare per divagare sviare l'attenzione del pubblico ...gambe abbronzate e ben tornite in primo piano...te l'hanno mandata per neutralizzarti alberto..nota come la metteva sul piano emotivo ..
      e per me in parte c'è riuscita...boccia fa lo scemo
      (e gli riesce ) e quindi mi rifiuto di ascoltarlo

      mi chiedo quanto sia passato dei tuoi ragionamenti ad
      un pubblico non informato...sicuaremente porti un esempio
      di civilta' e di come si possa trattare un argomento difficile anche in tv...un difetto : delle volte parlavi troppo velocemente e non urlavi abbastanza...^^
      look anni '70 : OK!
      paragone sembra abbastanza una brava persona !!! (e solo un ex leghista berlusconiani potrebbe permettersi di trattare certi argomenti in tv, se ho capito bene la ^nostra^ puntata
      ha fatto il record di ascolto )

      si parlava di gawronski : non so se l'avevato notato ma si era aggiunto al blog come follower gia' lo scorso inverno!
      lo scorso novembre dicembre aveva mantenuto una posizione
      molto critica esplicita su bce governo monti politica sull'offerta , parlando apertemente di possibile uscita dall'euro...virando poi verso una posizione simile a quella di piga...comunque ha fatto una buona informazione divulgativa sul FQ ...inoltreè aperto al dialogo e disponibile per essere un top consulente (del pd^^?non ci posso credere...)

      Elimina
  73. grazie pippo74. e pensare che tutte ste cose il guerriero ferrero le pensava pure mentre annuiva che ancora un pò e gli si spezzava l'osso del collo..
    per fortuna torna santoro tra poco,parlerà sicuramente pochissimo di ladri e corrotti,concentrandosi sul malefico tabù,come il promo sottolinea

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.